Hyundai: richiamo USA per 140.000 Sonata

Negli Usa Hyundai si appresta a richiamare 140.000 unità della Sonata (in Europa è conosciuta come Sonica) per problemi al piantone dello sterzo

La Hyundai ha iniziato il richiamo di quasi 140.000 Sonata (che in Europa è conosciuta come Sonica) vendute in tutti gli Stati Uniti, per problemi correlati allo sterzo. Una nota della compagnia ha precisato che non sono stati segnalati incidenti di rilievo e che si tratta di unità vendute tra l'11 dicembre 2009 e il 10 settembre scorso i cui difetti sono stati evidenziati ad agosto dall'Nhtsa, l'autorità che negli Stati Uniti si occupa di sicurezza stradale e dei veicoli che vi circolano.

Secondo l'organo federale Usa, su alcune di queste berline è stato riscontrato che l'albero dello sterzo non è stato assemblato in maniera corretta "con conseguente possibilità di una rottura di alcune componenti che porterebbero l'auto a non sterzare del tutto o a farlo in maniera ridotta, con possibilità di gravi incidenti".

I concessionari Hyundai negli Stati Uniti saranno tenuti ad avvertire i propri clienti, che avranno la possibilità di far controllare gratuitamente il sistema direzionale della vettura e di ottenere l'aggiornamento del software di gestione.

Per i proprietari di 47.000 Sonata, il richiamo era già "suonato" a febbraio scorso, quando Hyundai fece sostituire la serratura delle portiere anteriori, in seguito a numerose lamentele da parte di clienti. Anche in quel caso, l'azienda sostituì il meccanismo senza spese aggiuntive per gli automobilisti. La Sonata è il modello Hyundai più venduto negli Stati Uniti, con circa il 35% della quota di mercato dell'azienda coreana.

Se vuoi aggiornamenti su HYUNDAI SONICA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 27 settembre 2010

Altro su Hyundai Sonica

Hyundai: restyling per la Sonata/Sonica
Anteprime

Hyundai: restyling per la Sonata/Sonica

La Casa coreana ha lanciato sul mercato interno la nuova versione della berlina da noi conosciuta come Hyundai Sonica. Arriverà anche in Europa?