Bentley: i cento anni ad Auto e Moto d’Epoca 2019

Il marchio di Crewe celebra alla rassegna di Fiera di Padova i cento anni dalla fondazione: verranno esposte una S1 del 1956 ed una Continental GTC.

Per la sua presenza all’imminente edizione 2019 di Auto e Moto d’Epoca – rassegna di primo piano, a livello internazionale, per il comparto del motorismo storico, in programma da giovedì 24 a domenica 27 ottobre a Fiera di Padova -, Bentley metterà in evidenza alcuni dei personali atout che da un secolo ne contraddistinguono il substrato sul quale il marchio di Crewe ha costruito la propria immagine: notevolissima eleganza artigianale ed elevata sportività, attraverso un percorso che ne riassume le peculiarità in una liaison fra passato, presente e futuro.

Sotto i riflettori dell’evento padovano, Bentley (che celebra i cento anni dalla fondazione) esporrà – attraverso il proprio rappresentante per l’Italia Gruppo Fassina (dealer presente nelle due sedi di Milano e Padova) – un esemplare della storica S1 Sport Saloon del 1956, e al suo fianco la nuova Continental GTC di terza generazione.

La berlina sportiva “Fifties”

A metà anni Cinquanta, la produzione Bentley venne interessata da un concreto programma di aggiornamento, derivante in linea retta dalle novità di stile che Rolls-Royce, all’epoca proprietaria del marchio, aveva introdotto nella propria gamma, e che si concretizzarono nel progetto Silver Cloud. Dalla “superberlina” di Goodwood, i tecnici della “B Alata” realizzarono nel 1955 il modello S1: un deciso balzo in avanti rispetto all’impostazione “classicissima” della serie R che andò a sostituire. Minime, come di consueto all’epoca, le differenze dalla “capostipite” Silver Cloud: la forma del radiatore ed alcuni dettagli secondari. L’immagine complessiva infondeva, tuttavia, maggiore dinamismo al corpo vettura in rapporto alla “cugina” Rolls-Royce. Sotto il cofano, peraltro, la berlina S1 portava in dote un tipo di motorizzazione quanto mai tradizionale: fu, infatti, l’ultimo modello di Crewe ad essere equipaggiato con l’unità motrice a sei cilindri in linea (la cui cilindrata era stata nel frattempo portata a 4.887 cc) derivata da quelli installati a bordo della Rolls-Royce Twenty (prodotta fra il 1922 ed il 1929). La potenza sviluppata dallo “Straight Six” era di 153 CV. “Bisnonna” della attuale gamma Flying Spur – che proprio in queste settimane viene presentata nella nuova generazione – l’esemplare di Bentley S1 esposto ad Auto e Moto d’Epoca 2019 può essere definito come uno “splendido conservato”: costruito nel 1956 e verniciato nella classica tinta “Verdant Green” delle Bentley che dominarono nelle gare di durata negli anni 20, è per più di 50 anni appartenuta ad un’unica famiglia che, mantenendone l’originalità (compresa la pelle in Grigio Porpoise degli interni) l’ha tramandata di generazione in generazione, a partire dal primo proprietario, un ex ufficiale della RAF, reduce della Seconda Guerra mondiale che acquistò la Bentley S1 pronta a lasciarsi ammirare a Fiera di Padova come regalo per il suo congedo alla fine degli anni 50.

La bestseller in versione “en plein air”

Accanto alla S1 del 1956, lo stand Bentley ad Auto e Moto d’Epoca 2019 esporrà la nuova terza generazione della sportiva-simbolo del nuovo Millennio Continental GT, in produzione da oltre sedici anni ed a Fiera di Padova rappresentata dalla declinazione GTC. Svelata ufficialmente alla fine di novembre 2018, la nuova serie della versione Cabriolet di Bentley Continental GT (modello che, fra l’altro e tanto per ribadire l’eterno rapporto di vicinanza tra la factory di Crewe e le competizioni, quest’anno ha riportato la vittoria, nella categoria riservata alle vetture “di serie”, all’edizione 2019 della Pikes Peak; proprio dove, nel 2018, aveva trionfato, con lo “Sport Utility” Bentayga, nella categoria SUV di serie) porta in dote una aggiornata capote in tela multistrato, il ben conosciuto ventaglio di personalizzazioni che da sempre contraddistinguono le peculiarità della produzione di Crewe, l’inedita “sciarpa termica” (ovvero il flusso di aria calda in corrispondenza di testa e collo per conducente e passeggero) e l’unità 6.0 V12 da 635 CV e 900 Nm di coppia massima, con Start&Stop, funzione “Coasting” e dispositivo Variable Displacement che, in determinate condizioni di impiego, “spegne” metà dei dodici cilindri.

Bentley Continental GTC 2019: immagini ufficiali Vedi tutte le immagini
Altri contenuti