Porsche Macan S 2019: pronta al debutto

Nuovo motore 3.0 V6 benzina turbo da 354 CV per la variante più sportiva del “medium SUV” di Zuffenhausen recentemente aggiornato. Già disponibile alle ordinazioni con prezzi da 67.497 euro.

Porsche Macan S 2019: pronta al debutto

di Francesco Giorgi

11 Dicembre 2018

A due mesi esatti dalla passerella del Salone di Parigi, Porsche Macan 2019 – edizione restyling del “medium SUV” di Zuffenhausen aggiornato nelle dotazioni di bordo e nell’estetica maggiormente vicina all’attuale “family feeling” Porsche – si prepara a debuttare sul mercato in una nuova declinazione Macan S, già pronta alle ordinazioni con prezzi che partono da 67.497 euro.

Le prime informazioni, rese note in queste ore dai vertici del marchio al centro di un sostanzioso “new deal” tecnologico (qui un approfondimento sui progetti di graduale abbandono dell’alimentazione a gasolio in favore di sistemi di propulsione elettrificata) e al Salone di Los Angeles protagonista della scena con l’anteprima dell’ottava generazione di Porsche 911 – riguardano l’adozione di una nuova unità motrice a benzina V6 da 3 litri, sovralimentata con turbocompressore a tecnologia “Central Turbo Layout”, ed un importante upgrade di assetto, conformemente alle dotazioni che hanno debuttato su Porsche Macan 2019.

Nel dettaglio, la motorizzazione di Porsche Macan S 2019 prevede la collocazione del turbocompressore all’interno delle bancate, tecnologia ereditata dalle competizioni che consente un percorso più breve per i gas di scarico fra le camere di scoppio e la turbina (sistema Twin Scroll a convogliamento costante dei gas di scarico verso la girante a flussi separati e ridurre eventuali scompensi dovuti alle variazioni di carico), in modo da ottimizzarne la risposta. Nuova progettazione anche per le camere di scoppio con iniettori collocati in posizione centrale.

Dati alla mano, la potenza erogata dal nuovo 3.0 V6 turbo benzina è nell’ordine di 354 CV (rilevante, in questo senso, l’aumento dei CV/litro: da 113 a 118), per una forza motrice pari a 480 Nm di coppia massima: a titolo di paragone, l’incremento rispetto al modello che si prepara ad essere sostituito risulta di, rispettivamente, 14 CV e 20 Nm.

Su strada, Porsche dichiara per la nuova Macan S 2019 una velocità massima di 254 km/h e, se equipaggiata con l’immancabile “pacchetto” Sport Chrono disponibile a richiesta (dotazione che, fra gli altri, offre il classico contagiri centrale, il volante sportivo GT “ereditato” da Porsche 911 e provvisto di selezione delle modalità di guida che includono il comando “Sport response”), richiede 5”1 per lo scatto da 0 a 100 km/h, ovvero un decimo di secondo più rapida in rapporto alla precedente versione. Il consumo dichiarato (ciclo NEDC corrispondente) è di 8,9 litri di benzina per 100 km: un valore piuttosto buono.

Riguardo alle soluzioni di telaio, Porsche Macan S 2019 segue i dettami tecnici introdotti con l’aggiornamento alla lineup di modello: anteriormente, nuove forcelle a molla in alluminio a sostituire gli elementi in acciaio (nuova struttura in lega leggera aumentata in rigidità e con minori masse non sospese);  e un aggiornamento all’ancoraggio delle barre stabilizzatrici per rendere più neutro l’assetto. La trazione integrale attiva dispone del sistema di controllo PTM-Porsche Traction Management. Rimangono disponibili fra gli accessori a richiesta il sistema PASM-Porsche Active Stability management che provvede alla regolazione elettronica degli ammortizzatori (a loto volta dotati di nuova soluzione idraulica), dell’altezza delle sospenzioni pneumatiche per mezzo di stantuffi rotanti, ed il modulo Porsche Torque Vectoring Plus (PTV Plus) a differenziale posteriore a controllo elettronico per la ripartizione variabile della coppia in funzione della posizione dell’acceleratore, della velocità, del momento di imbardata e della velocità in curva.

L’upgrade tecnico introdotto da Porsche per la nuova Macan S 2019 offre, inoltre, un sostanziale aggiornamento al sistema di frenatura, anche in questo caso introdotto nella nuova gamma svelata nelle scorse settimane al Salone di Parigi. Nello specifico, ad un notevole alleggerimento del pedale (circa 300 g in meno nella parte in acciaio e braccio di leva più corto rispetto al modello precedente, per determinare una risposta più immediata ed una più intuitiva percezione del punto di pressione), Macan S aggiunge un maggiore diametro per i dischi anteriori (360 mm, cioè 10 mm in più, mentre lo spessore, 36 mm, offre 2 mm in più) ed un set di pastiglie prive di rame. Fra gli accessori in opzione, il set di dischi freno carboceramici PCCB-Porsche Ceramic Composite Brake.

Sostanzialmente invariata, rispetto alla nuova Macan, l’impostazione di stile: il restyling mette in evidenza, soprattutto, un nuovo disegno per la parte anteriore del corpo vettura ed un aggiornamento di stile in “coda”, amplificata da una nuova fascia 3D a Led (diodi luminosi anche per i gruppi ottici anteriori, i quali possono essere arricchiti con funzione PDLS Plus-Porsche Dynamic Light System Plus a regolazione adattiva del fascio luminoso). L’equipaggiamento comprende inoltre il modulo PCM-Porsche Communication Management a display touch Full HD da 10.9” di serie connesso in rete e dotato di navigazione online con collegamento alla rete di telefonia mobile, due interfacce audio, comandi vocali intelligenti e infotraffico in tempo reale mediante il servizio “Here Cloud”; la dotazione standard prevede anche sistema Porsche Connect Plus con modulo LTE e lettore di carta SIM, un hotspot Wi-Fi e una serie di nuovi servizi Porsche Connect.

Tutto su: Porsche Macan