A Modena un Museo dedicato a Enzo Ferrari

A Modena posata la prima pietra per il nuovo museo dedicato ad Enzo Ferrari. Sarà completato nella primavera 2011

A Modena un Museo dedicato a Enzo Ferrari

di Lorenzo Stracquadanio

22 aprile 2009

A Modena posata la prima pietra per il nuovo museo dedicato ad Enzo Ferrari. Sarà completato nella primavera 2011

.

Modena avrà presto un Museo Enzo Ferrari. Sono partiti pochi giorni fa i lavori di costruzione dell’opera voluta per celebrare la figura del costruttore modenese, nella sua città natale centro d’eccellenza mondiale nella produzione automobilistica.

La prima pietra è stata posta presso il cantiere di via Paolo Ferrari 85. La casa in cui nacque Ferrari nel 1898 verrà restaurata e integrata nel futuro complesso museale e coperta con un tetto sagomato simile al cofano di un’auto da corsa, ovviamente del Cavallino.

La realizzazione della struttura è affidata alla Fondazione Casa Natale di Enzo Ferrari, di cui Piero Ferrari, figlio di Enzo, ricopre il ruolo di presidente onorario. Alla cerimonia di posa hanno partecipato anche Giorgio Pighi, sindaco di Modena, e Mauro Tedeschini, presidente della Fondazione nonchè direttore di Quattroruote.

Se la trasformazione in museo della casa natale di Enzo Ferrari rende omaggio a un modenese speciale e particolarmente amato – ha commentato il primo cittadino – con la nuova struttura museale si intende valorizzare il cospicuo patrimonio di tradizione, tecnologia e stile che ci appartiene: quello dell’automobile sportiva, bella e vincente“.

E’ un progetto nel quale si concretizza una collaborazione fondamentale tra pubblico e privato – continua Pighi – con il sostegno decisivo della Fondazione Cassa di Risparmio. Il nuovo museo sorge in una parte della città su cui stiamo investendo molto, che già è stata cambiata in meglio e che da questo intervento riceverà ulteriori, importanti benefici“.

I lavori di costruzione del nuovo museo, il cui costo è stato stimato in 15 milioni di euro, dovrebbero concludersi nella primavera 2011. L’obiettivo finale è arrivare a circa 200mila visitatori all’anno.