Ferrari e sindacati trovano un accordo

Circa 2.700 dipendenti percepiranno un premio di risultato di 1.200 euro. Intanto l'azienda conferma che la produzione 2010 sarà in linea col 2009

La dirigenza aziendale Ferrari e i sindacati Fiom, Fim e Uilm hanno trovato un accordo sul premio di risultato 2009 a cui i dipendenti avrebbero avuto diritto lo scorso 30 aprile. L'intesa è stata raggiunta dopo una riunione fiume di quasi 24 ore che si è conclusa in piena notte: per ciascuno dei 2.700 lavoratori arriverà una somma pari a 1.200 euro, cifra inferiore al saldo 2008 ma superiore a quanto percepito nel 2007.

Contemporaneamente si è aperta la prima fase del confronto sul piano di riorganizzazione aziendale della Ferrari, che prevede 270 esuberi distribuiti su diversi livelli di inquadramento e l'esternalizzazione in "outsourcing" di varie attività secondarie dell'azienda di Maranello. Confermato anche il piano per l'inserimento definitivo di poco meno di 100 giovani attualmente inserite con contratto flessibile.

Sindacati e dirigenza hanno anche convenuto nella necessita di rendere flessibile la produzione, per rispondere alle esigenze dei mercati internazionali dove spesso i concorrenti propongono auto in pronta consegna, con l'obiettivo di chiudere il 2010 con numeri di produzione simili a quelli dello scorso anno.

Se vuoi aggiornamenti su FERRARI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 21 maggio 2010

Altro su Ferrari

Ferrari 812 Superfast: la più potente di sempre
Anteprime

Ferrari 812 Superfast: la più potente di sempre

La nuova 12 cilindri della Casa di Maranello sfoggia un design aggressivo e a tratti retrò abbinato ad un potentissimo 12 cilindri aspirato da 800 CV.

Ferrari: una F12 tdf per Horacio Pagani
Curiosità

Ferrari: una F12 tdf per Horacio Pagani

Una Ferrari personalizzata per la collezione privata del costruttore italoargentino.

Ferrari: inediti modelli nel suo futuro
Anteprime

Ferrari: inediti modelli nel suo futuro

Secondo Marchionne ci sarebbe "un enorme terreno inesplorato". Un'affermazione che apre nuovi scenari per la gamma del prossimo futuro.