Oltre 90.000 Mazda3 pronte al richiamo

Motivo: possibile perdita di olio nei modelli venduti in Giappone e Cina. Mentre altre 191.500 unità in tutto il mondo sono già in preallarme

Oltre 90.000 Mazda3 pronte al richiamo

di Andrea Barbieri Carones

16 aprile 2010

Motivo: possibile perdita di olio nei modelli venduti in Giappone e Cina. Mentre altre 191.500 unità in tutto il mondo sono già in preallarme

Viene sempre dal Sol Levante l’ultima storia di richiamo di auto difettose. Questa volta è toccato a Mazda, che ha reso noto di aver richiamato sui mercati di Giappone e Cina quasi 90.000 auto Axela, conosciute col nome di Mazda3. Motivo: una possibile perdita d’olio. Le auto che saranno ricontrollate sono quelle prodotte tra gennaio 2006 e marzo 2009. Allerta, invece, per altre 191.500 unità dello stesso modello venduti in altri mercati e che potrebbero presto essere oggetto di richiamo o di altri interventi di manutenzione.

Anche se l’azienda nipponica non ha reso noto quali siano questi altri mercati, si sa che la Mazda3 venduta negli Stati Uniti non sarebbe fra le auto sotto osservazione dato che monta un diverso motore.[!BANNER]

Se Mazda piange, Toyota certo non ride: dopo i clamorosi richiami di massa degli ultimi mesi, la Casa numero uno al mondo in quanto a vendite ha sospeso in tutto il mondo la commercializzazione della Lexus GX 460 per un rischio connesso con i possibile ribaltamento del mezzo.