Nuova Skoda Scala: la segmento C debutta sul mercato

Dotazioni, assortimento di gamma e prezzi della novità di fascia media che arricchisce l’articolata fase di rinnovamento al centro delle strategie Skoda.

Con il Weekend porte aperte di sabato 25 e domenica 26 maggio, ha ufficialmente preso il via la fase di ingresso di Skoda Scala sul mercato italiano: già disponibile alle ordinazioni dai primi giorni di aprile (qui il nostro approfondimento), la novità-compact di Mlada Boleslav (presentata ufficialmente lo scorso 7 dicembre a Tel Aviv: qui la nostra anticipazione), chiamata a sostituire Skoda Rapid Spaceback (in qualità di sua “erede”) si articola su quattro varianti di motorizzazione, equamente suddivise fra proposte a benzina (1.0 TSI 115 CV; 1.5 TSI DSG 150 CV) e turbodiesel (1.6 TDI 115 CV con cambio manuale; 1.6 TDI 115 CV con cambio DSG), e su prezzi che partono da, rispettivamente, 21.760 euro e 24.060 euro.

A giugno la “baby” 95 CV; in autunno la G-Tec a metano

Già comunicato l’imminente arrivo di una declinazione di accesso alla gamma 1.0 TSI 95 CV, che debutterà nelle prossime settimane in un unico allestimento “Ambition” e prezzi da 19.960 euro. Più avanti (il prossimo autunno) sarà poi la volta della interessante Scala 1.0 T-TEC 90 CV a metano (medesima impostazione di propulsore della altrettanto recente lineup Seat TGI: qui il nostro primo contatto con le novità a gas naturale di Martorell), che dovrebbe essere omologata monofuel, e quindi ottenere le agevolazioni in materia previste dalla legislazione nazionale.

Skoda Scala: capienza e soluzioni all’insegna della versatilità

Per la novità di segmento C del marchio boemo – in queste settimane al centro di un articolato programma di riposizionamento della propria gamma, come dimostrato dalle recentissime presentazioni del SUV compatto Kamiq avvenuta in occasione del salone di Ginevra, nonché di Superb 2019 e della “baby” 100% elettrica Citigo e iV, queste ultime svelate giovedì scorso a Bratislava – l’obiettivo è quanto mai ambizioso: opporre una concreta “resistenza” all’offensiva tedesca, francese e coreana (segnatamente Opel Astra, Ford Focus, Renault Mégane e Hyundai i30; ma anche, per restare nell’ambito del Gruppo VAG al quale Skoda fa capo, Seat Ibiza, Seat Leon e la bestseller di segmento Volkswagen Golf) che, all’atto pratico, punta su rinnovate soluzioni di equipaggiamento hi-tech, un ampio assortimento di accessori, comprese le ben conosciute funzionalità “Simply Clever” esclusive Skoda; e una notevole versatilità di impiego, sottolineata – dati alla mano – da una capienza al vano bagagli che va da un minimo di 467 litri nel normale assetto di marcia a 1.410 litri a sedili posteriori totalmente abbattuti su un corpo vettura che misura 4,36 m in lunghezza (non è propriamente “minuscola”, tuttavia appare adeguata alle esigenze delle famiglie e del piccolo trasporto).

Dotazioni di serie: non manca niente

Le linee di allestimento per Skoda Scala sono tre: “Ambition”, “Sport” e “Style”. Tutte le varianti vanno ad occupare per intero le declinazioni proposte, ad eccezione del modello 1.5 TSI benzina 150 CV con cambio DSG, non disponibile nell’allestimento “Ambition” di accesso alla gamma. Come accennato, anche la prossima 1.0 TSI 95 CV verrà proposta unicamente in configurazione “Ambition” che, relativamente alla dotazione di serie, propone fra gli altri i cerchi in lega “Alaris” da 16”, le luci anabbaglianti e diurne anteriori a Led, i fendinebbia con funzione Cornering, il sensore luci con attivazione fari automatica, il sedile lato guida regolabile in altezza ed i sedili anteriori provvisti di supporto lombare, i sedili posteriori a schienale frazionabile nello schema 60 : 40, gli specchi retrovisori esterni regolabili e riscaldabili a comando elettrico, il volante multifunzione (comandi radio e telefono) rivestito in pelle, quattro vetri elettrici, il display multifunzione Maxi DOT con computer di bordo, i sensori di parcheggio posteriori con frenata di emergenza automatica, il Driver Activity Assistant di riconoscimento stanchezza conducente, l’ausilio alle partenze in salita, la suite di servizi online Skoda Care Connect (chiamata di emergenza “a vita” e 10 anni di Service proattivo) ed il modulo SmartLink+ compatibile con gli standard Apple CarPlay, Android Auto e MirrorLink e accesso ai dati di guida mediante l’applicazione dedicata Skoda OneApp. L’assortimento di dotazioni è dunque piuttosto ampio, in ossequio alle più recenti strategie Skoda, che puntano ad un “voluminoso” standard di accessori già a partire dalle configurazioni-base, comprese le soluzioni “Simply Clever” che qui vanno dal vano portaombrello nella porta anteriore lato guida con ombrello integrato al raschietto per il ghiaccio nel tappo serbatoio carburante, ai numerosi vani portaoggetti (compreso il “pozzetto” JumboBox all’interno del bracciolo centrale anteriore).

Per l’allestimento “Sport” (i prezzi partono da 23.060 euro per la versione 1.0 TSI 115 CV con cambio manuale a sei rapporti, e da 25.360 euro per il modello 1.6 TDI 115 CV, sempre con cambio manuale di pari rapportatura), Skoda Scala dispone in più dei cerchi in lega “Volans” da 17”, dell’installazione di un assetto ribassato di 15 mm e provvisto di una taratura più sportiva ed a controllo elettronico degli ammortizzatori, della finestratura posteriore oscurata e di uno spoiler posteriore di maggiori dimensioni, del sistema di selezione modalità di guida “Driving Mode Select”, del lunotto più ampio, fanaleria posteriore Full Led con indicatori di direzione dinamici e, all’interno, padiglione in nero, rivestimenti abitacolo in tessuto-tecnofibra ArtVelours, levette al volante per il cambio DSG, sedili semi-anatomici con poggiatesta integrato e pedaliera in alluminio.

In aggiunta agli accessori di serie nell’allestimento Sport, la declinazione “Style” per la nuova Skoda Scala (prezzi da 23.860 euro per la 1.0 TSI 115 CV, e da 26.160 euro per la 1.6 TDI a cambio manuale) dispone di cerchi in lega “Stratos” da 17”, gruppi ottici anteriori “Crystal Lighting” (layout esclusivo di Skoda) a tecnologia Full Led e dotati di funzione AFS-Adaptive Frontlight System che adegua il fascio luminoso in ordine di evitare l’abbagliamento agli automobilisti che si incrociano, climatizzatore automatico bi-zona con filtro combinato, sensore umidità e Air Care, specchio retrovisore centrale a schermatura anti-abbagliamento automatica, modulo infotainment con impianto di navigazione satellitare “Amundsen” a disco fisso Solid State da 64GB configurabile mediante display touch da 9.2”, sistema di controllo gestuale e vocale e mappe europee aggiornabili a vita, strumentazione Virtual Cockpit digitale, personalizzabile, con schermo da 10.2”, e “pacchetto” di servizi online Skoda Care Connect.

Skoda Monte Carlo, la storia nelle immagini Vedi tutte le immagini
Altri contenuti