Alfa Romeo Giulietta: a fine 2020 uscirà definitivamente di produzione

La parola “fine” alla decennale carriera della “segmento C” del Biscione era nell’aria: il suo ruolo verrà ereditato dal compact-SUV Tonale.

Fra qualche mese, il “segmento C” rimarrà scoperto. O meglio: sarà così in relazione alla fascia delle berline compatte; al suo posto, il “vuoto” verrà colmato dal C-SUV Tonale. È quanto indicano i dirigenti del “Biscione” in merito alla carriera di Alfa Romeo Giulietta, che volge al termine. A fine anno, stando a quanto anticipato in una dichiarazione di Fabio Migliavacca, responsabile della Divisione Product Marketing per Alfa Romeo e raccolta dai taccuini del magazine Autocar, la produzione di Giulietta terminerà: “Il ciclo di produzione di Giulietta dovrebbe terminare alla fine di quest’anno”, ha annunciato il manager.

Vendite in calo e nessun ricambio generazionale

Niente di straordinario in termini assoluti: un prossimo pensionamento di Alfa Romeo Giulietta era nell’aria (già lo scorso gennaio era arrivato un primo annuncio, dai vertici Fca, riguardo all’imminente definitiva pensione per Giulietta), se si tiene conto di due aspetti importanti: in un decennio di produzione, la berlina compatta Alfa è sostanzialmente rimasta sempre invariata nell’impostazione generale (se si esclude qualche restyling), a differenza delle principali competitor di segmento (su tutte: Audi A3, Bmw Serie 1, Opel Astra, Volkswagen Golf, Renault Mégane, Seat Leon, Kia Cee’d, Hyundai i30, Mercedes Classe A, Citroen C4, Peugeot 308), sottoposte negli anni a turn-over generazionali che ne hanno via via rinnovato le rispettive lineup. Dal punto di vista delle vendite, ed in analogia con l’”upgrade” di generazione che non è mai avvenuto, i dati di mercato risultano poco “rispettosi” del blasone (di denominazione e di marchio di appartenenza) che Giulietta porta in dote: poco meno di 15.700 unità vendute in Europa nel 2019, come dire cinque volte meno in rapporto ai risultati che furono messi a segno nel 2011, anno in cui fu proprio la allora giovane “segmento C” del Biscione a trainare, insieme – va detto – alla mai dimenticata “segmento B” Alfa Romeo MiTo, l’aumento di quota di mercato Alfa Romeo, che dallo 0,8% salì al 2,8% in Europa ed al 14,5% in Italia.

Spazio al C-SUV Tonale

Dal punto di vista della tipologia di carrozzeria, Alfa Romeo Giulietta non lascerà la propria eredita ad alcun modello di pari fascia di mercato: il suo posto verrà “occupato” da Alfa Romeo Tonale, compact-SUV le cui caratteristiche di guida, eccezion fatta per alcune peculiarità proprie del segmento “a ruote alte”, dovrebbero risultare simili a quelle di Alfa Romeo Giulietta. Il “gap”, dunque, verrebbe colmato. Resta da vedere quando effettivamente Alfa Romeo Tonale possa entrare in produzione: l’emergenza da Coronavirus potrebbe – il condizionale è, in questo caso, più che mai d’obbligo – far sì che il via all’assemblaggio a Pomigliano d’Arco venga interessato da una leggera revisione nei tempi. Il suo debutto sul mercato è previsto per la seconda metà del 2021: nei prossimi mesi ci sarà ampiamente modo per seguirne l’iter di “lancio” commerciale.

Con il prossimo arrivo di Tonale e la futura introduzione di un compact-crossover da inserire in gamma su una fascia inferiore, in un’ottica a medio termine Giulia rimarrà così l’unica berlina per Alfa Romeo.

Alfa Romeo Giulietta 2019 Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Alfa Romeo: 110 anni di storia

Altri contenuti