Il nuovo Opel Movano in dettaglio

Trazione davanti o dietro, nuovi common rail fino a 146 CV e capacità di carico fino a 17 metri cubi. Obiettivo: raggiungere 15.000 unità per il 2013

Tutti i dettagli dell'Opel Movano Model Year 2010

Altre foto »

Opel ha comunicato i dettagli relativi alla seconda generazione di Movano, il veicolo commerciale leggero della casa tedesca che, nei piani dell'azienda, inaugura una nuova strategia volta a espandere la gamma del segmento e di raggiungere le 10.000/15.000 unità entro il 2013.

Oltre a un design interamente rinnovato nell'estetica, i tecnici Opel hanno rivisto completamente la struttura della cabina che adesso è più lunga di 5,7 centimetri rispetto alla versione precedente, adotta materiali di alta qualità e garantisce una maggiore visibilità in marcia. Numerose le versioni disponibili. Si va dal furgone, in quattro lunghezze e tre altezze di tetto, telaio a cabina singola o doppia, pianale cabinato e minibus. Non mancano inoltre conversioni e allestimenti particolari e alcune versioni speciali (cassonato e ribaltabile).

Il volume di carico del nuovo Movano raggiunge i 17 metri cubi, con una lunghezza massima dell'area di carico fino a 4,4 metri, mentre la massa complessiva arriva fino a 4,5 tonnellate, e la portata a 2,5 tonnellate (in caso di traino può rimorchiare fino a 3,0 tonnellate). Nell'uso quotidiano la versatilità del mezzo è garantita attraverso piani di carico accessibili e porte laterali scorrevoli. L'apertura di serie dei portelloni posteriori è di 180 gradi mentre quella laterale scorrevole di serie ha un'altezza massima di 1780 mm (versione H2/H3), e una larghezza massima di 1270 mm (1050 mm sulla versione L1), e consente il carico di pedane normalizzate (Europallet).

Per Movano Opel ha previsto una nuova famiglia di motori diesel common-rail quattro cilindri 2.3 CDTi da 100 CV, 125 CV e 146 CV. L'autonomia di marcia raggiunge quasi i 1.400 km (con il serbatoio opzionale da 105 litri). Il cambio è di tipo manuale a sei rapporti, mentre per i due motori più performanti è prevista anche una trasmissione automatica Easytronic. Due le trazioni previste: anteriore (FWD) e posteriore (RWD). Quest'ultima nello specifico consente di supportare masse più elevate, trasportare carichi maggiori (lo sbalzo posteriore è più lungo) e di avere maggiore grip su asfalti con scarsa aderenza.

Sul fronte della dotazione di sicurezza Movano adotta freni con ABS e ripartitore elettronico della frenata (EBD), di serie su tutti i modelli, mentre il controllo elettronico della stabilità (ESP) è di serie su tutti i modelli a trazione posteriore, e come opzione per le versioni a trazione anteriore. E ancora airbag lato guida, cinture di sicurezza con tre punti di ancoraggio, pretensionatore e limitatore di carico.

Se vuoi aggiornamenti su OPEL inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Lorenzo Stracquadanio | 22 marzo 2010

Altro su Opel

Opel Crossland X, primo contatto con il crossover urbano
Ultimi arrivi

Opel Crossland X, primo contatto con il crossover urbano

L’erede della Meriva abbraccia forme da crossover compatto, ma non rinuncia alla sua vocazione prettamente urbana.

Opel Mokka X 4x2 140 CV GPL Tech: la prova su strada
Prove su strada

Opel Mokka X 4x2 140 CV GPL Tech: la prova su strada

Al volante del crossover "del fulmine" abbiamo "macinato" tantissimi chilometri anche grazie alla doppia alimentazione benzina/GPL.

Opel Insignia Grand Sport: la nuova ammiraglia del Fulmine a Ginevra
Anteprime

Opel Insignia Grand Sport: la nuova ammiraglia del Fulmine a Ginevra

Tutta nuova la berlina di Casa Opel che diventa più grande e tecnologica