Ferrari: inaugurato il primo concessionario in Israele

Si chiama "Auto Italia Israel" il primo concessionario Ferrari aperto a Tel Aviv, dove sarà in vendita anche Maserati.

Ferrari F12 berlinetta

Altre foto »

Ferrari apre un nuovo concessionario in Israele, portando così a quota 59 il numero di Paesi del mondo dove è presente ufficialmente.

Lo showroom è situato nell'area commerciale di Tel Aviv e si estende su una superficie di più di 2.000 metri quadrati dove trovano posto, oltre all'area vendita e all'officina di assistenza, anche un museo Ferrari e una caffetteria in stile italiano.

Il museo può essere visitato gratuitamente e ospita alcuni pezzi di sicuro pregio, come la Ferrari 163 MM del 1951 o la Ferrari 248 F1, cinquantaduesima monoposto da Formula 1 nella storia del marchio, con la quale Michael Shumacher ha corso nel 2006 la sua ultima stagione con i colori della Scuderia Ferrari.

All'inaugurazione era presente, oltre al Direttore Commerciale e Marketing della Ferrari, Enrico Galliera, e all'Amministratore Delegato Auto Italia Israel, Zohar Alon, anche l'ambasciatore d'Italia in Israele, Luigi Mattiolo.

Nel nuovo autosalone troveranno posto, oltre alle vetture del Cavallino Rampante, anche le vetture Maserati, altro prodotto dell'elite motoristica italiana.

Se vuoi aggiornamenti su FERRARI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Stefano Fossati | 29 marzo 2012

Altro su Ferrari

Ferrari 488 Challenge: versione racing da 670 cavalli
Motorsport

Ferrari 488 Challenge: versione racing da 670 cavalli

Presentata a Daytona la nuova Ferrari 488 Challenge da 670 CV: sarà impiegata nell'edizione numero 25 del monomarca di Maranello.

Ferrari: celebra i 70 anni con 70 livree speciali
Anteprime

Ferrari: celebra i 70 anni con 70 livree speciali

La Casa di Maranello proporrà 70 colorazioni per ognuno dei 5 modelli in listino

Ferrari: ricorso per la penalizzazione di Vettel nel GP del Messico
Motorsport

Ferrari: ricorso per la penalizzazione di Vettel nel GP del Messico

Il team di Maranello torna all’attacco in seguito alle vicende messicane