Porsche Taycan: caratteristiche, autonomia e prezzi della nuova elettrica

La prima Porsche 100% zero emission presentata in anteprima. Due versioni con potenze fino a 680 e 761 CV. Sarà esposta a Francoforte. Ecco quanto costa.

Da circa 157.000 euro a 191.000 euro: sono i prezzi (IVA compresa) comunicati da Porsche per chi vuole entrare a far parte del “new deal” di Zuffenhausen all’insegna della mobilità a zero emissioni. In altre parole, per aderire alla ‘rivoluzione Porsche’ da tempo annunciata e ora concretizzatasi nella presentazione della prima Porsche ufficiale con alimentazione 100% elettrica.

Si tratta della Porsche Taycan Turbo S e Taycan Turbo, presentate in un evento di anteprima mondiale svoltosi in contemporanea in nord America, in Cina ed in Europa, a voler sottolineare le tre macroregioni chiave per il posizionamento della novità Porsche ad alimentazione 100% elettrica. Porsche Taycan – recentemente, va ricordato, protagonista di un test drive ufficiale sulle 24 ore che si era tenuto presso l’anello ad alta velocità di Nardò – sarà fra le novità di maggiore rilievo all’imminente Salone di Francoforte, quest’anno più che mai denso di nuove proposte dedicate alla mobilità elettrificata ed ai progetti di sviluppo hi-tech.

Lo sviluppo dei programmi di elettrificazione

Il marchio di Zuffenhausen, del resto, è attualmente al centro di un vasto programma di riposizionamento delle attività del “brand” (come peraltro altri big player che vedono nell’evoluzione tecnologica uno degli strumenti che contribuiscono allo sviluppo della propria immagine): in particolare, dopo avere recentemente annunciato l’abbandono al diesel per la propria lineup, concentra i propri obiettivi su tre grandi filoni: lo studio su motori a combustione via via ottimizzati, progettazione di sistemi di alimentazione ibridi plug-in, e propulsione elettrica high performance. Un impegno rivolto alla nuova mobilità che, all’atto pratico, come aveva sottolineato all’inizio dell’estate 2018 l’amministratore delegato di Porsche, Oliver Blume, in occasione di un primo annuncio sul nuovo corso per la “Cavallina” di Zuffenhausen che coincideva con i festeggiamenti dei settant’anni dalla fondazione dell’azienda, in un monte-investimenti da sei miliardi di euro entro il 2022, che viene (e sarà suddiviso) fra sviluppo di declinazioni derivate da Taycan, ovvero nuove varianti di potenza inferiore e la Cross Turismo attesa entro fine 2020 (circa 500 milioni di euro), elettrificazione della attuale lineup (1 miliardo di euro), sviluppo delle infrastrutture per la ricarica delle batterie e progetti “smart mobility” (circa 700 milioni di euro) e il plafond restante da dedicare all’ampliamento ed alla riorganizzazione degli impianti produttivi e di assemblaggio. Comprese le linee di Zuffenhausen, che per l’arrivo della nuova Taycan sono state profondamente aggiornate.

La vision dei vertici Porsche

“Taycan ricollega la nostra tradizione automobilistica con il futuro, portando avanti la storia ricca di successi del nostro marchio. Oggi una nuova era ha inizio”, annuncia Oliver Blume, dal 2015 CEO Porsche, ribadendo come la novità Taycan, pronta ad inserirsi in un comparto automotive in rapidissimo cambiamento (“Il settore dell’auto è destinato, nei prossimi cinque anni, ad evolversi più di quanto non abbia fatto nei precedenti cinquant’anni”), rappresenterà uno dei modelli chiamati ad arricchire la strategia “Futuro” per il marchio di Zuffenhausen (ne faranno parte, oltre alle vetture 100% elettriche come Taycan, anche quelle ad alimentazione ibrida ricaricabile: già nel 2020, il 50% della gamma Porsche conterà su una variante elettrificata), che si affianca a tre dimensioni di immagine corporate: “Base” (ovvero l’individuazione delle versioni maggiormente indicate in funzione dei vari segmenti di mercato), “Immagine”, cioè la gamma di modelli sportivi che portano in dote la vastissima expertise Porsche nelle competizioni (i modelli GT ed RS, ad esempio), e “Lifestyle”, ovvero i modelli contrassegnati da una sapiente commistione fra stilemi up-to-date ed elementi che provengono dalla tradizione storica del marchio (ciò, in tempi recenti, è stato messo in pratica, sempre a titolo di esempio, da 911 Speedster). Una diversificazione – o meglio: un riposizionamento della gamma – per comparti in funzione dell’immagine di un determinato modello o di una lineup di versioni e di allestimenti, che in un’ottica futura sarà contestuale allo sviluppo dei mercati: se è vero che i veicoli elettrici o elettrificati, sono alla lunga destinati a giocare un ruolo di primo piano nell’asset della mobilità su gomma, è altrettanto innegabile che i motori a combustione continueranno ad essere presenti sulle nostre strade, soprattutto a seconda dei singoli Paesi.

Il corpo vettura

“Avevamo promesso una vera Porsche per l’era della mobilità elettrica una sportiva affascinante, in grado non solo di emozionare per i suoi contenuti tecnologici e il comportamento dinamico, ma anche di accendere la passione nelle persone di tutto il mondo, così come è stato per i leggendari modelli che l’hanno preceduta. Ora stiamo mantenendo la promessa fatta”: si esprime in questo modo Michael Steiner, membro del CdA Porsche-Ricerca e Sviluppo, indicando in Taycan un modello “manifestamente Porsche” nonostante l’alimentazione zero emission e “silenziosa”. Vale a dire: potente, personale, dinamica e provvista di contenuti tecnologici di ultima generazione.

In questo senso, Porsche Taycan risulta, nell’analisi delle linee esterne, rispondente in pieno alla tradizione del marchio di Zuffenhausen, che da sempre rivolge la propria attenzione stilistica verso un disegno “pulito” e concettualmente esatto in funzione delle prestazioni (elevate) dei suoi modelli, nonché a manifestare grande accuratezza di esecuzione e solidità di tutti i componenti veicolo. Un “preziosismo” inedito risulta dato dalle fiancate molto scolpite e dalla presenza del monogramma del marchio ad “effetto vetro” integrato nella barra luminosa posteriore, mentre rivolta alla tradizione stilistica Porsche è la silhouette del corpo vettura, dominata dall’andamento spiovente del tetto verso la “coda”, un tratto qui enfatizzato dalla riduzione del montante posteriore e dal “volume” conferito ai parafanghi relativi, quasi a volere ricordare all’osservatore che, sebbene “sotto” ci sia una propulsione “zero emission”, la nuova Taycan è innegabilmente Porsche. Funzionale alle performance, non soltanto velocistiche ma anche – e, in un certo senso, soprattutto trattandosi di un veicolo elettrico – in termini di efficienza dinamica della vettura (autonomia di percorrenza) è l’impostazione particolarmente larga e piatta della sezione frontale, elemento determinante nel raggiungimento di un coefficiente di penetrazione particolarmente favorevole (il Cx è di appena 0,22: uno dei valori migliori nell’intera produzione automobilistica attuale).

Abitacolo minimal e materiali “eco”

All’interno, l’impostazione di Porsche Taycan può essere definita come vicina al tradizionale disegno degli elementi abitacolo della produzione di Zuffenhausen, e nello stesso tempo rivolta ad una ridefinizione delle linee. Il quadro strumenti, ad esempio, è sì “a ellisse” e ricurvo, come gli enthusiast si attendono da Porsche; tuttavia fa ricorso ad un display HD completamente digitale, da 16.8”. Uno schermo centrale da 10.9”, dedicato al controllo delle funzionalità infotainment, e (a richiesta) un visore opzionale per il passeggero sono disposti sulla plancia, in modo da costituire una fascia unica in cristallo, dall’andamento orizzontale, che visivamente si presenta come un ampio pannello nero. L’attenzione agli atout “emission free” di Porsche Taycan si riflette anche nel ricorso – e, in questo caso, è la prima volta per il marchio di Zuffenhausen – a rivestimenti abitacolo in materiali completamente leather-free, realizzati con innovativi materiali riciclati che rafforzano il concetto di sostenibilità al quale la novità elettrica sportiva di Porsche si ispira.

Evoluzione hi-tech nelle funzioni utente

L’intero spettro di interfacce utente sono state oggetto di un completo re-engineering specificamente per accompagnare la novità Taycan anche dal punto di vista delle funzionalità di bordo e dei servizi per conducente e passeggeri: ne è chiara indicazione, ad esempio, la drastica riduzione di strumenti di comando “fisici” (levette, pulsanti) a vantaggio di una modalità di controllo intelligente e intuitiva basata sull’azionamento a sfioramento o su comandi vocali che si attivano pronunciando la frase “Hey, Porsche”.

Buona, in relazione alla fascia di mercato di appartenenza, la capacità di trasporto bagagli, che avviene in due vani, uno anteriore (81 litri di carico utile) e uno posteriore (366 litri).

Powertrain: tutti i dettagli dell’unità elettrica

Porsche Taycan, informano i vertici Porsche, porta in dote una ulteriore primizia in materia di sviluppo hi-tech della e-mobility: è la prima auto elettrica destinata alla produzione ad essere equipaggiata con un sistema di alimentazione ad 800V, tensione pressoché raddoppiata in rapporto ai 400V solitamente utilizzati dalle vetture elettriche. Il vantaggio, in termini pratici, consiste nella possibilità di ottenere, in cinque minuti e attraverso un “hub” di ricarica a corrente continua e ad elevata potenza, energia sufficiente ad una percorrenza di un centinaio di km (ciclo WLTP). Per raggiungere un livello di energia dal 5% all’80% agli accumulatori (sistema Performance Battery Plus da 93,4 kWh di capacità), il tempo indicato da Porche, nelle condizioni ideali, è di 22 minuti e mezzo, con un picco di potenza di carica di 270 kW. Sarà ovviamente possibile ricaricare le batterie di Porsche Taycan attraverso una Wallbox domestica fino a 11 kW a corrente alternata.

Alla propulsione provvedono due unità elettriche sincrone a magneti permanenti, ciascuna delle quali collegata ad un assale, in modo da rendere Porsche Taycan un modello sportivo “zero emission” a trazione integrale. Tecnicamente, comunica Porsche, le bobine dello statore dispongono di una maggiore quantità di rame in rapporto a motori elettrici di pari volume, con l’obiettivo di aumentare la potenza in uscita e la coppia motrice. Nel dettaglio, Porsche Taycan Turbo eroga una potenza di picco fino a 680 CV, mentre Porsche Taycan Turbo S, “ammiraglia” della nuova gamma, sviluppa fino a 761 CV. Su strada, il tempo di accelerazione da 0 a 100 km/h indicato per Porsche Taycan Turbo è di 3”2, che “scendono” a 2”8 per Porsche Taycan Turbo S. La velocità massima è, per entrambe le versioni, di 260 km/h. L’autonomia dichiarata è di, rispettivamente, 412 km e 450 km (sempre a ciclo WLTP).

Telaio e dinamica veicolo

Per il controllo della vettura in marcia, Porsche Taycan sfrutta un modulo di controllo centralizzato: il sistema Porsche 4D-Chassis Control dedicato alla regolazione delle caratteristiche del telaio attraverso un sistema di analisi e sincronizzazione in tempo reale dei dispositivi dinamici, che comprendono camera con sistema Porsche Active Suspension Management (PASM) di regolazione elettronica degli ammortizzatori e il sistema elettromeccanico di regolazione del telaio e stabilizzazione del rollio Porsche Dynamic Chassis Control Sport (PDCC Sport) con Porsche Torque Vectoring Plus (PTV Plus). Riguardo alle modalità di guida, Porsche Taycan segue sostanzialmente la filosofia (ben conosciuta dagli appassionati) già utilizzata dalle altre “famiglie” di modelli Porsche. Vi si aggiungono, “ovviamente”, alcuni programmi messi a punto specificamente per un utilizzo ottimale della propulsione elettrica: “Range”, “Normal”, “Sport” e “Sport Plus”, a loro volta configurabili in base alle esigenze del singolo conducente attraverso l’impostazione della modalità “Individual”.

Porsche Taycan: prezzi e consegne

La novità “zero emission” di Zuffenhausen è già disponibile alle ordinazioni. I prezzi di vendita – riferiti al mercato italiano ed IVA compresa – partono da, rispettivamente, 156.817 euro (Porsche Taycan Turbo) e da 190.977 euro (Porsche Taycan Turbo S). Le consegne prenderanno il via nel prossimo anno: più avanti, verranno comunicate nel dettaglio tutte le specifiche di allestimento.

Porsche Taycan: le immagini ufficiali Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Porsche Panamera Turbo S Sport Turismo

Altri contenuti