Nuova Jaguar X-Type: “via libera” della Tata. La vedremo nel 2012

Prosegue il new deal per il marchio inglese. Vendite positive a giugno. E fra due anni arriva l’erede della X-Type

Nuova Jaguar X-Type: "via libera" della Tata. La vedremo nel 2012

Tutto su: Jaguar X-Type

di Francesco Giorgi

15 luglio 2010

Prosegue il new deal per il marchio inglese. Vendite positive a giugno. E fra due anni arriva l’erede della X-Type

Il buon andamento delle vendite globali che la Tata Motors ha registrato a giugno, con un incremento del 59 per cento rispetto al 2009 per il marchio Jaguar e del 41 per cento per Land Rover ha convinto Carl Peter Fotster – amministratore delegato del Gruppo indianpo – a dare il “via libera” allo sviluppo di quella che, nel 2012, sarà considerata come l‘erede della Jaguar X-Type.

E c’è di più: nei piani della Tata, oltre alla futura berlina, ci sono anche una variante station wagon per la XF, una versione a passo lungo – che con tutta probabilità sarà destinata alla Cina – e l’attesa F-Type Roadster, la spider chiamata a rinverdire il concetto di “vettura aperta” secondo la filosofia Jaguar: linee sinuose, allestimenti pregiati e tanta sportività che potrebbero rivelarsi una spina nel fianco anche per la Porsche Boxster.

Lo stesso Forster ha poi anticipato che sia la futura X-Type – della quale è già iniziato il programma di sviluppo – che la F-Type potranno ricevere lo stesso logo XE. Ecco quindi il prosieguo del new deal conferito alla Jaguar dalla Tata che sembra seriamente intenzionata a riportare il marchio all’antico prestigio. E per i prossimi anni si candida a recitare il ruolo di concorrente nel competitivo e tedesco – dipendente settore delle berline di intonazione sportiva come Audi A4 e BMW Serie 3. Dal punto di vista della produzione è atteso un nuovo assetto industriale che strizzi l’occhio ai costi, dato che attualmente l’azienda produce nove modelli su otto differenti telai. [!BANNER]

Una filosofia analoga è stata anticipata anche per la Land Rover, per la quale Forster ha indicato il ritorno a un’immagine più spartana per Land Rover, e dunque maggiore differenziazione dalla ben più lussuosa Range Rover. Una piccola indiscrezione anche per i motori: il 2,2 litri TD4 da 160 CV prodotto dal Gruppo PSA potrà segnare il passo a una nuova unità made in Tata che potrebbe essere adottata sulla futura Jaguar X-Type e sulla XF.