Ferrari 599 GTO: full immersion nella Rossa

Per gli incontentabili del Cavallino, ecco tutte, ma proprio tutte, le caratteristiche dell'ultima bomba Ferrari: la 599 GTO

Ferrari 599 GTO: tutti i dettagli

Altre foto »

Quando è stata presentata lo scorso aprile al Salone di Pechino ha saputo subito catturare l'attenzione dei media e degli appassionati di tutto il mondo. D'altronde una Ferrari nuova è sempre un modello fuori dall'ordinario, se poi è l'erede di una prestigiosa famiglia di modelli ed è la Casa stessa a definirla la vettura più "prestazionale della sua storia", è chiaro che l'auto assume un'aura particolare.

Musica per le orecchie quel V12

Il downsizing non è ancora arrivato - per fortuna, si potrebbe dire mettendo per una volta in secondo piano l'eco-compatibilità - sui modelli top della casa del Cavallino. Sulla 599 GTO i dodici cilindri a V di 65° (per una cilindrata di 5999 cc) producono 670 CV a 8.250 giri/min e una coppia massima di 620 Nm a partire dai 6.500 giri/min, consentendo alla vettura prestazioni da vera supercar: la GTO accelera da 0 a 100 km/h in soli 3,35 secondi e raggiunge una velocità massima superiore ai 335 km/h. Il motore è derivato direttamente da quello della 599XX ma presenta le necessarie modifiche per l'omologazione su strada e per rientrare nelle stringenti norme antinquinamento Euro 5.

L'erogazione è fluida e costante anche ai bassi e ai medi regimi. Questo risultato è stato ottenuto lavorando sui componenti e sulla fluidodinamica per ridurre le frizioni interne ma anche adottando l'albero a gomiti della 599XX (caratterizzato dalla forma particolare delle manovelle su cui si infulcrano le bielle). La gestione della elevata coppia è affidata ad un modernissimo cambio derivato da quello della 599XX che assicura cambiate, anche multiple, inferiori ai 60 millisecondi.

La 599 XX ha inoltre un sistema di prese d'aria da competizione con un nuovo collettore dalla geometria ridisegnata per migliorare l'erogazione e ridurre le perdite agli alti regimi. Per massimizzare l'efficienza volumetrica dei cilindri è stata realizzata una connessione tra i due plenum di aspirazione del motore, finalizzata a compensare le variazioni di volume.

Il sound del motore è decisamente all'altezza delle aspettative e la sua resa all'interno dell'abitacolo è stata accuratamente studiata per un'esperienza di guida particolarmente coinvolgente. Il sistema di scarico sportivo è derivato da quello della 599XX.

Telaio ed elettronica vanno in coppia

Una delle più significative innovazioni della 599 GTO è la stretta correlazione tra il telaio e le parti meccaniche da una parte e le regolazioni elettroniche della vettura dall'altra. Sin dalle prime fasi dello sviluppo della GTO, gli ingegneri di Maranello hanno lavorato per far si che questi due aspetti del progetto fossero tra loro complementari. Il risultato è ovviamente una dinamica di guida eccellente oltre a tempi sul giro davvero straordinari per una stradale, come conferma tempo di 1 minuto e 24 secondi sul circuito del Mugello.

Un ruolo fondamentale in questo risultato è giocato sicuramente dalle sospensioni magnetoreologiche di seconda generazione (SCM2), che applicano un campo magnetico per variare la viscosità dell'olio degli ammortizzatori. Il sistema sospensivo lavora in coppia con il sistema di controllo dinamico del veicolo VDC e all'ultima generazione del Traction Control derivato dalla Formula1. Questo rende la vettura estremamente reattiva ma anche stabile in frenata e precisa in curva.

Cura dimagrante a base di carbonio

La riduzione del peso è stato un aspetto centrale del progetto e il risultato è un diffuso uso di materiali compositi e fibra di carbonio nonché di componenti derivate dalle competizioni. La 599 GTO eredita, inoltre, gran parte del lavoro di sviluppo realizzato per trasformare la 599XX in una vettura estrema. L'utilizzo di questi materiali leggeri si estende al corpo vettura e al motore ma anche ai vetri, ai freni, alla trasmissione e all'impianto di scarico. L'ago della bilancia di ferma così a soli 1.495 kg con un rapporto peso potenza di 2,23 kg/CV.

L'aerodinamica è così ottimizzata

Anche l'aerodinamica della GTO ha beneficiato di soluzioni importate dalle competizioni e così la resistenza all'avanzamento e la deportanza risultano ottimizzate rispetto alla "normale" 599 GTB Fiorano. L'intero corpo vettura è stato oggetto di un raffinamento da questo punto di vista: sono stati coinvolti il frontale, le fiancate ma anche il sottoscocca (sono stati montati nuovi diffusori davanti alle ruote anteriori e un nuovo diffusore posteriore a doppia curva).

La GTO sviluppa una downforce di 144 kg a 200 km/h e monta le cosiddette wheel doughnuts, una paratia posizionata all'esterno del disco che consente all'aria calda che esce dal passaruota di restare il più vicino possibile al corpo vettura riducendo le turbolenze. Questa soluzione permette anche di migliorare il raffreddamento dell'impianto frenante.

Lo spoiler anteriore, inoltre, incorpora un'ala inferiore separata che aumenta l'effetto suolo e incrementa il flusso di aria fredda indirizzata verso il radiatore.

Letteralmente "incollata" al suolo!

La 599 GTO monta leggeri cerchi in lega da 20 pollici con disegno a cinque doppie razze e pneumatici della misura 285/30 alle ruote anteriori e 315/35 alle ruote posteriori. Queste coperture, denominate Supersport, sono state sviluppate in collaborazione con Michelin e presentano un rapporto tra posteriore e anteriore e dimensioni in grado di garantire maggiore reattività e spinta laterale.

All'interno dei cerchi sono visibili le pinze del nuovo sistema frenante carboceramico di seconda generazione CCM2, più leggero e più costante nelle situazioni limite. Il suo elevato livello di attrito consente all'ABS di essere calibrato ad un livello di performance particolarmente alto con una conseguente riduzione dei tempi sul giro. La Ferrari 599 GTO decelera da 100 a 0 km/h in soli 32,5 metri.

Un tutt'uno con la macchina

Chi si siede alla guida della 599 GTO si ritrova in un ambiente studiato per assecondare le esigenze del guidatore. Il layout dei principali comandi è progettato per ottenere la migliore efficienza e per limitare il più possibile le distrazioni. Il manettino sul volante permette di gestire facilmente i vari assetti e le regolazioni elettroniche della vettura: una novità rispetto alle altre versioni è che la modalità "ICE" è stata sostituita dalla modalità CT-Off (Controllo di trazione-Off).

Sono poi presenti dei paddle al volante in fibra di carbonio più lunghi per una maggiore facilità di utilizzo nella guida alle alte velocità. La GTO, infine, è equipaggiata con il sistema Virtual Race Engineer che monitora il veicolo e fornisce in tempo reale al guidatore la situazione delle performance del veicolo.

Se vuoi aggiornamenti su FERRARI 599 inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Altro su Ferrari 599

Una Ferrari si schianta contro un negozio a Roma
Cronaca

Una Ferrari si schianta contro un negozio a Roma

La supercar italiana si è schiantata contro la vetrina di un negozio della Capitale. Ferito in modo non grave il guidatore.

Ferrari 599 VX by Vorsteiner
Tuning

Ferrari 599 VX by Vorsteiner

La berlinetta della Casa di Maranello si veste di aggressività con il nuovo kit al carbonio firmato Vorsteiner.

Ferrari 599, tuning by Vosteiner
Tuning

Ferrari 599, tuning by Vosteiner

Pronta ad essere sostituita dalla nuova Berlinetta F12, la Ferrari 599 riceve dal preparatore Vorsteiner un nuovo kit di elaborazione.