Nissan 370 Z Lev 2: long term test

Coinvolgente alla guida, la Nissan 370 Z beneficia di una nuova taratura delle sospensioni per migliorare confort e stabilità.

Nissan 370 Z Lev 2

  • Design8,00
  • Comfort8,00
  • Prestazioni9,00
  • Consumi6,50
  • Prezzo7,50
  • Pro Guida sportiva
  • Contro Visibilità laterale
  • Voto Motori.it: 7,80

Nissan 370 Z Lev 2 in prova

Altre foto »

Quando è arrivata nella nostra redazione, la Nissan 370 Z, ci ha subito incuriosito per via della sua linea spavalda e del potenziale nascosto sotto il lungo cofano anteriore, al punto che abbiamo deciso di utilizzarla tutti i giorni, in barba alla crisi, per vedere l'effetto che fa la convivenza con questa "piccola" supercar.

Esterno: grinta e personalità

Diciamolo, la Nissan 370 Z non è un'auto per timidi, e non vuole esserlo, il suo stile manga, e le sue proporzioni da coupé anni '70 la rendono identificabile al primo sguardo e attirano più attenzioni di altre sportive più costose. Con il grande cofano anteriore che termina nei gruppi ottici a freccia manifesta tutta la sua potenza, mentre mostra i muscoli con gli ampi passaruota posteriori e una linea che scende prepotentemente verso il basso raccordando il tetto con i fari posteriori. Vista da dietro è ancora più irriverente per via dell'alettone alla base del lunotto, dei doppi scarichi e dei fianchi muscolosi. Non maschera le sue intenzioni questa Nissan e già da ferma mette in guardia sulle sue potenzialità.

Interno: due posti sportivi

La sensazione di sportività espressa nella linea si ritrovano nell'abitacolo che ha tutto quello che serve e persino il superfluo, come i sedili riscaldabili e il navigatore satellitare, un optional che in città si rivela utile, ma che non è indispensabile su questa sportiva nata per aggredire le curve. Diciamo subito che entrare nell'abitacolo impone qualche sacrificio per via di un'altezza di soli 132 cm, ma una volta conquistato il posto guida si sta relativamente comodi grazie ad un sedile sportivo che non risulta troppo opprimente pur essendo capace di un abbraccio importante nelle curve veloci.

Certo, non si può pretendere di avere lo spazio di una berlina, ma l'insieme risulta molto accogliente dopo aver fatto l'abitudine al rivestimento del tetto che, essendo nero, riduce la luminosità interna. Trovare la posizione di guida è un gioco da ragazzi per via della regolazione elettrica del sedile e della strumentazione solidale con il volante, tutto è ben fatto, l'ambiente è sportivo, ma possiede una certa eleganza che non guasta. Inoltre, gli spazi ricavati dietro i sedili sono utili per riporre giacche e altri bagagli di piccole dimensioni. Se poi si parte per qualche giorno, si può accedere al bagagliaio tramite il pratico portellone, il volume di carico è discreto, 235 dm3, e consente di mettersi in viaggio senza troppe rinunce.

Alla guida: comoda o selvaggia

Guidare la Nissan 370 Z è un esperienza piacevole su strada ed esaltante in pista, il suo V6 da 3,7 litri è sempre pronto, fluido e regala una progressione entusiasmante che ricorda quelle sportive alla vecchia maniera tanto amate dagli automobilisti più estremi. Ma la coupé di Nissan è un'auto moderna ed ha tutta l'elettronica necessaria per tenere a freno le intemperanze dei suoi 328 CV e, inoltre, ha ricevuto una nuova taratura dell'assetto pensata per regalare più confort e maggiore stabilità. Tutto questo è evidente nella guida di tutti i giorni, soprattutto quando aumenta la velocità.

Comunque, prima di mettersi al volante di questa sportiva capace di raggiungere i 250 km/h, accelerando da 0 a 100 km/h in soli 5,3 secondi, è meglio ripassare i fondamentali della guida con la trazione posteriore, perché 328 CV scaricati sul retrotreno non sono pochi e vanno trattati con rispetto. Quindi attenzione a non dare troppo gas in curva, soprattutto quando la strada è umida o bagnata, dosare bene l'entusiasmo del piede destro e calcolare gli spazi con attenzione: in un lampo la 370 Z copre distanze che altre auto percorrerebbero in un tempo elevato. L'elettronica lavora bene, ma i 363 Nm di coppia che gravano sulle ruote posteriori, non possono essere azzerati, così come la tendenza a seguire le imperfezioni del manto stradale dimostrata dalle grandi coperture asimmetriche, 245/45 all'anteriore e 275/35 al posteriore, montate su cerchi forgiati da 19 pollici (optional).

La pista è il suo regno

Per capire bene di cosa è capace la Nissan 370 Z siamo andati in pista, sul circuito dell'Isam di Anagni, dove, complice una giornata particolarmente piovosa, la coupé nipponica è stata messa severamente alla prova. In effetti, domare la sua potenza su un circuito totalmente allagato non è stato semplice, soprattutto dopo aver disattivato i controlli elettronici, ma la Nissan ci ha sorpreso e si è dimostrata molto equilibrata, al punto da spingerci a darle del tu tra le impegnative curve dell'impianto laziale. Bastano pochi giri per capire che la 370 Z è un'auto sana, e lo dimostra l'equilibrio del suo telaio, la sua comunicatività e la prontezza nel rispondere agli input dello sterzo, senza l'elettronica la coda tende ad allargare, anche in maniera vistosa, ma recuperare l'assetto non è un'impresa titanica come si potrebbe pensare, e così ci si ritrova a guidare di traverso e ad assaporare l'essenza della guida.

Certo, bisogna essere concentrati, reagire velocemente alle sue reazioni, ma non si hai mai l'impressione di essere su un cavallo imbizzarrito. Nelle marce basse il sound metallico del V6 è inebriante, mentre nei rapporti alti si può apprezzare la continuità della spinta. Lo sterzo è preciso, ma è il cambio, con il Synchro Rev Control, un sistema che ottimizza la cambiata effettuando una sorta di "doppietta" automatica, il valore aggiunto di questa coupè. Infatti, evita il bloccaggio delle ruote posteriori in staccata e consente di impostare la traiettoria in tutta tranquillità. Dopo diversi giri è difficile scendere, abbandonare la giostra, perchè l'età anagrafica scompare e si ritorna bambini, con tutta la spensieratezza del caso.

Una sportiva autentica a 44.100 euro

D'accordo, 44.100 euro non sono pochi, ci sono diverse auto che possono essere acquistate per questa cifra, ma se siete degli appassionati della guida non potrete rimanere indifferenti al fascino della Nissan 370 Z. Il suo stile originale, il suo motore potente, a tratti inesauribile, e la sua efficacia nella guida, sono una manna per chi ama le sensazioni forti e questa coupé è una dispensatrice infinita di adrenalina. La dotazione è completa e bisogna aggiungere solo la vernice metallizzata, il navigatore con telecamera posteriore e i cerchi forgiati da 19 pollici, per avere un'auto full-optional. Volendo si può avere anche il cambio automatico a 7 rapporti, ma francamente, su un'auto del genere il manuale a 6 marce risulta più appropriato.

Se vuoi aggiornamenti su NISSAN 370 Z inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Valerio Verdone | 10 gennaio 2012

Altro su Nissan 370 Z

Nissan 370Z Nismo 2014
Anteprime

Nissan 370Z Nismo 2014

La rinnovata versione sportiva della coupé giapponese offre un’aerodinamica più curata, una dotazione tecnologica più ricca e prestazioni ottimizzate.

Nuova Nissan 370Z: il debutto al Salone di Tokyo
Anteprime

Nuova Nissan 370Z: il debutto al Salone di Tokyo

La nuova Nissan 370Z potrebbe debuttare tra pochi giorni al Salone di Tokyo, presentandosi rinnovata, ma fedele alla tradizione.

Nissan 370Z by Senner Tuning
Tuning

Nissan 370Z by Senner Tuning

Il tuner tedesco ha realizzato un inedito programma aftermarket capace di regalare grinta e presenza scenica alla sportiva nipponica.