Skoda

Skoda apre i battenti per la prima volta nel 1923 in Cecoslovacchia, ora Repubblica Ceca.

Nata produttore di automobili di lusso, Skoda firmò un accordo nel 1923 con la Hispano-Suiza e nel 1925 acquistò il marchio Laurin & Klement.
Dopo aver rischiato il fallimento nel 1930 Skoda decise di abbandonare i modelli extra lusso e produrre vetture capaci di attirare una clientela maggiore. Nacquero in quegli anni la Skoda 420, battezzata Popular, e la Skoda Favorit.
La fine della Seconda guerra mondiale e il colpo di stato comunista nel 1948 cambiarono radialmente la produzione Skoda. Il costruttore automobilistico fu nazionalizzato e furono commercializzati modelli come la Skoda 1000 MB. Negli anni’80 Skoda ottenne buoni successi commerciali con Skoda Favorit e Skoda Forman.
La svolta però avviene nel 1991, quando Skoda viene acquistata dal Gruppo Volkswagen. Primo modello a debuttare sotto la nuova proprietà fu la Skoda Felicia ma il cambiamento radicale arrivò con la Skoda Octavia, berlina completamente progettata nell’era VW.
Il listino Skoda si apre con la citycar Skoda Citigo. Derivata dalla Volkswagen UP!, la Citigo è offerta in versione 3 e 5 porte. Erede della Felicia la Skoda Fabia, disponibile anche in versione Skoda Fabia wagon, occupa il segmento B da anni con successo, grazie ad una buona qualità generale e prezzi concorrenziali.
Riprende il nome di un modello del passato la berlina low cost Skoda Rapid, mentre l’Octavia è offerta anche in versione Skoda Octavia wagon. Linee da ammiraglia per la Skoda Superb, molto apprezzata anche in abbinamento alla carrozzeria familiare della Skoda Superb wagon. A chiudere la gamma Skoda troviamo il multispazio compatto Skoda Roomster e la crossover Skoda Yeti, disponibile anche in versione 4×4.

Leggi tutto

Modelli