Volkswagen ID.4: caratteristiche, dimensioni, motore e autonomia

Ulteriore step in materia di sviluppo strategico “zero emission”: fino a 520 km di autonomia, ricarica rapida e due versioni-lancio, 1st Edition e 1st Max.

Il secondo capitolo della “famiglia” Volkswagen ID. è ufficialmente realtà: con il compact-SUV 100% elettrico VW ID.4, che – fedelmente al “capitolato” di programma – condivide con il resto della nuova generazione di modelli “zero emission” di Wolfsburg pianale modulare MEB (Modularer Elektrobaukasten) e tecnologie di propulsione e di alimentazione, il “new deal” Volkswagen all’insegna dell’evoluzione “silenziosa” raddoppia.

In perfetta corrispondenza con la “tabella di marcia” confermata a fine agosto 2020 (quando, cioè, aveva preso il via il programma di produzione a Zwickau), Volkswagen ID.4 è stata svelata in anteprima mondiale.

Il debutto sul mercato è imminente

L’esordio di Volkswagen ID.4 in Europa è previsto entro la fine del 2020, inizialmente nelle declinazioni-lancio ID.4 1st Edition e ID.4 1st Max, entrambe basate sull’allestimento Pro Performance. Più avanti verranno dettagliati i prezzi per il mercato italiano.

Corpo vettura aerodinamico

Vero e proprio “SUV globale” – la seconda proposta “zero emission” ID. verrà prodotta e venduta, oltre che in Europa, anche in altri mercati-chiave mondiali, come Cina (dove il pre-assemblaggio ad Anting è già iniziato) e USA (nella fattispecie a Chattanooga, che avvierà la produzione nel 2022) -, Volkswagen ID.4 mette in evidenza uno sviluppo di linee piuttosto slanciato, forse più somigliante ad un veicolo di tipo crossover anziché Sport Utility. Occorre tenere conto, a questo proposito, che un certo dinamismo nel disegno esteriore della vettura è, se ci si riferisce alle auto elettriche, funzionale al suo rendimento “in termini pratici”, dunque finalizzato all’ottimizzazione dell’energia. In effetti, il coefficiente di penetrazione (Cx) è decisamente buono: 0,28. A ciò contribuisce uno stile complessivamente “pulito” e senza preziosismi – fedele, cioè, allo styling ID. che è già stato espresso nella “capostipite” VW ID.3 – e, ovviamente, con pochi elementi che possano incidere negativamente sull’aerodinamicità del corpo vettura. Anteriormente, ad esempio, c’è soltanto una piccola presa d’aria, collocata nella zona inferiore del frontale. In alto, spiccano i gruppi ottici Full Led (a tecnologia IQ.Light per la variante alto di gamma, che dispone altresì della nuova fanaleria posteriore 3D Led) che sovrastano un paraurti di generose dimensioni.  Per le configurazioni 1st Edition e 1st Max, l’allestimento prevede un set di cerchi in lega da 20” e 21”.

Buona la capacità di trasporto bagagli, che si rivela adeguato alle esigenze di un tipo di clientela familiare e business: a sedili posteriori sollevati, il vano di carico – cui si accede attraverso un portellone ad azionamento elettrico – permette lo stivaggio di bagagli e oggetti per 543 litri.

Dimensioni esterne e capacità bagagliaio

Di seguito il dettaglio degli ingombri “in pianta” di Volkswagen ID.4.

  • Lunghezza: 4,58 m
  • Larghezza: 1,85 m (esclusi gli specchi retrovisori)
  • Altezza: 1,61 m
  • Altezza minima da terra: 210 mm
  • Passo: 2.770 mm
  • Capienza utile del vano bagagli: 543 litri nel normale assetto di marcia; fino a 1.575 litri a sedili posteriori completamente abbattuti.

Abitacolo: spazio e luminosità

All’interno, Volkswagen ID.4 rivela un ambiente “minimal” anch’esso simile, nel concetto d’insieme, alla “sorella” ID.3, nel quale (come evidenziato più diffusamente qui sotto) si tende a semplificare il layout a favore dell’abitabilità e della luminosità. Finiture in ArtVelours microfibra in combinazioni bicolore e, a seconda della versione, differenti tonalità per volante, sedili, plancia e pannelli porta nonché la presenza di un tetto panoramico, completano l’allestimento dell’abitacolo.

Tecnologie di bordo: si punta sulla digitalizzazione

Il concetto “operativo” di VW ID.4 si basa, indicano i tecnici di Wolfsburg, su due display – uno schermo per la strumentazione digitale, e un altro (da 10” o da 12”, collocato sulla sommità della consolle centrale) per la visualizzazione ed il controllo dei comandi veicolo, anche con riconoscimento della voce naturale mediante hotword “Hello ID” e delle funzionalità infotainment -, senza cioè pulsanti “fisici”. Il sistema di navigazione Discover Pro viene corredato della suite di servizi online We Connect Start, contenenti cioè informazioni che riguardano il controllo del livello della batteria, la gestione dei processi di ricarica (con rilevamento automatico delle colonnine più vicine ed indicazione dei prezzi, degli orari di apertura, dello stato di ricezione e del tipo di connettore), la climatizzazione e la pre-climatizzazione, l’aggiornamento automatico delle mappe e la situazione del traffico in tempo reale, e che possono essere controllati a distanza anche attraverso il proprio smartphone. A richiesta, l’equipaggiamento hi-tech rende disponibile un Head-up Display a realtà aumentata.

Sistemi di ausilio attivo alla guida di Livello 2

A bordo di Volkswagen ID.4, il modulo di dispositivi ADAS fa riferimento, fra gli altri, all’IQ. Drive (Cruise Control adattivo con funzione Stop&Go e limitatore di velocità, Autonomous Emergency Braking Front, Park Distance Control e navigazione predittiva con Eco Assistance) e, a seconda dell’allestimento, al sistema Travel Assist, che aveva debuttato nel 2019 fra le dotazioni di VW Passat e VW Golf 8. “Erede” del Traffic Jam Assist, dispone del regolatore automatico di velocità ACC con mantenimento della corsia di marcia (Lane Assist), ed è “operativo” fino a 210 km/h (tenuto conto del fatto che la velocità massima di VW ID.4 è 160 km/h, il Travel Assist è praticamente sempre attivabile), attraverso un pulsante collocato nel volante multifunzione.

I dettagli di propulsione

In edizione-lancio, il motore elettrico (collocato posteriormente e che agisce sul retrotreno) che equipaggia VW ID.4 eroga 204 CV di potenza massima e 310 Nm di coppia massima. L’alimentazione si avvale di un pacco batterie agli ioni di litio fino a 77 kWh di capacità utile e 493 kg di peso, collocate al di sotto della piattaforma MEB.

Valori prestazionali

  • Velocità massima: 160 km/h (autolimitati)
  • Tempo di accelerazione da 0 a 100 km/h: 8”5

Autonomia e ricarica

La percorrenza massima annunciata per le versioni di esordio di Volkswagen ID.4 sul mercato è di 520 km. Per la ricarica (effettuabile anche mediante Wallbox ID. Charge a 11 kW), Volkswagen indica – allacciando la vettura ad una colonnina “fast charge” a corrente continua da 125 kW, un tempo di 30 minuti sufficienti a coprire un tragitto di 320 km.

Volkswagen ID.4: immagini ufficiali Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Volkswagen Golf GTI 2020

Altri contenuti