Roma più sicura grazie al piano anti buche

Al via un piano di manutenzione straordinaria da 68 milioni di euro. Cantieri aperti nel centro storico e nella periferia della capitale

Buche, piccole voragini e asfalto in pessime condizioni. Gli automobilisti romani fanno i conti tutti i giorni con una delle dure "realtà" della capitale. Qualcosa però sembra finalmente muoversi. Il sindaco Gianni Alemanno ha annunciato ieri la partenza di un piano straordinario di manutenzione stradale che prevede una spesa complessiva di 68 milioni di euro, 50 dei quali saranno impiegati per la manutenzione ordinaria di diversi municipi.

I restanti 18 milioni invece saranno spesi per la manutenzione straordinaria, e per rimettere in sesto via del Corso, via Ugo Ojetti e corso Rinascimento. Gli interventi saranno a tutto campo: dalla riqualificazione alla sistemazione e verifica del sistema fognante, sedi stradali e pedonali. E ancora saranno oggetto degli interventi anche via Nomentana, via Prenestina e altre. Le attività di ripristino prenderanno il via il prossimo 15 giugno e dureranno fino al 30 settembre, in tempo utile per affrontare la stagione autunnale e invernale.

Dal 2002 al 2009 il Comune di Roma ha investito 411 milioni, di cui oltre 230 solo nel biennio 2008-2009, per le manutenzioni ordinarie e straordinarie.

Se vuoi aggiornamenti su ROMA PIÙ SICURA GRAZIE AL PIANO ANTI BUCHE inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Lorenzo Stracquadanio | 19 maggio 2010

Vedi anche

Gruppo FCA: per il ministro del Delrio i diesel sono in regola

Gruppo FCA: per il ministro del Delrio i diesel sono in regola

Il Ministro dei Trasporti Delrio, in un audizione alla Camera ha voluto mettere fine alla polemica tra la il Governo tedesco e FCA.

FCA: utile record di 1,8 miliardi nel 2016

FCA: utile record di 1,8 miliardi nel 2016

Tra i marchi Jeep ha avuto un aumento del 9%

Trump ai big three di Detroit: "investire negli Usa"

Trump ai big three di Detroit: "investire negli Usa"

L’eletto presidente repubblicano incontra i vertici Fca, Ford e General Motors: al primo posto la difesa del lavoro negli Stati Uniti.