Ferrari 488 Challenge: versione racing da 670 cavalli

Presentata a Daytona la nuova Ferrari 488 Challenge da 670 CV: sarà impiegata nell’edizione numero 25 del monomarca di Maranello.

Ferrari 488 Challenge: versione racing da 670 cavalli

Tutto su: Ferrari 488

di Francesco Giorgi

05 dicembre 2016

Presentata a Daytona la nuova Ferrari 488 Challenge da 670 CV: sarà impiegata nell’edizione numero 25 del monomarca di Maranello.

Per le nozze d’argento con il monomarca in pista dedicato ai piloti-gentleman, e che nel tempo ha assunto un ruolo di primo piano per i driver intenzionati a dedicarsi alle serie internazionali, Ferrari svela il modello che dal 2017 costituirà l’asse portante dei Challenge Ferrari.

Si tratta di 488 Challenge, che porta in dote diverse novità: oltre ad essere la Gt scelta da Maranello in occasione dei venticinque anni del “Challenge” (creato nel 1993 e, ad oggi, affrontato con Ferrari 348, F355, 360, F430 e 458 che negli anni hanno dato vita ad otlre un migliaio di gare, in tre continenti, con altrettanti piloti), si tratta della prima Ferrari Challenge ad essere equipaggiata con una motorizzazione turbocompressa, oltre ad essere la più potente mai utilizzata nel monomarca del Cavallino: sotto il cofano, la nuova 488 Challenge dispone di 670 CV.

La nuova Ferrari 488 Challenge è stata presentata nelle scorse ore a Daytona, in occasione delle Finali Mondiali Ferrari che, per la prima volta, si sono svolte oltreoceano.

L’evoluzione di progetto, in confronto alla precedente Ferrari 458 Challenge, è già stata evidente dal riscontro dei tempi sul giro fatti registrare sulla pista “di casa” di Fiorano, dove la nuova Ferrari 488 Challenge ha fermato i cronometri sul tempo di 1’5″5: un giro – record, inferiore di un secondo al tempo cronometrato per la “vecchia” 458 Challenge.

Rispetto alla 488 “di serie”, la nuova Ferrari 488 Challenge ha beneficiato, al corpo vettura, di un accurato studio aerodinamico, in funzione della tenuta di strada alle alte velocità, della maneggevolezza e dell’ottimizzazione del raffreddamento del motore. Nel dettaglio, oltre alla nuova inclinazione conferita al radiatore anteriore (nella Challenge inclinato verso la zona posteriore in modo da migliorare l’apporto di aria nei radiatori e diminuire la resistenza aerodinamica), il paraurti anteriore è stato riprogettato – ora dispone di nuove aperture nella zona inferiore e dotato di un nuovo splitter per aumentare la [glossario:deportanza] -, è stato studiato un nuovo cofano anteriore nel quale sono stati ricavati tre sfoghi per l’aria e nuovi flap, ed è stata aumentata la superficie dell’alettone posteriore (il cui profilo risulta pressoché identico a quella impiegata su Ferrari 488 Gte vincitrice di categoria alla serie World Endurance 2016), ed è stato studiato un nuovo flusso alle “tradizionali” prese d’aria presenti sulle fiancate, che qui contribuiscono al raffreddamento dei dischi freno posteriori; a loro volta, le prese d’aria del motore sono state ricavate al di sotto dello spoiler.

La motorizzazione, nella nuova Ferrari 488 Challenge, viene affidata al V8 da 3,9 litri, turbocompresso, affinato nell’elettronica di gestione (la centralina è stata sottoposta a un intervento di rimappatura) e dotato di un nuovo impianto di scarico; da segnalare, inoltre, l’adozione di nuove soluzioni ai rapporti del cambio F1 DCT, per migliorare l’accelerazione nelle fasi di uscita di curva (la nuova 488 Challenge, indica Ferrari, acdelera da fermo fino al regime massimo di giri in quinta velocità in appena 6″). Dati alla mano, la potenza espressa dall’unità 3.9 V8 turbo di Ferrari 488 Challenge è 670 CV.

Per una più efficace “comunicazione” fra pilota e veicolo in funzione degli impieghi agonistici, la nuova Ferrari 488 Challenge dispone del Side Slip Angle Control (comando che viene montato per la prima volta su una Ferrari destinata al Challenge monomarca) che migliora l’accelerazione in curva, e di nuove funzionalità al comando dei sistemi di controllo dinamici: la gestione del software viene affidata a due “manettini”, ciascuno dei quali collocato ad un lato del volante.