Audi: via alle ordinazioni per le novità di gamma Q

Parte ufficialmente la fase di debutto di Audi Q3 Sportback, SQ8 TDI e Q7 2019. Tutti i dettagli di prezzi e allestimenti.

A brevissima distanza dall’avvio al programma di commercializzazione di A6 Allroad e delle novità di gamma A4, Audi – che, ricordiamo, in questi giorni ha anticipato un nutrito programma di arricchimento per la lineup RS – comunica il “disco verde” al debutto sul mercato per Q3 Sportback, SQ8 TDI e Q7 nella nuova versione-restyling 2019.

Nel dettaglio, il lancio commerciale per la nuova Audi Q3 Sportback ne prevede l’assortimento in quattro declinazioni (“base”, Business Plus, S Line Edition e Quattro Edition). I prezzi “chiavi in mano”, IPT esclusa, partono da rispettivamente 41.500 euro (Q3 35 TDI S Tronic 150 CV “base”), 45.150 euro per la versione Business Plus e 48.000 euro per la variante S Line Edition; e, relativamente ad Audi Q3 45 TFSI quattro S Tronic 230 CV, da 47.750 euro (“base”), 51.400 euro (Business Plus), 54.250 euro (S Line Edition) e 56.450 euro (Quattro Edition).

Audi SQ8 TDI debutta sul mercato con prezzi “chiavi in mano” da 109.850 euro.

Gli importi di vendita comunicati da Audi per la nuova Q7 2019, proposta nelle tre configurazioni “base”, Business e Sport e articolata sui due modelli 45 TDI quattro Tiptronic 231 CV e 50 TDI quattro Tiptronic 286 CV, partono da 72.000 euro (“base”), 75.000 euro (Business) e 81.800 euro (Sport).

Q3 Sportback: Sport Utility in abito coupé

Nella fase di debutto sul mercato, Audi Q3 Sportback viene proposta nelle motorizzazioni 2.0 TFSI da 230 CV e 350 Nm di coppia massima (Q3 Sportback 45 TFSI quattro) e 2.0 TDI da 150 CV-340 Nm (Q3 Sportback 35 TDI), abbinabile al cambio S Tronic 7 rapporti e alla trazione anteriore oppure al cambio manuale sei rapporti con trazione integrale permanente quattro. Questi i valori prestazionali comunicati: Audi Q3 Sportback 45 TFSI, velocità massima 231 km/h, 0-100 km/h in 6”5, consumi (ciclo WLTP) compresi fra 8,6 e 9,1 litri di benzina per 100 km, ed emissioni di CO2 fra 195 e 206 g/km. Q3 Sportback 35 TDI S Tronic: 205 km/h, 0-100 km/h in 9”3, consumi a ciclo combinato 5,9-6,3 litri di gasolio ogni 100 km, emisisoni di CO2 fra 154 e 166 g/km. Audi Q3 Sportback 35 TDI quattro, consumi WLTP 6,7-7,1 litri i gasolio per 100 km, 176-187 g/km di CO2, 207 km/h e 9”3 da 0 a 100 km/h.

L’inedita “derivata coupé” nell’offerta Sport-Utility di fascia media di Ingolstadt (qui il nostro primo contatto con Audi Q3 2019) esprime, all’esterno, le “ovvie” differenze di stile che ne caratterizzano l’appartenenza alla nicchia di immagine più dinamica – segmento che peraltro già annovera, fra le potenziali competitor, Bmw X2, Mercedes GLC e Toyota C-HR, alle quali potrà aggiungersi, quando entrerà in produzione, la attesa Alfa Romeo Tonale -, e che si concretizzano nell’andamento più rastremato del tetto nella zona posteriore e, di conseguenza, in una più marcata inclinazione dei relativi montanti; ridotte superfici vetrate, in special modo posteriormente, nello specifico disegno dei paraurti e, ad enfatizzare l’appeal sportivo del nuovo modello, la presenza degli evidenti codolini passaruota che celebrano la tradizione sportiva Audi “dell’era moderna” che prese il via nel 1980 con la leggendaria Audi Quattro.

Rispetto alla “tradizionale sorella” SUV, Audi Q3 Sportback risulta più grande in lunghezza ed in larghezza, e – in virtù del nuovo stile del corpo vettura – leggermente più bassa in altezza: 4,5 m in senso longitudinale, 1,84 m in senso trasversale, 1,56 m in altezza. Pressoché invariato l’interasse, che misura 2.680 mm.

La configurazione abitacolo di Audi Q3 Sportback presenta sedili di foggia sportiva e divanetto posteriore a tre posti, regolabile in lunghezza fino a 130 mm, e frazionabile nello schema 40 : 20 : 40. Molto buono il volume di carico (al quale si accede azionando elettricamente il portellone: tale comando, a richista, può essere automatizzato “handless”), tenuto conto del particolare disegno di “coda”: da 530 litri nel normale assetto di marcia, e fino ad un massimo di 1.400 litri. Da segnalare la possibilità di variare su due livelli l’altezza del piano di carico; la cappelliera, quando non utilizzata, trova posto all’interno di un vano ricavato al di sotto del ripiano stesso. Il layout strumentazione, plancia e comandi è direttamente derivato da quello che equipaggia Audi Q3, ovvero privo di strumenti analogici: di serie, Q3 Sportback dispone di Audi Virtual Cockpit con display da 10.25” (oppure da 12.3” in configurazione Plus), sistema di navigazione MMI Plus con comandi MMI Touch da 10.1” e provvisto di comandi vocali e riconoscimento preferenze utente. Il modulo infotainment offre la suite di servizi online Audi Connect, compresa la tecnologia di connettività Car-to-X.

Sul fronte ADAS, l’assortimento di sistemi di ausilio attivo alla guida si dimostra particolarmente ricco: ne fanno parte, fra gli altri, il Lane Departure Warning, il Lane Change Warning, l’Audi Pre-sense Front e (di serie per i modelli S Line Editione Quattro Edition, e disponibile nel “Pacchetto Assistenza” per tutte le altre versioni) del dispositivo di assistenza attiva alla guida Adaptive Drive Assist.

Audi SQ8 TDI: il SUV alto di gamma guadagna la “S”

La declinazione “alto di gamma” per la famiglia Q8 guadagna il suffisso “S” in virtù di un carattere manifestamente dinamico: lo conferma, sotto il cofano, l’adozione dell’unità motrice V8 4.0 TDI da 435 CV di potenza e 900 Nm di coppia massima (disponibili fra 1.250 e 3.250 giri/min), abbinata alla trazione integrale permanente quattro con differenziale centrale autobloccante e cambio automatico Tiptronic otto rapporti e provvista del sistema di sovralimentazione supplementare a compressore elettrico EAV (di supporto ai due turbocompressori principali nelle condizioni di lavoro a bassi-medi regimi) nonché al dispositivo MHEV mild-hybrid che, come avviene per il compressore elettrico EAV, si avvale dell’energia dell’impianto elettrico a 48V. Molto rapida l’accelerazione: lo scatto da 0 a 100 km/h richiede soltanto 4”8. Su strada, Audi SQ8 (che, dal punto di vista della dinamica veicolo, dispone del modulo di gestione dei programmi di guida Audi Drive Select su sette modalità e dell’assetto a molle pneumatiche, che consentono di variare l’altezza da terra del veicolo fino a 90 mm) dichiara un consumo combinato WLTP di 8,9-9,3 litri di gasolio per 100 km, ed emissioni di CO2 comprese fra 233 e 243 g/km.

La dotazione di serie propone, nello specifico, cerchi da 21”, gruppi ottici a tecnologia Full Led (a richiesta Matrix Led che fa parte del “pacchetto” Dynamic Plus, ottenibile a richiesta insieme agli altri “package” Advanced e Dynamic che includono altresì sterzo integrale, differenziale sportivo e stabilizzazione attiva antirollio), sedili anteriori semi-anatomici rivestiti in pelle e Alcantara, modulo infotainment MMI Plus con MMI Touch Response e funzioni Audi Connect con navigazione integrata.

Audi Q7: restyling per la seconda generazione

L’”operazione-facelift” che interessa l’attuale seconda serie dello Sport-Utility full-size di Ingolstadt porta in dote un ampio programma di aggiornamento, tanto estetico quanto tecnologico. Il corpo vettura (aumentato di 11 mm in lunghezza: ora misura 5,063 m) presenta il nuovo stile della calandra single-frame impostato secondo i più recenti dettami SUV di Audi, un nuovo stile nella zona posteriore, un andamento più “orizzontale” per le protezioni sottoscocca e la nuova fascia inferiore, l’inedita finitura antracite per spoiler anteriore, codolini passaruota e fascioni sottoporta. La dotazione di serie comprende, fra gli altri, cerchi da 19” (20” per la declinazione Sport), proiettori Full Led (a richiesta, nei modelli “top” di gamma, a tecnologia Led Matrix HD con luce Laser Audi).

All’interno, che mantiene la doppia configurazione 5 posti-7 posti (in alternativa), da segnalare l’ottima capienza del bagagliaio: 865 litri per i modelli 5 posti, 740 litri nelle versioni 7 posti, e fino a 2.050 litri per tutti abbattendo gli schienali dei sedili posteriori che formano una superficie di carico perfettamente piatta. Di serie c’è il portellone ad azionamento elettrico, quest’ultimo può in opzione essere ottenuto a comando mediante movimento del piede.

Analogamente al SUV-Coupé Q8, anche Audi Q7 2019 presenta il modulo di controllo MMI Touch Response, disposto su due schermi touch di ampie dimensioni, Audi Virtual Cockpit con display da 12.3 (di serie), ed infotainment MMI Plus configurato con standard LTE Advanced e hotspot WLAN integrato. Il programma di servizi Audi Connect si arricchisce, come già avviene per i più recenti modelli di fascia elevata Audi, della suite Audi Connect. Particolarmente arricchito l’assortimento di sistemi di controllo dinamico (debutta la stabilizzazione antirollio attiva abbinabile al differenziale posteriore sportivo ed allo sterzo integrale nel “pacchetto” Advanced per il telaio), che completa l’adozione della trazione Quattro con differenziale centrale autobloccante ed alle sospensioni pneumatiche adattive che variano l’altezza da terra fino a 90 mm. Due le varianti di motorizzazione, entrambe 3.0 V6 ed abbinate al cambio Tiptronic otto rapporti, alla trazione Quattro ed alla tecnologia mild-hybrid MHEV a 48V: Audi Q7 45 TDI da 231 CV e 500 Nm di coppia massima, e Q7 50 TDI da 286 CV e 600 Nm.

Audi Q3 Sportback 2019: immagini ufficiali Vedi tutte le immagini
Altri contenuti