Maserati MC20: nuovi test su strada a Milano

La super-novità del Tridente che sarà presentata a fine maggio 2020 immortalata nottetempo nella centralissima Piazza degli Affari.

L’”avanzamento dei lavori” in vista del lancio, sempre più vicino e sempre più concreto, della inedita supercoupé Maserati a motore centrale sembrano proseguire a gonfie vele. Dopo le prime immagini del prototipo di Maserati MC20 – questo, come è già ben noto agli appassionati, il nome scelto per la “rivoluzionaria”, come vedremo per soluzioni di propulsione, ultrasportiva attesa al “vernissage” modenese per fine maggio 2020 – “pizzicata” nell’autunno 2019 durante una fase di test su strada, e l’annuncio sui primi dettagli tecnici di fine febbraio 2020, il mulotipo della nuova coupé del “Tridente” è stato immortalato, in piena notte, intento a farsi un giro nel cuore di Milano. Per la precisione, in Piazza degli Affari, uno dei luoghi-simbolo dell’economia e della finanza non soltanto lombarde ma italiane in un senso più ampio.

Un “tour” culturale

Durante la “passeggiata” notturna di Maserati MC20 nel salotto buono meneghino ed intorno a Palazzo Mezzanotte (decisamente fortunati i – pochi – passanti che hanno potuto imbattersi in questa ghiotta anteprima!), l’”occhio” della macchina fotografica ha immortalato la novità MC20, ancora “bardata” dalla camuffatura che tuttavia la libererà nelle prossime settimane, ai piedi della scultura L.O.V.E. di Maurizio Cattelan: installazione in marmo di Carrara che per molti rappresenterebbe un ironico “saluto” al mondo della finanza ed all’architettura del Ventennio che contraddistingue la sede della Borsa di Milano. Un contesto artistico, dunque, per la futura supercoupé del “Tridente” attraverso la quale Fiat-Chrysler Automobiles punterà forte per la propria strategia di rilancio del nobile marchio modenese; e, se ci è concessa una interpretazione “sociale” dell’opera dell’irriverente Cattelan, un – crediamo inconsapevole ma nell’attuale contesto di emergenza da coronavirus riteniamo azzeccato – “grido” di voglia di libertà e di esorcizzare una condizione ormai collettiva di allarme che si spera possa terminare quanto prima.

Nuovo modello-simbolo per il rilancio Maserati

Interpretazioni a parte, i vertici Maserati tengono a sottolineare una precisa valenza promozionale per MC20: il primo modello sviluppato dal Maserati Innovation Lab di Modena sarà immortalato, nelle prossime uscite ufficiali di collaudo su strada e in pista e nelle più varie condizioni di utilizzo, per raccogliere i dati fondamentali sulla messa a punto finale della vettura, e verrà fotografato – comunica Maserati – “In altri luoghi simbolo dell’audacia italiana” (come, appunto, è l’installazione di Cattelan nella centralissima Piazza degli Affari), prima di fare rientro a Modena.

Sarà interamente fatta a Modena

Maserati MC20 – sigla che ricorda la denominazione “Maserati Corse” e l’anno-chiave (2020) che coincide con la fase di avvio di un “new deal” per il Tridente – è la vettura con cui l’azienda modenese farà il proprio rientro nelle competizioni: analogamente alla storica “Tipo 26” (cifra che indicava l’anno di fabbricazione) che fu la prima auto da corsa ad inalberare l’allora nuovo “Tridente”, così MC20 sottolinea l’inizio di una nuova fase per Maserati. Nello specifico, la progettazione e lo sviluppo portati avanti “in casa”, la produzione nello storico stabilimento modenese di via Ciro Menotti che, per accompagnare il “nuovo corso” Maserati, viene interessato dalla realizzazione di nuovi reparti; e l’equipaggiamento con nuove unità motrici e, più avanti, anche con un modulo di propulsione 100% elettrico: tecnologia, quest’ultima, ufficializzata a fine gennaio 2020 con la notizia della fase di sperimentazione di (secondo quanto riportava, testualmente, una nota diffusa dalla stessa Casa modenese) “Nuovi sistemi a propulsione ‘full-electric’ che equipaggeranno i futuri modelli del marchio”. Nello specifico, il riferimento era relativo alla realizzazione di alcune unità-laboratorio provviste di inediti moduli di alimentazione elettrica (un programma di evoluzione “zero emission” che interesserà anche le nuove Maserati GranTurismo e GranCabrio, le quali tuttavia verranno dal 2021 realizzate presso il polo produttivo di Torino) e soluzioni hi-tech progettate nell’Innovation Lab di Modena.

Maserati: il mulotipo per il nuovo motore affronta la strada Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Maserati Ghibli Hybrid 2020

Altri contenuti