Nissan pronta a rilevare il 34% di Mitsubishi

Il costo dell’operazione annunciata da Carlos Ghosn sfiorerà i 2 miliardi di euro e sarà definita entro l’anno.

Matrimonio inaspettato nel comparto automobilistico nipponico: a sorpresa Nissan ha annunciato che acquisirà il 34% del capitale di Mitsubishi, precipitata in un profonda crisi dopo il recente scandalo sui test truccati delle emissioni avvenuto in Giappone.

Ad annunciarlo è stato il CEO dell'Alleanza Renault-Nissan, Carlos Ghosn, che ha parlato di un investimento di 237 miliardi di yen (circa 2 miliardi di euro secondo il cambio attuale) capace di dare vita ad un'alleanza strategica che avrà come obiettivo la condivisione di molteplici forze dei due costruttori: da quello tecnologico a quello finanziario, passando dal manifatturiero e dal commerciale. Il Presidente della Casa dei tre diamanti e un terzo del board sarà nominato dalla Nissan. Per il momento il CEO di Renault-Nissan non è sembrato preoccupato dalle conseguenze dello scandalo che ha travolto Mitsubishi e dalla eventuale possibilità che possa espandersi anche sui mercati esteri. Ovviamente, Ghosn e i vertici Nissan,  avvieranno un'accurata inchiesta prima della chiusura dell'operazione, fissata per la fine dell'anno.

Il manager di origini brasiliane non è nuovo a questo tipo di "salvataggi", 17 anni fa era infatti stato incaricato da Renault di salvare Nissan - a quel tempo in grosse difficoltà finanziarie - con una ristrutturazione "lacrime e sangue".  In realtà, le due Case giapponesi collaborano già da un po' di anni: dal 2011, la Casa dei tre diamanti produce due linee di minicar per Nissan, anche se la fornitura è stata recentemente sospesa, proprio a causa dello scandalo emissioni.

Oggi, il titolo di Mitsubishi alla Borsa di Tokyo è stato sospeso per eccesso di ordini d'acquisto, chiudendo al limite massimo consentito, pari a 575 yen, mentre dal 20 aprile, giorno in cui è scoppiato lo scandalo, il titolo era crollato quasi del 45%. Dal canto suo, Ghosn, in una seconda conferenza stampa ha snocciolato i risultati finanziari del suo Gruppo  - che conta i brand Renault, Nissan, Dacia e Samsung Motors - al 31 marzo scorso. I dati parlano di un utile netto in aumento del 14% (pari a 4 miliardi di euro), ricavi in aumento del 7,4% con ben 91,9 miliardi di euro e di un profitto operativo superiore del 34,6%, anche se nell'ultimo trimestre è stata registrata una flessione della redditività pari al 40%. Ghons ha inoltre accennato ad un ulteriore impatto negativo sui conti di Nissan causati dalle previsioni degli analisti su un molto probabile rialzo dello yen.

Se vuoi aggiornamenti su NISSAN inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Donnici | 12 maggio 2016

Altro su Nissan

Nissan Navara, il pick-up giapponese si spezza in due?
Play

Nissan Navara, il pick-up giapponese si spezza in due?

Alcuni possessori del Nissan Navar hanno denunciato gravi problemi strutturali sul pick-up giapponese che potrebbe letteralmente spezzarsi in due.

Nissan punta sulla connettività per i propri clienti
Tecnica

Nissan punta sulla connettività per i propri clienti

La connettività è al centro della strategia che Nissan vuole implementare al fine di migliorare l'esperienza dei propri clienti.

Nissan e-NV200, arriva l’ufficio mobile ecosostenibile
Ecologiche

Nissan e-NV200, arriva l’ufficio mobile ecosostenibile

il veicolo elettrico Nissan e-NV200 si trasforma in un vero e proprio ufficio mobile in grado di rispondere alle necessità lavorative del futuro.