Formula 1: Vettel parla delle libere

Il pilota della Ferrari è ottimista ma parla di Mercedes fuori dalla sua portata.

Le prove libere 2 hanno dato un riscontro incoraggiante: dietro le Mercedes ringhia la Ferrari, sì quella monoposto che l'anno scorso gravitava a distanze siderali adesso è dietro alle frecce d'argento e precede, per il momento, le agguerrite Williams.

E' il segnale che aspettavano in molti e, anche se è ancora presto per gioire, i vertici di Maranello avranno iniziano a crederci davvero, perché se Raikkonen in quarta posizione sembra quello che ha impressionato al volante della Lotus, allora la SF15-T ha davvero fatto un salto prestazionale notevole.

Così, Vettel, nelle dichiarazioni dopo le seconde prove libere si lascia andare ad un certo ottimismo, o quantomeno si auspica di rimanere nella posizione conquistata nelle prime prove cronometrate. "E' stata una buona giornata, non abbiamo avuto molti problemi con la vettura, ma soprattutto nessun problema a livello di affidabilità. Quindi sembra che il lavoro che abbiamo fatto durante i test invernali è stato molto buono. E' stata una giornata in cui tutto è filato liscio e questo è davvero importante. Dal punto di vista della prestazione, ovviamente più in alto sei e meglio è, ma è anche vero che è solo venerdì. Ormai sono in F1 da un bel po' e so che quello che accade al venerdì ha sempre un'importanza relativa".

Intanto la SF15-T è li, in alto, tra le migliori monoposto del circus e questo lascia ben sperare per qualifiche e gara dove potrebbe trovarsi tra le prime 5. "Speriamo di sì - afferma Vettel - oggi ci siamo riusciti e domani vedremo. Dipende ovviamente da quanto carburante avevano imbarcato gli altri oggi, ma per quello che è stato il nostro lavoro, possiamo essere contenti. La cosa più importante è che non abbiamo avuto problemi, perché intorno a questa macchina è stato fatto tanto lavoro non solo dai ragazzi che sono qui, ma anche da quelli che sono rimasti a Maranello".

Poi, riprendendo il discorso delle qualifiche che si apprestano ad arrivare, il quattro volte campione del mondo rivela: "restare davanti alle Williams sarebbe bello, ma in generale a più vetture che possiamo. Senz'altro la Mercedes è fuori dalla nostra portata e dobbiamo essere realisti, ma come ho detto la cosa più importante di oggi è che siamo riusciti a girare senza problemi. E' stata una giornata in cui tutto è filato liscio e non ricordo il mio ultimo venerdì così positivo".

Se vuoi aggiornamenti su FERRARI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Valerio Verdone | 13 marzo 2015

Altro su Ferrari

Ferrari Land: apre il primo parco divertimenti del Cavallino in Europa
Eventi

Ferrari Land: apre il primo parco divertimenti del Cavallino in Europa

Ferrari Land si estende su 70.000 metri quadri ed offre attrazioni hi-tech all’insegna della passione per il Cavallino.

Una Ferrari 458 Spider per i vigili di Milano
Curiosità

Una Ferrari 458 Spider per i vigili di Milano

La supercar del Cavallino Rampante, sequestrata alla criminalità organizzata, verrà utilizzata dai vigili di Milano per insegnare la legalità.

Ferrari: iniziate le celebrazioni per i 70 anni
Curiosità

Ferrari: iniziate le celebrazioni per i 70 anni

Il 12 marzo del 1947 Enzo Ferrari mise in moto la 125 S, prima vettura della Casa del Cavallino Rampante.