Seat Alhambra, il monovolume si fa auto

La nuova Seat Alhambra si guida come un’auto. Comodo il sistema "Easy Fold" per far scomparire nel pavimento i sedili posteriori. Da 28.500 euro.

Seat Alhambra 2.0 TDI 140 CV

  • Design7,00
  • Comfort7,50
  • Prestazioni7,00
  • Consumi7,50
  • Prezzo7,50
  • Pro Comportamento su strada, consumi, praticità d’uso
  • Contro Volume interno inferiore al precedente modello, visibilità posteriore e laterale
  • Voto Motori.it: 7,30

Seat Alhambra Model Year 2010

Altre foto »

Più versatilità e più tecnologia. Uguale: meno spazio. La nuova Alhambra di Seat - gemella della Volkswagen Sharan - segue la tendenza delle automobili di ultima generazione. Nonostante crescano le dimensioni esterne, i volumi interni diminuiscono. Non fa quindi eccezione nemmeno l'evoluzione del monovolume Seat, nato nel 1996 e con al suo attivo 15mila unità vendute in Italia e 260mila nel mondo.

Quella appena presentata ha quindi poco da spartire con la precedente versione. Soprattutto nella volumetria interna, ridotta a vantaggio di una maggior semplicità di utilizzo rappresentata dalle due file di sedili posteriori a scomparsa anziché removibili come nell'Alhambra di prima generazione. Se oggi i litri di spazio disponibili nella configurazione a 5 posti sono 2.430, fino a ieri erano oltre 2.600.

Per il resto, il nuovo monovolume è meno monovolume e più automobile. Complice il pianale di derivazione Volkswagen Passat, al volante dell'Alhambra il rollio dei vecchi monovolume è cosa vecchia, superata. La guida è sciolta come su una normale auto. L'impostazione non è più quella da furgoncino. Lo stesso vale per le prestazioni.

"Si tratta di un modello importante per il patrimonio dell'azienda - ha dichiarato Louis Carl Vignon, direttore di Seat Italia - per la quale rappresenta il top di gamma. Deve essere un'auto di successo, perché abbiamo molto margine di utile su ciascun esemplare. Con l'arrivo dei SUV il segmento dei monovolume si è parecchio ridimensionato, ma la nostra previsione è quella di 1000 Sharan venduti all'anno".

Vignon ha poi svelato che, a partire dal mese di giugno, arriverà anche la versione 4x4. Inizialmente a 5 posti, seguita in inverno da quella a 6 posti con tre file da due.

Per concludere nel confronto con la vecchia Alhambra, questa seconda generazione è più lunga di 22 cm, più larga di 9,2 cm, più bassa di 1,2 cm. Il suo passo si è allungato di 8,5 cm, le carreggiate di 3,7 cm (anteriore) e 9,9 cm (posteriore).

Per il momento la nuova Alhambra - che utilizza lo slogan "tecnologia da vivere" - è disponibile in tre diverse motorizzazioni e due allestimenti. I propulsori sono il 1.4 TSI benzina da 110 kW (150 CV) e i 2.0 TDI da 103 kw (140 CV) e 125 kW (170 CV). Quest'ultima ha di serie il cambio automatico a 6 rapporti e doppia frizione DSG, optional con gli altri motori. Gli allestimenti sono Reference e Style.

La versione sicuramente più equilibrata è quella con motore 2.0 TDI da 103 kw(140 CV). Offre i consumi più contenuti (5,5 litri per cento chilometri nel ciclo misto), le più basse emissioni di CO2 (143 g/km con il cambio manuale) e prestazioni di tutto rispetto: velocità massima di 197 km/h e accelerazione da 0 a 100 km/h in 10,9 secondi. Trattandosi di un'auto destinata ad usi prettamente domestici e professionali gli utenti baderanno maggiormente ad altre caratteristiche.

Lo stile è decisamente piacevole. Le dimensioni sono notevoli, ma ben celate da un design moderno, pulito e razionale. La lunghezza complessiva si percepisce maggiormente dall'interno: guardando nello specchietto retrovisore il lunotto posteriore (forse un po' piccolo e costretto fra due montanti anche troppo generosi) sembra lontanissimo. Le manovre, con l'ausilio del park assist sonoro, sono intuitive e agevoli. Sterzo ce n'è in abbondanza per girare in spazi anche ristretti.

Gli interni presentano il sistema "Easy Fold" che permette di nascondere nel pavimento le due file di sedili posteriori e creare in pochi secondi un piano di carico ampio e regolare. Più piccolo - si diceva - della precedente Alhambra ma senza l'inconveniente di dover togliere i sedili e lasciarli a casa. Per chi ha bambini, sono molto comodi i sedili laterali della fila centrale che hanno i seggiolini integrati: sono optional, ma la spesa merita. L'accesso nella parte posteriore dell'abitacolo avviene tramite porte scorrevoli, a richiesta con azionamento elettrico: ideali negli spazi più ristretti come i parcheggi dei supermercati...

Il vano bagagli, anche con i 7 posti in posizione, risulta abbastanza sfruttabile grazie alla sua profondità e ad alcuni gadget come reti e ganci.

Nella prova su strada ha stupito il comportamento da vera automobile. Anche con le ruote da 16" tenuta e stabilità sono notevoli, anche in curva. Qui si apprezza, inoltre, uno sterzo preciso e reattivo al millimetro: anche troppo. Basta un leggerissimo movimento e l'Alhambra cambia direzione. Copia bene i comandi del guidatore ma, al contrario, le asperità e le irregolarità della strada sono ben assorbite da sospensioni e telaio.

Con il cambio manuale a 6 rapporti e una coppia massima di 320 Nm disponibile tra i 1750 e i 2500 giri/minuto, l'Alhambra 2.0 TDI 140 CV ha una buona ripresa. Forse un po' carente a medio e a pieno carico o in salita.I prezzi variano dai 28.500ai 36.100 euro chiavi in mano.

Se vuoi aggiornamenti su SEAT ALHAMBRA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Luca Gastaldi | 21 febbraio 2011

Altro su SEAT Alhambra

Seat Alhambra 2015: primo contatto
Ultimi arrivi

Seat Alhambra 2015: primo contatto

Aggiornamenti in vista per la monovolume spagnole. L'infotainment elaborato diventa la regola e la gamma motori si fa ancora più efficiente

Seat Alhambra MY 2015: le immagini ufficiali
Anteprime

Seat Alhambra MY 2015: le immagini ufficiali

Pronta al debutto (fissato per l'estate), la nuova Seat Alhambra MY 2015 si presenta nelle immagini ufficiali e nelle caratteristiche tecniche.

Seat Alhambra 4x4, prezzi da 34.200 euro
Ultimi arrivi

Seat Alhambra 4x4, prezzi da 34.200 euro

Arriva nelle concessionarie la nuova Seat Alhambra 4x4, equipaggiata con propulsore 2.0 TDI, trazione integrale permanente e una dotazione completa.