Auto e Moto d’Epoca: il programma dell’edizione 2019

Riflettori puntati sul quartiere fieristico di Padova, dove dal 24 al 27 ottobre andrà in scena uno degli eventi più importanti a livello internazionale.

Sempre più “centrale” nel quotidiano, il settore del motorismo storico rappresenta da sempre un comparto in bilancio attivo. Se ciò è vero in molti Paesi, lo è ancora di più in Italia: il “nostro” patrimonio storico – inteso come eredità culturale – legato al settore dei veicoli “d’antan” è ai vertici mondiali. Lo dimostrano, nel concreto, le centinaia di eventi “a tema” che si svolgono, lungo l’arco dell’anno, da nord a sud; e ne è diretta testimonianza la filiera, che coinvolge tanto l’indotto diretto (ovvero gli operatori professionali: restauratori, officine specializzate, carrozzieri, artigiani che riproducono pezzi e componenti sulle esatte specifiche d’origine; e ancora: tappezzieri, ricambisti, editoria a tema) quanto l’indotto indiretto, nel quale convergono tutte le realtà connesse al turismo, all’enogastronomia, all’accoglienza, alla cultura.

Del resto, proprio domenica 29 settembre, in Italia, c’è stata la “Giornata Nazionale del Veicolo d’Epoca”, iniziativa promossa dall’ASI-Automotoclub Storico Italiano: un “Vintage day” che ha visto la partecipazione dei club federati ASI impegnati nell’organizzazione di raduni, esposizioni, mostre a tema, convegni; e, da parte della Commissione Storia e Musei della stessa ASI, la creazione di ASIMuseiShow, un evento parallelo che ha permesso a migliaia di enthusiast la visita a più di un centinaio di musei e collezioni private.

Appena archiviata l’iniziativa, ecco un nuovo “big Event” iniziare a delinearsi, a conferma che il settore del motorismo storico prosegue felicemente il proprio percorso. È l’edizione numero 36 di “Auto e Moto d’Epoca”, uno dei più importanti appuntamenti internazionali dedicati ai veicoli storici, che si terrà – come di consueto nel complesso del quartiere fieristico di Padova – da giovedì 24 a domenica 27 ottobre.

La legge dei grandi numeri e le novità 2019

La manifestazione – lo indichiamo a titolo di ulteriore conferma (se ancora ce ne fosse bisogno) dell’importanza che il motorismo storico riveste nella cultura sociale – punta i riflettori su alcune novità di rilievo. Nello specifico, gli organizzatori – confermando l’immagine di “Auto e Moto d’Epoca” quale Salone potenzialmente aperto… a tutte le tasche (segnalano ben 5.000 modelli in vendita, dalle Rolls Royce e Bentley degli anni 20 alle grandi sportive degli anni 50 e 60 come Mercedes 300 SL e Ferrari Daytona, alle piccole ma ricercate utilitarie che hanno fatto la storia della mobilità) – offrono 2.000 metri quadri in più, all’interno del Padiglione 15, dedicati ai commercianti; altra “big news” dell’edizione 2019 di “Auto e Moto d’Epoca”, la presenza della Casa d’aste Finarte, da sessant’anni specializzata in oggetti da collezione: in esposizione ci saranno autovetture e memorabilia rari e preziosi durante l’intera durata dell’evento, a corollario dell’asta in programma venerdì 25. Fra le vetture più “nobili” attese all’incanto, si segnala fin da ora la Maserati 3500 GT Touring (contrassegnata dal numero di telaio AM101*1714*) del 1961: un “barnfind” che corrisponde all’esemplare utilizzato a suo tempo da Juan Manuel Fangio durante i suoi soggiorni in Italia.

Arte, cultura, artigianato a tema

Ovviamente vastissima si preannuncia l’offerta dei ricambi specializzati: un settore che, osservano gli organizzatori di “Auto e Moto d’Epoca”, vede ai Padiglioni di PadovaFiere un deciso aumento degli espositori europei, attesi a fianco dei principali specialisti di ricambi Ferrari dagli anni 50 ai giorni nostri. Le possibilità di entusiasmarsi, dunque, non mancheranno. Allo stesso modo, l’appassionato alla ricerca delle espressioni di cultura che vanno a braccetto con il mondo del motorismo storico avrà a propria disposizione quella che viene indicata come “La più grande esposizione nazionale di automobilia”: un intero mondo fatto di accessori e documenti storici, editoria specializzata, cimeli sportivi e opere d’arte. In estrema sintesi, oggetti da collezione che contribuiscono ad arricchire nel dettaglio la personale “esperienza vintage”. Da segnalare, inoltre, una vasta raccolta di accessori, oggetti di design e capi d’abbigliamento di altissima qualità (anche queste tre “voci” vedono l’Italia in un ruolo leader nel mondo): dai leggendari bauli d’epoca Louis Vuitton ad una rarissima selezione di foulard di seta realizzati a partire dagli anni 50 su commissione delle case automobilistiche a stilisti e case di moda prestigiose quali Giugiaro, Hermes e Ferragamo. Saranno altresì presenti alcuni artisti di grido che si esprimono nella Motor Art, artigiani specializzati nella manifattura di articoli di pregio e le grandi Maison dell’abbigliamento sportivo a tema, da Gulf al merchandising ufficiale della 1000 Miglia.

Un’occasione di vivere la passione per l’auto

Al di là del discorso puramente “commerciale” (ci si perdoni il termine), “Auto e Moto d’Epoca” rappresenta anche e soprattutto un luogo nel quale esprimere la propria passione verso il motorismo storico. Ciò si identifica in una sempre più ampia raccolta di modelli di assoluto prestigio e di collezioni che vengono esposti per la gioia di tutti gli enthusiast ed i connoisseur, i quali non sempre hanno la possibilità di ammirare, tutti insieme, tanti “pezzi” di assoluto valore storico e culturale. Fra questi, si segnala la presenza del Museo Nicolis di Villafranca di Verona (che esporrà una Lancia Flaminia Super Sport Zagato del 1965) ed il MAUTO-Museo dell’Automobile di Torino, che a Padova porterà uno degli eterni simboli dell’auto storica italiana: la leggendaria Itala 35/45 HP che nel 1907 trionfò nel Raid Pechino-Parigi e, da sempre, è considerata una pioniera delle grandi imprese automobilistiche. Non mancheranno, infine, le “raccolte” dei Club e dei Registri Storici che convergeranno a PadovaFiere con l’obiettivo di esporre i veicoli più belli e, in senso più ampio, storicamente più significativi che appartengono alle collezioni dei singoli soci.

I miti dei rally al Salone Auto e Moto d’epoca 2018 Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Aci Rally Italia Talent: a Cuneo l’ultima selezione

Altri contenuti