F1: Domenicali suona la carica

Il team principal della Ferrari annuncia novità per Cina e Bahrain.

Ferrari F2012

Altre foto »

Con la prima gara archiviata e un quinto posto che sa di miracoloso, vista la posizione iniziale in griglia, la Ferrari si appresta a correre in Malesia consapevole che ha già dei problemi da risolvere.

"Dobbiamo migliorare velocità e trazione - ha spiegato Stefano Domenicali - la vettura sarà identica dal momento che il Gran Premio di Malesia è già il prossimo weekend, cercheremo di migliorare il set-up in funzione del circuito, ma in vista della Cina e del Bahrain cercheremo di apportare già delle novità".

Dunque, sono stati individuati i problemi della F2012 e adesso tocca al team di ingegneri dimostrare le loro potenzialità e la loro velocità di reazione. Ad ogni modo, considerato il progetto rivoluzionario, qualche difetto di gioventù della nuova monoposto è tollerabile, l'importante è che venga trovato al più presto il "bandolo della matassa".

Nel frattempo, la concorrenza vola e anche se siamo all'inizio della stagione non ci si può permettere il lusso di perdere "punti mondiali". Per questo si spera che Massa ritorni a correre per le posizioni che contano, perché per ambire al successo alla Ferrari non bastano le prestazioni di un trascinatore come Alonso.

Se vuoi aggiornamenti su FERRARI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Valerio Verdone | 20 marzo 2012

Altro su Ferrari

Ferrari 488 Challenge: versione racing da 670 cavalli
Motorsport

Ferrari 488 Challenge: versione racing da 670 cavalli

Presentata a Daytona la nuova Ferrari 488 Challenge da 670 CV: sarà impiegata nell'edizione numero 25 del monomarca di Maranello.

Ferrari: celebra i 70 anni con 70 livree speciali
Anteprime

Ferrari: celebra i 70 anni con 70 livree speciali

La Casa di Maranello proporrà 70 colorazioni per ognuno dei 5 modelli in listino

Ferrari: ricorso per la penalizzazione di Vettel nel GP del Messico
Motorsport

Ferrari: ricorso per la penalizzazione di Vettel nel GP del Messico

Il team di Maranello torna all’attacco in seguito alle vicende messicane