Miglior SUV compatto 2020: 3 auto belle

Abbiamo selezionato i 3 migliori SUV compatti prendendo in considerazione i modelli che più si distinguono per il design.

Il segmento dei SUV compatti è senza ombra di dubbio uno dei più apprezzati di tutto il comparto automotive, come sottolineano i numeri di mercato che parlano di un vero e proprio boom di vendite. Nella mini-guida che vi proponiamo abbiamo selezionato 3 tra i migliori SUV proposti sul mercato dai vari costruttori internazionali, basandoci su due principali criteri: una lunghezza intorno ai 4,20 – 4,30 metri e la bellezza del loro design esterno e del relativo abitacolo. Dopo una attenta analisi, i 3 SUV compatti più belli ed affascianti che abbiamo identificato sono i seguenti:

  • Ford Puma
  • Bmw X2
  • Renault Captur

Ford Puma

Erede spirituale dell’omonima coupé proposta dalla Casa dell’Ovale Blu alla fine degli anni ’90, la nuova Ford Puma si presenta come un SUV dalle forme sportiveggianti lungo 4,18 metri. Si distingue per le sue linee morbide e sinuose che si abbinano in maniera armonica a dettagli estetici più spigolosi e decisi, tra cui la parte inferiore dei fascioni paraurti. Il design del SUV di Ford è di sicuro impatto e fa della Puma un’auto perfetta per chi cerca un’auto bella, che nel segmento dei veicoli compatti a ruote alte è piuttosto rara da trovare, dato che la maggiore altezza non sempre è sinonimo di armonia delle forme. Le fiancate sfoggiano una linea di cintura alta e da passaruota messi in evidenza, mentre la vista posteriore vanta un lunotto inclinato, delimitato nella parte superiore da uno spoiler, mentre più in basso troviamo i proiettori che si sviluppano in senso orizzontale fino ad abbracciare le fiancate. Nonostante le dimensioni contenute, l’abitacolo può ospitare 5 persone adulte (per viaggiare comodi meglio essere in quattro) e i loro relativi bagagli, stivati in un vano da 456 litri che può arrivare a 1.200 litri se si abbatte il divano posteriore.

Abitabilità e dotazione

Particolarmente hi-tech l’abitacolo che può contare su una strumentazione 100% digitale basata su un display da 12.3 pollici, mentre all’estremità superiore della console centrale fa bella mostra di se lo schermo touch da 8 pollici dell’infotainment SYNC 3 che permette di connettere all’hot spot fino a 10 device elettronici, oltre a garantire la connettività per smartphone con Apple CarPlay e Android Auto. Completa anche la dotazione dei sistemi di assistenza alla guida basati sull’uso di tre radar, due telecamere e dodici sensori ad ultrasuoni.

Gamma propulsori: è anche ibrida

Dal punto di vista della meccanica, la nuova Puma sposa l’elettrificazione portando in dote un nuovo sistema mild hybrid a 48 volt. Questa tecnologia viene abbinata al pluripremiato motore Ecoboost da 1.0 litro e declinata nei livelli di potenza da 125 e 155 CV. Entro a metà di quest’anno è attesa inoltre anche la motorizzazione turbodiesel 1.5 litri da 120 CV. La trazione è sulle ruote anteriori mentre le trasmissioni disponibili sono manuale a sei marce e automatica a sette rapporti. Prezzi da 22.750 euro.

 

Bmw X2

Basata sulla piattaforma Ukl II (usata anche dalla X1 e dalla Serie 2 Active Tourer), la Bmw X2 si presenta come un SUV-coupé dal look sportiveggiante e dinamico lungo 4,36 metri, largo 1,82 metri e alto appena 1,52 metri. Anche in questo caso il design è protagonista. La vettura sfoggia una carrozzeria muscolosa enfatizzata dalla presenza di generosi passaruota dalla forma squadrata e da minigonne pronunciate, non manca inoltre un lunotto inclinato lambito da uno spoiler, mentre l’effetto scenico viene completato dalla calandra anteriore a doppio rene che separa la firma luminosa dalla forma sfuggente.

Abitabilità e dotazione

Il passo lungo 2,67 metri offre una buona abitabilità interna, anche se i passeggeri più alti che si accomodano sul divano posteriore devono fare i conti con il poco spazio riservato alle ginocchia. Il vano bagagli da 392 litri a 1.335 litri (se si abbatte il divano posteriore) vanta una forma regolare e risulta ben accessibili sfruttando l’ampio portellone. Come da tradizione la plancia sportiva e tecnologica  risulta orientata verso il guidatore che ha a portata di mano tutti i principali comandi, a partire da quelli del sistema d’infotainment che può contare sul Connected Drive e sul rinnovato iDrive abbinato all’ampio display touch centrale da 8,8 pollici che permette di gestire numerose funzioni, comprese quelle della connettività per smartphone. La sicurezza per i passeggeri è garantita dai tanti sistemi ADAS, tra cui segnaliamo il cruise control adattivo, la frenata d’emergenza con riconoscimento pedoni, il controllo dell’angolo cieco, il sistema per il mantenimento automatico della corsia, il lettore dei segnali stradali e tanto altro ancora.

Gamma propulsori

Completa la gamma propulsori che comprende unità diesel e benzina, con potenze che variano da 116 a 306 CV. Un discorso a parte merita la nuova variante ibrida plug-in che sfrutta un powertrain composto da un motore a benzina 3 cilindri 1.5 litri turbo da 125 CV e 220 Nm di coppia accoppiato ad un motore elettrico da 95 CV e 165 Nm di coppia, per n totale di 220 CV e 385 Nm di coppia massima scaricati sulla trazione integrale e gestiti dalla trasmissione automatica Steptronic a 6 rapporti. E’ possibile inoltre viaggiare di viaggiare in modalità a 100% elettrica per circa 57 km, ad una velocità massima limitata a 135 km/h. Prezzi di listino da 34.150 euro.

 

Renault Captur

Cresciuta sia dal punto di vista delle dimensioni e migliorata nel comparto tecnico e tecnologico, la seconda generazione della Renault Captur raggiunge la piena maturità sfoggiando un look moderno ed accattivante che passa difficilmente inosservato. Lunga 4,23 metri, il SUV della Casa della Losanga sfoggia un design raffinato e originale, caratterizzato da un inedito frontale impreziosito da una firma luminosa a forma di “C”, a cui viene abbinato un particolare tetto che appare sospeso nell’aria. L’effetto scenico viene completato dal suggestivo lato “B” della vettura che sfoggia una coda enfatizzata da un lunotto compatto e molto inclinato e dai proiettori a forma di boomerang.

Abitabilità e dotazione

All’interno dell’abitacolo troviamo un ambiente spazioso e versatile che può contare su un divano posteriore scorrevole di ben 16 cm, Questo permette di ottimizzare lo spazio del bagagliaio che con i sedili posteriori in posizione d’uso vanta una capacità di ben 536 litri, un vero e proprio record per questo segmento. Rispetto alla generazione che sostituisce, la nuova Captur vanta un abitacolo completamente nuovo e rifinito in ogni dettaglio, a partire dalla scelta dei materiali che risultano di ottima qualità e ben assemblati. L’aspetto della plancia è decisamente futuristico: al centro della console spicca un enorme display verticale che permette di controllare le tante funzioni disponibili comprese quelle della navigazione e della connettività. Non manca i sistemi ADAS come la frenata automatica d’emergenza con riconoscimento dei pedoni, il mantenimento in corsia, il cruise control adattivo con funzione stop&go nel traffico, il controllo degli angoli ciechi, le telecamere di parcheggio con visuale a 360° e tanto altro ancora.

 Gamma propulsori

L’offerta propulsori comprende una vasta gamma di unità benzina e diesel, a cui si aggiungerà nel prossimo futuro anche una versione ibrida plug-in. L’offerta dei benzina comprende le unità TCe 100, TCe 130 e TCe 155, mentre sul fronte dei diesel troviamo il Blue dCi 95 e Blue dCi 115. Nel corso di quest’anno è attesa la versione 1.0 TCe a Gpl e la variante ibrida plug-in che permetterà di viaggiare anche in modalità 100% elettrica per circa 47 km. Prezzi da 21.100 euro.

Miglior SUV compatto: le immagini Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Lancia Ypsilon Hybrid 2020

Altri contenuti