Incentivi auto 2020: in arrivo ulteriori 500 milioni di fondi?

Il “Decreto Agosto” potrebbe portare nuove misure di aiuto per l’acquisto di nuove autovetture: una consistente boccata d’ossigeno per il settore.

La somma messa a disposizione in prima battuta dal Decreto Rilancio per aiutare il comparto auto a risollevarsi dopo il crollo delle vendite subito a marzo, aprile e maggio 2020 potrebbe ricevere un ulteriore stanziamento, e decisamente più cospicuo. È quanto sarebbe sui tavoli del Ministero dello Sviluppo Economico, contestualmente allo studio dei provvedimenti eccezionali da mettere in atto proprio per aiutare aziende e famiglie a superare la crisi economica conseguente alla pandemia da Covid-19, al lockdown ed alla drastica diminuzione dei consumi.

50 milioni erano pochini…

In effetti, i 50 milioni di euro che erano stati di recente disposti come incentivo per l’acquisto di nuove autovetture elettriche, ibride e (“big news”) anche ad alimentazione convenzionale (vale a dire benzina e diesel Euro 6) purché aventi emissioni di CO2 che non superino i 110 g/km, potrebbero essere sufficienti a soddisfare un momentaneo fabbisogno: di fatto, una manciata di giorni. Le prime rilevazioni MISE dopo il fine settimana che ha contraddistinto l’esordio dei nuovi bonus indicano che quasi 10 dei 50 milioni previsti fino al prossimo 31 dicembre sarebbero già stati utilizzati. “Facendo uno più uno”, non è difficile stimare che a brevissimo termine i fondi residui andranno ad esaurirsi. Questione di giorni, appunto.

Aiutare il comparto automotive

Anche perché, oltre ad una “fisiologica” prima risalita delle vendite (molti clienti hanno giustamente atteso il “via” alla libera circolazione, disposto all’inizio di giugno, per provvedere all’acquisto di una nuova auto: ed i consuntivi di giugno e luglio dimostrano che la ripartenza, seppure debole debole, sembra esserci), l’ottenimento del bonus previsto dal Governo “giallo-rosso” è semplice: l’acquirente di una nuova autovettura non ha che da “passare la palla” al venditore (cioè la concessionaria), che riceve l’incarico di mandare avanti la pratica, registrandosi presso il sito Web ministeriale per effettuare la prenotazione del contributo da erogare al veicolo acquistato e, nei sei mesi successivi (ci sono 180 giorni di tempo) procedere a conferma della prenotazione, indicando la targa dell’autovettura e inserendo i documenti relativi.

>> Mercato auto 2020: a luglio calo dell’11,01%

In arrivo mezzo miliardo?

Ecco, dunque, la seconda “tranche” di incentivi per l’acquisto di nuove autovetture, che potrebbe essere contenuta nel “Decreto Agosto” del quale si attende approvazione nei prossimi giorni. Si parla di una somma nell’ordine di 500 milioni di euro. Non il miliardo di euro che inizialmente era stato ipotizzato, tuttavia ben più ingente rispetto alla “piccola” somma disposta nel Decreto Rilancio. Mezzo miliardo di euro dovrebbe bastare almeno fino al termine del 2020, o forse anche qualcosa di più. Staremo a vedere.

>> Offerte auto: le promozioni di agosto 2020

Ecobonus: un rapido ripasso

Riprendiamo brevemente le entità di erogazione dei nuovi incentivi funzionalmente al tipo di alimentazione dell’autovettura che viene acquistata (tenendo comunque presente che i “bonus” ministeriali per l’acquisto di auto con emissioni fino a 60 g/km, istituiti nel 2019, sono sempre validi, e resteranno in vigore fino al 31 dicembre 2021).

  • Auto fino a 20 g/km di emissioni di CO2: 10.000 euro di incentivo fra bonus statale e sconto concessionaria (con rottamazione di un autoveicolo di almeno 10 anni), oppure 6.000 euro (senza rottamazione); prezzo di listino massimo (escluse IVA e messa su strada): 50.000 euro
  • Auto da 21 a 60 g/km di emissioni di CO2: 6.500 euro (con rottamazione), oppure 3.500 euro complessivi (senza rottamazione); prezzo di listino massimo: 50.000 euro
  • Auto da 61 a 110 g/km di emissioni di CO2: 3.500 euro (con rottamazione), oppure 1.750 euro (senza rottamazione); prezzo di listino massimo: 40.000 euro.

I Video di Motori.it

Intervista a Massimo Nalli, Presidente di Suzuki Italia

Altri contenuti