Citroen Jumpy 2012

La Casa francese presenta il suo nuovo MPV da 9 posti, aggiornato in questa versione 2012 nell’estetica e in particolare nei contenuti.

Citroen Jumpy 2012

Altre foto »

Seguendo l'esempio del nuovo Berlingo Multispace 2012, Citroen rinnova anche il monovolume Jumpy che nella versione 2012 porta in dote leggeri ritocchi alla carrozzeria che non stravolgono l'essenza del grande MPV francese, mentre l'aggiornamento dei contenuti tecnici e meccanici risulta molto più sostanzioso.

Studiata per un pubblico con grandi esigenze di spazio, la Citroen Jumpy 2012 può ospitare nel suo capiente abitacolo fino ad un massimo di 9 passeggeri, disposti su tre file di sedili, senza dimenticare il generoso bagagliaio che denuncia una capacità di carico pari a 553 litri. Esteticamente la multispazio francese  guadagna l'inedita colorazione Marrone Hickory e sfoggia un frontale rinnovato. I designer del Costruttore francese hanno realizzato una nuova mascherina abbinata all'inedito logo della Casa d'oltralpe che si estende con i lunghi listelli cromati fino ai proiettori anteriori.  

Le novità del nuovo Jumpy hanno riguardato anche il riposizionamento degli allestimenti, ora suddivisi in Attraction, Seduction ed Exclusive. Quest'ultimo risulta particolarmente completo e curato, offrendo di serie il sistema di controllo della pressione delle ruote e il sofisticato "Grip Control", un dispositivo antipattinamento di ultima generazione settabile in quattro differenti modalità.

La nuova Citroen Jumpy 2012 viene equipaggiata con due propulsori diesel, suddivisi in tre diversi livelli di potenza. Si parte dal 1.6 litri HDi capace di erogare 95 CV, abbinato ad un cambio manuale a 5 rapporti. Un gradino più in alto troviamo il 2.0 litri HDi da 125 CV, abbinato sempre al manuale a cinque marce, mentre al top di gamma si posiziona il 2.0 litri HDi da 160 CV, scaricati tramite l'uso di un cambio manuale a sei marce o in alternativa di un automatico-sequenziale.

Se vuoi aggiornamenti su CITROËN JUMPY inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Donnici | 03 febbraio 2012