Bmw: le novità per il Salone di Ginevra

Confermate le varianti ad alimentazione ibrida plug-in per Bmw Serie 3, Serie 7 (esposta nell’intera gamma aggiornata) ed X5. Sotto i riflettori anche il “pacchetto” Bmw Energy Services.

Bmw: le novità per il Salone di Ginevra

di Francesco Giorgi

22 Febbraio 2019

Sempre più rivolto alle nuove soluzioni di elettrificazione: è l’indirizzo seguito dal comparto automotive globale, che richiede ai big player lo sviluppo di sistemi di propulsione elettrici, ibridi e ibridi plug-in, ma anche progetti di mobilità in senso più ampio dedicati ai nuovi clienti di veicoli “eco friendly”, in risposta alle sempre più pressanti esigenze di diffusione dell’auto elettrica. All’imminente Salone di Ginevra 2019 (qui la nostra guida all’evento, che aprirà al pubblico giovedì 7 marzo per concludersi domenica 17), gran parte delle novità saranno effettivamente orientate sull’elettrificazione (qui la nostra guida ai nuovi modelli ibridi, ibridi plug-in ed elettrici che verranno presentati a Ginevra).

In questo senso, Bmw non costituisce eccezione: lo conferma, in queste ore, l’annuncio delle “new entry” che il Gruppo bavarese esporrà alla prima grande rassegna europea di mercato. Si tratta, nell’ordine, delle nuove declinazioni ibride per l’edizione-restyling di Bmw Serie 7, le novità ibride ricaricabili di Bmw Serie 3 e Bmw X5, ed il programma “Bmw Energy Services” finalizzato all’erogazione di pacchetti ad hoc per i clienti dei modelli elettrificati di gamma.

Bmw Serie 7: vernissage della nuova edizione

Sotto i riflettori c’è la versione aggiornata in chiave “Model Year 2019” del modello di fascia alta (qui il nostro approfondimento di presentazione): nonostante un’età di progetto ancora giovane (l’attuale generazione è in listino dal 2015), Bmw Serie 7 segue il processo di upgrade messo in atto in tempi più recenti e, alcuni mesi fa, avviato dal “luxury-SUV” Bmw X7. Fra le novità al corpo vettura (che mantiene le due varianti di passo: “standard”, da 5,12 m di lunghezza; e “lungo”, da 5,26 m): il facelift per la zona frontale, più rialzato in corrispondenza della mascherina ed adeguato alle nuove (ben più grandi) dimensioni del “doppio rene” Bmw, molto simile a quello che contraddistingue proprio il nuovo X7; l’aggiunta di alcuni accenti cromati, un nuovo disegno per i gruppi ottici anteriori a tecnologia Adaptive Light (Laserlight a richiesta) e per i cerchi da 21”; la presenza di specifiche feritoie di ottimizzazione dei flussi collocate in corrispondenza delle modanature sottoporta; ed una rinnovata attenzione al comfort per gli occupanti (finestrature più spesse, maggiore ricorso a materiali fonoassorbenti). Per l’abitacolo, si notano nuovi, ed ulteriormente affinati nella scelta e nella cura di esecuzione, materiali di pregio: rivestimenti in pelle dedicata, finiture in “American Oak Dark” accompagnate da accenti metallici e pioppo grigio lucido; e la disponibilità di un kit di allestimento “Design Pure Excellence”. Per la declinazione “lunga”, la dotazione prevede il ricorso a soluzioni dedicate al massimo benessere a bordo, in special modo per gli occupanti le file posteriori di sedili. L’equipaggiamento multimediale consta del modulo Bmw Live Cockpit Professional, nel quale il controllo delle funzionalità della strumentazione digitale (a schermo da 10.25”) e delle funzionalità infotainment (display da 12.3”) avvengono mediante la gestione del sistema operativo Bmw Operating System 7.0 e l’interfaccia con i display touch, l’iDrive collocato sul tunnel centrale, i comandi multifunzione al volante ed i comandi vocali (compreso l’assistente vocale attivabile con la frase “Hey Bmw”). Sotto il cofano, Bmw Serie 7 2019 porta in dote motorizzazioni benzina, diesel (tutte già rispondenti agli standard anti-inquinamento Euro 6d-TEMP) e la novità ibrida plug-in (della quale anticipiamo i contenuti in un capitolo a se), insieme ad un programma di aggiornamento all’elettronica di controllo del collaudato cambio Steptronic ad otto rapporti. Nel dettaglio, le versioni di Bmw Serie 7 a benzina prevedono i modelli 750i xDrive (aggiornato 4.4 V8 da 530 CV) e la declinazione alto di gamma M760Li xDrive (6.6 V12 da 585 CV). Le varianti turbodiesel – tutte 3.0 a sei cilindri in linea – sono: 730d da 265 CV, 740d xDrive da 320 CV e 750d xDrive da 400 CV.

Bmw Serie 7: la nuova versione ibrida plug-in

La “big news” per il segmento superiore di Bmw viene rappresentata dall’anteprima, a Ginevra 2019, di Bmw Serie 7 ad alimentazione ibrida plug-in. La sigla di identificazione del modello è “745e”: al momento del “lancio” commerciale in Italia, verrà proposta a partire da 106.400 euro anche in questo caso nelle due declinazioni a passo standard e passo lungo (quest’ultima ribattezzata 745Le), nonché a trazione posteriore oppure integrale xDrive. Di rilievo, ai fini dello sviluppo tecnologico dei modelli di Monaco di Baviera in ottica di elettrificazione, il ricorso ad un’unità di maggiore cubatura rispetto alla serie precedente (ciò per meglio rispondere alla necessità di avere a disposizione più efficienza di rendimento del gruppo propulsore): in luogo del “piccolo” 2.0 a quattro cilindri turbocompresso, c’è il collaudato 3.0 a sei cilindri in linea a sovralimentazione Bmw TwinPower Turbo, dalla potenza portata a 284 CV, qui abbinato al medesimo motore elettrico da 113 CV e 265 Nm di coppia massima che già equipaggiava la precedente Bmw 740e. in tal modo, ne giova la potenza complessiva, che aumenta di 68 CV (ora è 394 CV, per 600 Nm di forza motrice). In più, grazie all’adozione di una batteria agli ioni di litio notevolmente cresciuta in termini di capienza (12 kWh in luogo dei precedenti 7,4 kWh), Bmw 745e risulta in grado di percorrere fino a 58 km in modalità 100% elettrica (prima la percorrenza di 740e “a zero emissioni” era di 37 km).

Bmw Serie 3 e Bmw X5: ibrido ricaricabile anche per loro

Gli aggiornamenti all’elettrificazione raggiungono anche la lineup di fascia media (da sempre ai vertici nei volumi di vendita per Bmw) e la gamma SUV di segmento medio-alto. La prima delle due novità, in questo senso, risponde a Bmw 330e: non una “new entry” in senso assoluto, essendo stata esposta – in anteprima assoluta – al Salone di Los Angeles di fine novembre-inizio dicembre 2018. Tuttavia, è la conferma delle strategie di riposizionamento della gamma per il Gruppo bavarese all’insegna dei nuovi sistemi di propulsione, che nel caso di Bmw 330e si concretizzerà con il suo debutto sul mercato previsto per la prossima estate. Ferma restando l’adozione dei sistemi ADAS di nuova generazione e la gamma di allestimenti proposti per l’attuale settima generazione di Bmw Serie 3 (a sua volta svelata al grande pubblico in occasione del Salone di Parigi dello scorso ottobre), Bmw 330e impiega un modulo formato dal 2.0 turbo a quattro cilindri ed un’unità elettrica, che insieme portano ad una potenza complessiva di 252 CV (293 CV per brevi tratti con l’XtraBoost) e, in modalità 100% elettrica, fino a 60 km di autonomia, vale a dire circa il 50% in più della versione precedente.

Dal canto suo, Bmw X5 xDrive 45e (denominazione della nuova variante ibrida plug-in per Bmw X5), che debutterà in estate, viene equipaggiata con il nuovo sistema di propulsione di Bmw 745e. Da segnalare l’autonomia in modalità totalmente elettrica: fino a 80 km.

Bmw Energy Services

In parallelo all’ampliamento delle proposte “green”, Bmw Group assume un nuovo ruolo di azienda fornitrice di servizi e sistemi per la mobilità elettrica, attraverso lo sviluppo di piani di erogazione di energia gratuita per i possessori di Bmw e MINI elettrificate. Ciò si attua, nel progetto “Bmw Energy Services”, mediante lo studio di soluzioni di “pacchetti” di ricarica privi di costi, finalizzati all’impiego domestico ed in viaggio, che permetterà non soltanto ai clienti automotive, ma anche alle aziende di gestione flotte ed ai proprietari di immobili di “Beneficiare delle nuove opportunità derivanti dalla fusione della rivoluzione energetica con la mobilità elettrica”.

Bmw M850i ​​Night Sky by Bmw Individual

Annunciata nelle scorse settimane (qui la nostra anticipazione in merito), Bmw Individual M850i ​​Night Sky è un esemplare unico in tutto e per tutto. Sulla base della nuova coupé high performance di altissima gamma, la Divisione Bmw Individual, specializzata nello sviluppo di piccole serie e di kit di personalizzazione sulla base delle specifiche del singolo cliente, ha realizzato – in collaborazione con i ricercatori in forza al Centro di Ricerca Max Planck di Garching (località bavarese dove, incidentalmente, ha sede proprio Bmw Individual) – una “one-off” che si ispira agli ambienti siderali. Il corpo vettura, verniciato in nero pastello mescolato ad una nuance San Marino Blue a finitura metallizzata, si abbina a disegni geometrici 3D che si ispirano alle forme dei meteoriti; all’interno, caratterizzato dall’adozione di rivestimenti in pelle Merino verniciata in Opal White, Midnight Blue e Silver con cuciture a contrasto, spiccano i Led sul bracciolo centrale e, soprattutto, i frammenti di roccia meteoritica che impreziosiscono la plancia. Altrettanto interessante è il ricorso alla stampa 3D per la realizzazione delle pinze freno in alluminio.

Tutto su: BMW, Salone di Ginevra