Toyota Rav4 Hybrid Plug-in: caratteristiche, dotazioni, batterie, autonomia

L’attesa configurazione ibrida ricaricabile del SUV da 10 milioni di esemplari venduti sfiora 100 km in elettrico, emette poco più di 22 g/km di CO2 e presenta nuove modalità di ricarica.

Da qualche mese entrato nell’ambito club dei modelli “ad otto cifre” in virtù dei dieci milioni di esemplari venduti dall’inizio della sua produzione, che avvenne nel 1994 (traguardo comunicato all’inizio della primavera 2020, in ordine all’analisi dei consuntivi di mercato riferiti al primo bimestre di quest’anno), il medium-SUV Toyota Rav4 prepara il terreno per l’esordio commerciale della attesa declinazione ibrida plug-in: un “punto fermo” nello sviluppo delle strategie di elettrificazione per il colosso giapponese, pioniere nell’alimentazione ibrida che affonda le proprie radici nella ormai “storica” prima generazione di Toyota Prius lanciata nel 1997.

Annunciata in anteprima all’inizio di gennaio 2020, Toyota Rav4 Hybrid Plug-in si presenta, sotto i riflettori dell’opinione pubblica, pronta per il debutto.

Corpo vettura: le novità di telaio

L’allestimento prende la piattaforma modulare TNGA-K quale “base di partenza”: si tratta della declinazione “a ruote alte” del pianale TNGA (Toyota New Global Architecture) creato con l’obiettivo di ottimizzare la nuova generazione di modelli Toyota secondo precisi programmi di attenzione ai costi di produzione. Nella fattispecie, rispetto alla configurazione Hybrid, il posizionamento delle batterie di alimentazione sotto il pianale comporta un ulteriore abbassamento del baricentro ed una più elevata rigidità complessiva per il telaio (fattore, quest’ultimo, che – spiegano i tecnici Toyota – rende superfluo il ricorso ad eventuali nuove soluzioni di assetto con doppi bracci oscillanti al retrotreno, che viene dunque interamente ripreso dalla “sorella” Rav4 Hybrid.

È quasi identica al resto della gamma

Gli elementi che permettono un riconoscimento visivo di Toyota Rav4 Hybrid Plug-in riguardano essenzialmente alcuni dettagli estetici: una finitura in metallo per la modanatura posizionata inferiormente nella zona anteriore del veicolo, accenti in finitura cromata scura in corrispondenza dei gruppi ottici e della calandra, la piastra di protezione sottoscocca verniciata in nero. La presa per la ricarica è nascosta dietro uno sportellino presente sul parafango anteriore sinistro. I cerchi da 18” di serie possono essere, a scelta, sostituiti da un set di ruota da 19” (forniti standard nella configurazione Style). Contestualmente all’introduzione della novità ibrida ricaricabile, la gamma Rav4 2021 si arricchisce di una nuova tinta carrozzeria “Emotional Red”.

Abitacolo: consueto ambiente sportivo ed elegante

All’interno, che come sempre spicca per spazio e abitabilità (“voci” da sempre ricercate dalla fascia di clientela che rivolge la propria attenzione ai veicoli di segmento SUV), Toyota Rav4 Hybrid Plug-in mette in evidenza, a seconda dell’allestimento, sedili di forma semi-anatomica rivestiti in tessuto grigio scuro con cuciture rosse a contrasto, oppure (Style) rivestiti in tessuto e pelle sintetica bicolore rosso e grigio scuro (con possibilità di ottenere un rivestimento in pelle a cucitura orizzontale in rosso); sistema di riscaldamento per tutti i sedili e, in più, dispositivo di ventilazione per quelli anteriori; regolazione elettrica per il sedile passeggero anteriore nella versione Style+.

Volume bagagliaio

La capacità del vano bagagli (a piano di carico “piatto” e dotato di uno spazio aggiuntivo per il cavo di ricarica) diminuisce leggermente, pur mantenendosi su valori piuttosto buoni in relazione alla fascia “medium” di appartenenza del veicolo ed alle esigenze dei clienti: nel normale assetto di marcia, la capienza utile di trasporto oggetti e bagagli è 520 litri. Valore che può aumentare notevolmente (fino ad oltre 1.600 litri) grazie allo schienale posteriore frazionato nello schema 60 : 40. Altrettanto elevata è la capacità di traino: 1.500 kg.

Digitalizzazione: è sempre connessa

Il display del quadro strumenti di Toyota Rav4 Hybrid Plug-in sostituisce l’indicatore della temperatura dell’acqua con un indicatore del livello batteria; a sua volta, il display multi-informazioni aggiunge una serie di indicazioni specifiche per l’alimentazione plug-in. Riguardo al modulo infotainment ed al controllo delle funzionalità veicolo, i tecnici Toyota puntano sull’ulteriore step di connettività fornito alla nuova declinazione ricaricabile del fortunato SUV giapponese: in particolare, Toyota Rav4 Plug-in è il primo modello Toyota a fornire al conducente il controllo remoto delle funzioni del veicolo, compresi il sistema di climatizzazione, il sistema di ricarica con Wallbox usufruibile da clienti di altri modelli (grazie all’identificazione utente mediante riconoscimento personale con la scheda RFiD), aggiornamenti software, gestione batteria, ricariche e comfort di bordo, tramite la App MyT.

Propulsione: è il modello ibrido più potente

Sotto il cofano, Toyota Rav4 Hybrid Plug-in viene equipaggiata con l’unità motrice 2.5 (2.487 cc) a ciclo Atkinson a tecnologia Hybrid Dynamic Force a 4 cilindri in linea per una potenza massima di 185 CV a 6.000 giri/min (vale a dire 7 CV in più rispetto ai 178 CV erogati dal medesimo motore montato a bordo della variante Hybrid), ed abbinato a un sistema elettrificato più potente rispetto a quello adottato dalla versione ibrida. Una nuova batteria agli ioni di litio, dalla capacità aumentata a 18,1 kWh e da 355,2V di tensione nominale, ed un convertitore “boost”, provvedono all’alimentazione di due motori elettrici: quello collocato posteriormente, da 40 kW; ed una nuova unità “zero emission” anteriore da 134 kW. Ne deriva una potenza di sistema di 306 CV, valore che pone Rav4 Hybrid Plug-in ai vertici fra le proposte elettrificate Toyota. La trazione integrale fa riferimento al sistema AWD-i.

Guida e autonomia

Il funzionamento “di default” di Toyota Rav4 Hybrid Plug-in avviene in modalità 100% elettrica: in questo modo, a disposizione del conducente c’è una percorrenza nell’ordine di 75 km fino ad una velocità massima di 130 km/h, ed un massimo di 98 km in ambito urbano. I programmi di marcia selezionabili dal guidatore sono quattro:

  • Modalità EV
  • Modalità HV (ibrido)
  • Modalità HV-EV (commutazione automatica del passaggio fra ibrido ed elettrico a seconda della potenza richiesta in base alle istantanee esigenze di marcia)
  • Modalità Charging.

A sua volta, il modulo di propulsione offre al conducente la possibilità di optare fra tre programmi di guida: Normal, Eco e Sport; ciascuno dei quali può essere effettuato in una qualsiasi delle quattro modalità ibride.

Modalità di ricarica

Toyota Rav4 Hybrid Plug-in viene provvista, di serie, di un caricabatterie rapido in grado di supportare fino a 6,6 kW. senza compromettere la durata della batteria, abbinato ad un cavo Type 2 Mode 2 da 7,5 m per il collegamento all’alimentazione domestica da 10 Ah, che consente un ciclo completo per la ricarica in circa 7 ore e mezza.

Per un “pieno” di energia ancora più veloce, è disponibile un cavo Type 2 Mode 2 da 32Ah con Wallbox (il modello “connesso” mediante scheda RFiD cui si accennava in precedenza): con questa configurazione, la ricarica può – anticipa Toyota – essere eseguita per intero in circa 2 ore e mezza.

Valori prestazionali

Di seguito il dettaglio delle performance dichiarate per Toyota Rav4 Hybrid Plug-in.

  • Velocità massima: 180 km/h
  • Tempo di accelerazione da 0 a 100 km/h: 6”0
  • Autonomia massima in modalità di funzionamento 100% elettrica: fino a 98 km
  • Consumo combinato WLTP: fino ad 1 litro di benzina per 100 km (capacità del serbatoio carburante: 55 litri)
  • Emisisoni di CO2 (WLTP): 22 g/km.

Sistemi di ausilio attivo alla guida

La dotazione “standard” di Toyota Rav4 Hybrid Plug-in in materia di sistemi ADAS propone la nuova generazione dei dispositivi Toyota Safety Sense. Ne fanno parte, fra gli altri:

  • Pre-Collision System con rilevamento veicoli, ciclisti (di giorno) e pedoni (anche nelle ore notturne)
  • Dynamic Radar Cruise Control in abbinamento al Road-sign Assist per la regolazione automatica della velocità del veicolo in relazione ai limiti di velocità
  • Lane Departure Alert con Lane Tracing Assist.
Toyota RAV4 Hybrid Black Edition: immagini ufficiali Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Toyota Supra 2.0 Turbo SZ-R: la prova

Altri contenuti