Alonso pilota McLaren: "la leggenda tornerà"

Suo compagno di squadra Jenson Button

E' ufficiale: Fernando Alonso sarà un pilota della McLaren. Dopo cinque anni a Maranello, l'ex Ferrari approda in quel di Woking per la seconda volta, dopo la non brillante esperienza del 2007 dove ebbe anche alcuni problemi con Lewis Hamilton.

L'annuncio è arrivato solo adesso perché ancora alla McLaren non avevano deciso chi sarebbe stato il nome del compagno di squadra di Alonso ma adesso è arrivata anche questa ulteriore conferma, si tratta di Jenson Button.

La perseveranza e la determinazione nel chiedermi di tornare sono state decisive nel farmi assumere la mia decisione, visto che ho avuto numerose offerte" ha commentato Alonso. Poi dopo aver detto che Ayrton Senna è stato un suo idolo d'infanzia ha lanciato un messaggio ai tifosi: "Abbiamo tempo, speranze e le risorse necessarie: la leggenda tornerà. Questa è la nostra sfida".

Ron Dennis presidente della McLaren ha accolto l'arrivo del pilota spagnolo con queste parole: "Ci siamo accordati con Fernando qualche tempo fa, ma abbiamo deciso di non annunciarlo fino a quando non abbiamo trovato l'accordo anche con Jenson. Le trattative sono state piuttosto lunghe, ma ora siamo contenti e fiduciosi che la nostra collaborazione con lui potrà essere efficace come in passato.".

 

Se vuoi aggiornamenti su ALONSO PILOTA MCLAREN: "LA LEGGENDA TORNERÀ" inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giovanni Mercadante | 12 dicembre 2014

Vedi anche

Adam Carolla mette in vendita la sua collezione di rarissime Lamborghini

Adam Carolla mette in vendita la sua collezione di rarissime Lamborghini

L'attore e doppiatore statunitense manda sul mercato vetture dal valore complessivo di circa 4 milioni e mezzo di dollari

Matteo Renzi al volante della Lamborghini Huracán LP610

Matteo Renzi al volante della Lamborghini Huracán LP610

Il presidente del consiglio in visita allo stabilimento di Sant'Agata Bolognese

Ferrari F40: prima il restauro, poi le fiamme

Ferrari F40: prima il restauro, poi le fiamme

Incendio per il gioiello di Maranello del 1987: colpa di una autocombustione che si è generata nel vano motore