Seat Altea Bi Fuel: gasata per la famiglia

Grazie all'impianto GPL montato direttamente dalla Casa, l'Altea mostra il suo lato ecologico pur mantenendo uno spirito sportivo

Seat Altea 1.6 Style Bi Fuel

  • Design6,50
  • Comfort7,50
  • Prestazioni6,50
  • Consumi7,50
  • Prezzo7,00
  • Pro Tenuta di strada, abitabilità, autonomia di viaggio
  • Contro Prestazioni, rombosità in accelerazione
  • Voto Motori.it: 7,00

Test Drive Seat Altea 1.6 Style Bi Fuel

Altre foto »

Nata dalla matita di Walter De Silva, la Seat Altea ha dato vita a un nuovo corso stilistico in Casa e oggi si propone al pubblico con una versione a doppia alimentazione (benzina/GPL) in linea con le tendenze del momento. L'impianto GPL, montato direttamente nello stabilimento spagnolo di Marotorell, nei pressi di Barcellona, consente alla vettura di aggirare i blocchi del traffico limitando, nel contempo, limitare le soste dal benzinaio. Infatti, sono necessari circa 23 euro per un pieno di gas che assicura una percorrenza di circa 360 km. Valori interessanti, soprattutto se si considera che sono stati ottenuti con il climatizzatore acceso e senza badare alle economie d'esercizio.

Fuori: pochi ma mirati ritocchi

A 5 anni dal lancio, avvenuto nel 2004, l'Altea ha subito un leggero restyling (nel 2009) che ha contribuito a rinfrescare un corpo vettura ancora attuale. Dopo la cura dei designer, la monovolume spagnola ha ricevuto una nuova calandra con il logo di dimensioni ridotte, nuovi gruppi ottici e una presa d'aria anteriore trapezoidale. Le modifiche sono state estese anche alla parte posteriore della vettura che adesso presenta un lunotto più ampio, nuove luci e un paraurti rivisto. Si tratta di leggeri cambiamenti che non hanno minimamente intaccato lo stile morbido e aggressivo della Altea che ha nel frontale e nella linea delle fiancate i suoi punti di forza. Ora poi è possibile integrare la dotazione della vettura con i fari fendinebbia con funzione cornering e con i sensori di parcheggio anteriori e posteriori.

Dentro la spagnola è rifinita alla tedesca 

Il disegno della plancia ricorda molto da vicino quello della Leon. Nella plancia, ordinata e avvolgente, spiccano la strumentazione dalla grafica bianca con il piccolo contagiri posizionato al centro e i comandi del climatizzatore bizona e del navigatore satellitare touchscreen (optional) facilmente raggiungibili. Tutto è a portata di mano, con i comandi della radio e del telefono (collegamento bluetooth optional) presenti sulle razze del volante.

Comoda per quattro, ma all'occorrenza capace di trasportare senza troppe rinunce un quinto passeggero, l'Altea dispone di un vano bagagli di 409 litri, che accoglie borsoni per tre. Grazie alla parte centrale del divano posteriore abbattibile è possibile creare unicollegamento tra abitacolo e bagagliaio. Certo, per essere una vettura pensata per la famiglie, i vani in cui disporre oggetti d'uso quotidiano come il telefono cellulare, non sono molti, ed è consigliabile allora consultare la lista degli optional per avere il box portaoggetti posizionato sotto il sedile passeggero.

Cuore ecologico, telaio dinamico

Spinta dal quattro cilindri in linea da 1,6 litri d'origine Volkswagen è pensata per viaggiare in maniera fluida e per limitare le soste dal benzinaio grazie all'impianto GPL Landi. Impiega 13 secondi per passare da 0 a 100 km/h (che salgono a 14 secondi quando è alimentata a GPL) e raggiunge una velocità massima di circa 180 km/h.

L'assetto rappresenta un buon compromesso tra comfort e dinamica di guida. Lo sterzo è pronto, ma soprattutto progressivo, il comando consente di impostare le curve in maniera piuttosto precisa.  Si avverte solo un lieve accenno di rollio quando si preme un po' di più sul gas. Anche i freni, che presentano un comando modulabile, contribuiscono al piacere di guida, mentre il cambio manifesta qualche impuntamento nelle scalate veloci dalla quinta alla quarta marcia. Con il motore che esprime il picco di coppia di 148 Nm (144 a GPL) a 3800 giri, la vettura iberica richiede un intenso uso del cambio nelle salite più ripide, soprattutto se in auto sono presenti più passeggeri. Certo, i 102 CV del suo propulsore (98 CV a GPL) non sono tantissimi, ma vengono erogati in maniera lineare, senza vuoti, e sono più che sufficienti nella guida di tutti i giorni.

In autostrada l'Altea viaggia silenziosa, mentre sulle strade extraurbane fa sentire la sua voce solamente quando si spinge sull'acceleratore per compiere un sorpasso, il comfort di marcia in ogni caso è di buon livello, ma una sesta marcia avrebbe consentito di migliorarlo ulteriormente. Inoltre, con un rapporto in più si sarebbero limitate le soste dal benzinaio che avvengono ogni 360 km quando si viaggia a GPL. Il serbatoio toroidale posizionato sotto il vano bagagli  ha una capacità effettiva totale di circa 47 litri, ma dall'accensione della spia della riserva l'abbiamo riempito con circa 36 litri per una spesa di circa 23 euro. Viaggiando a gas inoltre, abbiamo percorso 10 km/l nel ciclo combinato (circa 3 km/l in più rispetto a quando si viaggia a benzina), per un risparmio di circa 15 euro su 360 km percorsi.

L'unica nota stonata della impianto GPL è rappresentata dal commutatore, posizionato nella parte bassa della consolle centrale, che non sempre fornisce indicazioni precise: in più di un'occasione gli indicatori del livello del gas hanno evidenziato che il GPL era quasi terminato per poi indicare dopo pochi chilometri che il combustibile era ancora presente nel serbatoio in discreta quantità. Si tratta di episodi, probabilmente legati all'esemplare in prova, che possono indurre il guidatore a rifornirsi in anticipo.

Comfort accessibile

Venduta ad un prezzo di 21.190 euro, la vettura della nostra prova vanta una dotazione di tutto rispetto che annovera i finestrini posteriori oscurati, i cerchi da 16 pollici, i sensori pioggia e i sensori di parcheggio posteriori, il climatronic bizona e i fendinebbia con funzione cornering. Si tratta di una lista d'accessori che può essere integrata con il navigatore satellitare touch screen, con i sensori di parcheggio anteriori muniti di radar di visualizzazione (accessori presenti sulla vettura provata) e con il sistema d'assistenza nelle partenze in salita. Certo, il motore è euro 4 ed ha solo 8 valvole, ma grazie alla presenza dell'impianto GPL, l'Altea Bi Fuel può circolare nei centri storici delle grandi città anche nei giorni in cui si circola a targhe alterne.

Se vuoi aggiornamenti su SEAT ALTEA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Valerio Verdone | 15 luglio 2010

Altro su SEAT Altea

SEAT ALTEA E ALTEA XL COPA
Ultimi arrivi

SEAT ALTEA E ALTEA XL COPA

Disponibile per Altea e Altea XL il nuovo Copa Pack. Tra i numerosi equipaggiamenti inclusi nel pacchetto speciale anche il navigatore touchscreen

Seat, nuovo 1.2 TSI per Leon e Altea
Ultimi arrivi

Seat, nuovo 1.2 TSI per Leon e Altea

Entra in gamma il 1.2 TSI 105 cv con cambio manuale a 6 rapporti. Sistema Start&Stop e riduzione del 20% di consumi ed emissioni. Da 16.950 euro

Seat: a Francoforte con Altea e Leon Ecomotive
Anteprime

Seat a Francoforte con Altea e Leon Ecomotive

Al Salone tedesco la Casa di Martorell presenterà la Altea e Altea XL e Leon Ecomotive: arricchiscono la gamma delle Seat "pulite"