GM Daewoo: al richiamo 58.000 auto

Il richiamo della filiale sudcoreana della General Motors ha riguardato modelli venduti nel mercato interno. Attesi ulteriori sviluppi

Tempi duri per i costruttri automobilistici asiatici: il ministro dei Trasporti coraeno ha rseo noto che GM Daewoo, la filiale sudcoreana dell'americana General Motors, ha richiamato oltre 58.000 auto.

La ragione è da imputarsi a difetti di fabbricazione nel modelli Winstrom, Lacetti Premiere e Damas venduti esclusivamente in Corea del Sud. Ma non è escluso che la misura riguardi anche auto commercializzate in altri paesi. In Italia la Winstrom e la Lacetti sono commercializzate rispettivamente come Chevrolet Captiva e Chevrolet Cruze

Dalla Corea del Sud al Giappone: ieri Toyota ha annunciato una procedura di investigazione d'urgenza riguardante le Toyota Corolla e le Toyota Matrix prodotte tra il 2005 e il 2007. La Casa automobilistica giapponese sta valutando se i difetti riscontrati siano dei semplici "inconvenienti" o se sia qualcosa che abbia a che fare con un difetto di produzione: in quest'ultimo caso saranno richiamate oltre un milione di auto difettose negli Stati Uniti, una cifra esorbitante se aggiunta ai richiami che il costruttore ha effettuato negli ultimi mesi.

Se vuoi aggiornamenti su GM DAEWOO: AL RICHIAMO 58.000 AUTO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 22 marzo 2010

Vedi anche

Ford annuncia un investimento da 1,2 miliardi di dollari per gli Usa

Ford annuncia un investimento da 1,2 miliardi di dollari per gli Usa

Il programma rafforzerà gli impianti di produzione Suv e pick-up nel Michigan, dei relativi motori e lo sviluppo di nuove tecnologie per la mobilità.

Emissioni: la stampa francese accusa Renault

Emissioni: la stampa francese accusa Renault

Un dossier che conterrebbe valori di NOx alterati pubblicato da Libération. Renault puntualizza: "Mai violato alcuna normativa".

PSA-Opel: le posizioni dei governi francese e tedesco

PSA-Opel: le posizioni dei governi francese e tedesco

La trattativa per la cessione di Opel a PSA ha attirato l'attenzione della politica e dei governi coinvolti.