Auto e Moto d’Epoca: al via l’edizione 2019

Da oggi e fino a domenica 27 ottobre, Fiera di Padova apre alla rassegna internazionale dedicata al motorismo storico. Tutti gli appuntamenti in programma.

C’è storia, c’è passione, il meglio del design e della cultura che ruota intorno ad una filiera sempre attenta a rinnovarsi, pur mantenendo ovviamente ben salde le proprie radici nella tradizione. Anzi, evolvendosi in immagine per “catturare” sempre nuovi enthusiast. È il prolifico settore del motorismo storico, un comparto via via più centrale nella vita di tutti i giorni, che da oggi e fino a domenica 27 ottobre punta i propri riflettori su Fiera di Padova, dove va in scena l’edizione 2019 di Auto e Moto d’Epoca, non a caso una delle rassegne “a tema” più importanti a livello internazionale, e che contribuisce al ruolo di primo piano dell’Italia fra i grandi Paesi nei quali l’interesse per i veicoli “vintage” è più sentito.

Facciamo un po’ di cifre

Dati alla mano, la trentaseiesima edizione di Auto e Moto d’Epoca ospita 1.600 spazi espositivi, fra stand delle Case auto presenti all’evento in forma ufficiale (Alpine, Bentley, Dallara, Ford, McLaren, Pagani, Porsche e Seat su tutti), aree dedicate a club, Registri storici ed associazioni ed il consueto palcoscenico di aziende e professionisti dell’”indotto” (ricambisti, accessori, collezionismo, memorabilia), 5.000 vetture storiche attese alla tradizionale mostra-mercato, e 500 moto “vintage”, pronte a mostrarsi ai padiglioni 1-2-3-4-5-6-7-8-11-14-15, ed in Gall. 78, che appartengono a tutte le fasce di mercato ed in un periodo che va dalle origini del motorismo fino agli anni 70. Il tutto viene allestito in 11 Padiglioni, su una superficie complessiva di 90.000 metri quadri. Stante l’importanza internazionale della manifestazione, gli organizzatori si attendono un “pienone” di visitatori non soltanto dall’Italia, ma anche dall’estero.

Novità 2019: l’asta di auto storiche

Fra le “big news” di Auto e Moto d’Epoca 2019, l’asta organizzata da FinArte: sotto il martello del banditore, una accurata selezione di vetture storiche, una cinquantina, che occupano un arco temporale lunghissimo: dal 1913 (una De Dion Bouton DY) al 2018 (una Porsche 911 GT3 RS). Fra di esse, da segnalare la Maserati 3500 GT carrozzata Touring del 1961 che venne utilizzata da Juan Manuel Fangio durante i suoi soggiorni in Italia quale vettura di tutti i giorni, e che verrà messa in vendita nelle condizioni “barn find” in cui è stata ritrovata, e con a corredo una lettera autografa del leggendario cinque volte campione del mondo di F1.

Le Case auto presenti

Gli spazi espositivi dei “big player” del comparto automotive vedono la presenza ad Auto e Moto d’Epoca 2019, fra gli altri, di Alpine (con la nuova A110 S), Bentley (che festeggia cento anni dalla fondazione ed espone una storica S1 del1956 ed una nuova Continental GTC), Citroen (che racconta il primo secolo dalla creazione del “Double Chevron”), Dallara (in esposizione la splendida Dallara Stradale), Ford (con una retrospettiva sulla “famiglia” Transit), McLaren (“in vetrina” una hypercar P1 del 2013 ed un esemplare della nuova GT), la modenese Pagani che celebra i vent’anni di Zonda, Porsche (anche quest’anno si terranno le premiazioni del concorso di restauro indetto da Porsche Classic aperto a tutti i Centri Porsche ed i Classic Partner italiani), e Seat, con i 35 anni dal debutto della prima generazione di Ibiza.

Registri storici ed eventi speciali

Come sempre nutrita la presenza dei sodalizi istituzionali che accolgono il meglio della produzione d’epoca: i meeting tematici a cura dell’ASI-Automotoclub Storico Italiano ed ACI Storico, il Riar-Registro Storico Alfa Romeo, che espone una 6C 1750 SS Spider Zagato del 1929 in versione Gran Prix ed una ben più moderna Giulietta 2.0 Turbodelta del 1984; i Registri Storici Fiat e Lancia portano ad Auto e Moto d’Epoca le indimenticate Fiat Topolino, 500 e 128 (che nel presente 2019 ha compiuto 50 anni) e Barchetta; e ancora, Lancia Ardea, Thema e Delta (le quali hanno festeggiato, rispettivamente, 80 anni, 35 anni e 40 anni dal debutto). E se la eterna tradizione di oltremanica si affida ai club che riuniscono gli appassionati MG, Land Rover, Jaguar e Triumph, il Club Storico Peugeot Italia porta alla ribalta la neo-cinquantenne Peugeot 304, ed il Mercedes-Benz Registro Italia racconta la nascita delle “station wagon” moderne ed espone due modelli unici. Immancabile la presenza Ferrari: presso l’Arena ACI del padiglione 3, i visitatori hanno la possibilità di ammirare “dal vivo” un’antologia di “barchette” di Maranello, dalla 166 MM Touring del 1950 che fu di Gianni Agnelli, alle nuovissime SP1 ed SP2 Monza che inaugurano la famiglia “Icona”. Il Mauto-Museo nazionale dell’Auto di Torino porta alla “quattro giorni” di Fiera di Padova due regine di un lontano passato, ovvero la Fiat 18/24 HP del 1908 che appartenne al fondatore del Museo, Carlo Biscaretti di Ruffia, e la leggendaria Itala 35/45 HP che trionfò “in solitaria” (dando cioè venti giorni di distacco alle concorrenti!) al raid Pechino-Parigi del 1907. Dal Museo Nicolis di Verona, ecco una Lancia Flaminia Supersport Zagato del 1965, modello chiamato a celebrare i cento anni dalla fondazione dell’Atelier milanese.

Date, orari, biglietti

Auto e Moto d’Epoca 2019 (edizione numero 36) resterà in cartellone fino a domenica 27 ottobre, con orario di apertura dalle 9 alle 18 (oggi, giovedì 24) e dalle 9 alle 19 (venerdì 25, sabato 26 e domenica 27). I biglietti sono in vendita, alle casse di Fiera di Padova e online (con sovrapprezzo di 1,60 euro) a 30 euro (venerdì 25) e 25 euro (sabato e domenica); l’ingresso ridotto – per ragazzi da 13 a 17 anni e visitatori con invalidità inferiore all’80% – è di 20 euro (sabato e domenica). Ingresso gratuito per i bambini fino a 12 anni e per le persone con invalidità dell’80% o superiore, con accompagnatore.

Peugeot 304 1969-1980: la storia nelle immagini Vedi tutte le immagini
Altri contenuti