Hyundai studia la "fuel cell" di nuova generazione

La "vecchia" ix35 FCEV è stata il trampolino di lancio per lo sviluppo di una inedita vettura a idrogeno che debutterà prima del 2020.

Hyundai ix35 FCEV: primo contatto

Altre foto »

La sfida tecnologica all'insegna della propulsione eco friendly si giocherà sulle celle di combustibile. Sarà a idrogeno, in estrema sintesi: è quanto promettono i vertici Hyundai, che in questi giorni rilasciano alla stampa internazionale le prime dichiarazioni di intenti relative allo sviluppo di un inedito modello "fuel cell".

In realtà, la vettura a idrogeno a celle di combustibile ci sarebbe già, nei piani del marchio coreano: si tratta della ix35 FCEV, che aveva debuttato a inizio 2014 sulla base della già "superata" crossover ix35. Tuttavia, sotto la lente dei "piani alti" di Hyundai c'è Toyota, che nelle scorse settimane aveva svelato la inedita Mirai, berlina sviluppata secondo un programma a se stante. Ed ecco il risultato: a stretto giro di posta, Hyundai svela che la prossima generazione di modelli a idrogeno sarà sviluppata secondo un progetto inedito. La data di debutto sarà fissata più avanti: con ogni probabilità, anche prima del 2020, quando cioè sarà lanciata la prima "fuel cell" Kia.

Ai taccuini di Autocar, il responsabile del team Hyundai - Kia di sviluppo dei veicoli a idrogeno, Kim Sae-Hoon, anticipa che "La nuova vettura fuel cel sarà portata al debutto in un futuro a medio termine: non sappiamo ancora su quale modello sarà realizzata". A parte questo, sono chiari i vantaggi relativi a una progettazione ex novo, a partire - tecnologicamente parlando - dalle necessarie differenti dimensioni di alcuni componenti: "Per fare un esempio, prendiamo i radiatori: sulle vetture a celle di combustibile devono essere più grandi. E una dimostrazione concreta arriva proprio da Toyota, che ha scelto questa inedita soluzione per la nuova Mirai".

L'attuale andamento del mercato, tuttavia, potrebbe suggerire per la futura "fuel cell" di Hyundai una linea Suv o crossover, anche considerata la costante espansione nelle vendite dei modelli che appartengono a questo segmento; in second'ordine, l'identità "Sport Utility" apparirebbe coerente con la linea di vetture eco friendly in via di sviluppo da parte del Gruppo coreano, come dimostrerebbe la recente Kia Niro svelata il mese scorso e già candidata a un ruolo di concorrente nei confronti di Toyota Prius.

Più chiara, e già delineata sui taccuini delle priorità da parte dei tecnici coreani, è l'impostazione dei valori su strada che Hyundai vuole conferire al futuro modello a idrogeno di nuova generazione: lo stesso Kim Sae-Hoon indica un'autonomia di circa 800 km e una velocità massima di oltre 170 km/h: dati decisamente avanzati rispetto all'attuale Hyundai ix35  a idrogeno, che raggiunge circa 160 km/h e dispone di un'autonomia che si aggira sui 100 km.

La questione tecnica da risolvere è relativa alla capienza del vano bagagli: dati alla mano, il dirigente Hyundai sottolinea come il cliente medio del marchio coreano vuole vetture dall'adeguata abitabilità a bordo e dalla notevole capacità di carico: "voci" che al momento attuale non si coniugano al meglio con le necessità tecniche, dal momento che un serbatoio più grande per le celle di combustibile (per ottenere maggiore autonomia) sottrae spazio al bagagliaio. In questo senso, Hyundai sembra osservare l'industria aerospaziale per trovare delle soluzioni in grado di coniugare autonomia ed elevate capacità di carico.

 

Se vuoi aggiornamenti su HYUNDAI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Giorgi | 04 gennaio 2016

Altro su Hyundai

Hyundai i30 N: pensata per il Nurburgring
Anteprime

Hyundai i30 N: pensata per il Nurburgring

La vettura prenderà parte alla 24 Ore del circuito tedesco il 26 maggio.

Genesis, il brand premium di Hyundai pensa all’ibrido
Anteprime

Genesis, il brand premium di Hyundai pensa all’ibrido

Genesis, brand premium del Gruppo Hyundai, lancerà nel prossimo futuro una serie di modelli ibridi plug-in.

Hyundai Tucson, in tour con la Coppa degli Europei
Curiosità

Hyundai Tucson, in tour con la Coppa degli Europei

La Casa coreana porterà scorterà la Coppa degli Europei verso 11 città francesi che ospiteranno le partite preliminari del torneo.