EuroNcap 2017: i risultati dei crash test di settembre

“Cinque stelle” per CX-5, Koleos, Compass, Fiesta, Grandland X, Classe C Cabrio e Rio; “quattro stelle” per Ampera-e. L’importanza dei dispositivi di sicurezza attiva.

Sono nove, i modelli di recente debutto sul mercato sottoposti in questi giorni ad una nuova sessione di crash test EuroNcap (la quinta per il 2017) effettuata dal New Car Assessment Programme di Bruxelles. In ordine alfabetico, si tratta di Ford Fiesta, Jeep Compass, Kia Picanto, Kia Rio, Mazda CX-5, Mercedes Classe C Cabriolet, Opel Ampera-e, Opel Grandland X e Renault Koleos.

Tutte le vetture oggetto delle simulazioni di urto sono uscite complessivamente a testa alta dalle prove. In special modo per CX-5, Koleos, Compass, Fiesta, Grandland X, Classe C Cabrio e Rio, che hanno riportato le “5 stelle Ncap”; Picanto (con “safety pack”) ed Ampera-e hanno ottenuto 4 stelle; la stessa Kia Picanto e Kia Rio equipaggiate con la “dotazione di serie” (secondo le indicazioni Ncap) hanno, infine, riportato 3 stelle.

Complessivamente, è possibile notare come l’attenzione dei big player nei confronti della sicurezza assuma un ruolo via via di primo piano. Ciò si accompagna, ai fini dei “punteggi” Ncap, al rigore dimostrato, anche nella quinta sessione di crash test 2017, dal fatto che le valutazioni del New Car Assessment Programme prevedono ora una nuova prova di urto sull’AEB (Autonomous Emergency Braking) per valutare in quale misura ogni modello sia in grado di avvertire e ridurre del tutto (o evitare) in maniera autonoma l’impatto con i pedoni. Questa nuova valutazione va ad aggiungersi al criterio di aggiudicazione “5 stelle EuroNcap“, che dal 2012 viene assegnato ai modelli che arrivino a una valutazione percentuale di sicurezza almeno dell’80% per gli occupanti adulti, del 75% per i bambini e del 60% per i pedoni e per i dispositivi attivi installati.

Di seguito i risultati dei crash test EuroNcap di settembre 2017.

Ford Fiesta. La nuova edizione MY 2017 della compatta bestseller dell’Ovale Blu ha ottenuto cinque stelle Ncap – è il secondo modello di segmento B ad avere riportato, nel 2017, la massima valutazione, dopo Seat Ibiza – in virtù, traducendo il risultato in temini percentuali, dell’87% di protezione riscontrata per gli occupanti adulti, dell’84% per i bambini, del 64% per i pedoni e del 60% in riferimento ai dispositivi di sicurezza attiva installati a bordo.

Jeep Compass. Come detto, altro risultato “a 5 stelle Ncap”: il nuovo SUV del marchio simbolo per il fuoristrada made in Usa, e che fa parte dell’”orbita” Fca, ha fatto registrare un ottimo 90% di sicurezza per conducente e passeggeri adulti,  l’83% per i bambini, il 64% per i pedoni. Nella media il valore percentuale assegnato dai tecnici di Bruxelles all’equipaggiamento di bordo per la sicurezza attiva: 59%.

Kia Picanto. La “compact” coreana è stata sottoposta ai crash test Ncap in due versioni: “standard” e con il “safety pack” installato. Dati alla mano, la differenza è notevole: i versione standard, Kia Rio ha ottenuto tre stelle Ncap (79% di protezione per gli occupanti adulti, 64% per i bambini, 54% per i pedoni e, a conferma dell’importanza data dai tecnici Ncap all’installazione dei dispositivi di sicurezza attiva, 25% nella dotazione di serie); l’esemplare equipaggiato con “safety pack”, le valutazioni percentuali salgono rispettivamente all’87%, 64%, 54% e 47%.

Kia Rio. Discorso analogo alla precedente: la nuova Rio, decisamente positiva nella valutazione della sicurezza per passeggeri adulti (85% – 93%), bambini (84%) e pedoni (62% – 71%), ha fatto segnare una evidente differenza dall’esemplare “standard” (25%) a quello con “safety pack” (59%) relativamente all’equipaggiamento con sistemi di sicurezza attiva.

Mazda CX-5. Il nuovo “Sport Utility” giapponese è risultato il migliore del lotto riguardo alla protezione per conducente e passeggeri adulti (95%) e pedoni (78%): due “voci” che si accompagnano alla positiva valutazione per la sicurezza dei bambini a bordo (80%) e per la dotazione di serie (59%).

Mercedes Classe C Cabriolet. Anche la nuova “quattro posti scoperta” di Stoccarda ha ottenuto 5 stelle Ncap: a incidere sulla valutazione massima, in questo caso, concorre un grado di sicurezza stabilito nell’89% per gli occupanti adulti, nel 79% per i bambini, nel 66% per i pedoni, nonché nel 53% per la dotazione di sicurezza attiva.

Opel Ampera-e. La nuova 100% elettrica “extended range” di Russelsheim paga lo scotto di una non ottimale valutazione relativa alla mancanza del dispositivo di segnalazione delle cinture di sicurezza: un dettaglio, tuttavia sufficiente a non permettere ad Ampera-e di raggiungere le 5 stelle Ncap, che idealmente le sarebbero in ogni caso assegnate, come dimostra l’82% di protezione adulti, il 73% per i bambini, il 75% per i pedoni e il 72% per la dotazione di sicurezza attiva.

Opel Grandland X. In questo caso, la valutazione Ncap è “5 stelle”: per Grandland, la sicurezza in termini percentuali si traduce nell’84% per conducente e passeggeri adulti, nell’87% per i bambini, nel 63% per i pedoni e nel 60% riguardo alla dotazione di sicurezza attiva a bordo.

Renault Koleos. Recentemente rinnovato, il SUV della Marque à Losange ha riportato 5 stelle Ncap: nel dettaglio, il grado di protezione adulti è stato valutato nel 90%, quello per i bambini al 79%, quello per i pedoni al 62%; al 75%, infine, la protezione offerta dai dispositivi di sicurezza attiva.

Nuova Jeep Compass 2017: immagini ufficiali inedite Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

MIMO 2021: intervista a Andrea Levy

Altri contenuti
Suzuki: le novità al MIMO 2021
Auto Ibride

Suzuki: le novità al MIMO 2021

La presenza del marchio di Hamamatsu al Milano Monza Motor Show 2021 si incentra sulle proposte ad alimentazione ibrida e su moto (ci sarà anche Marco Lucchinelli) e Marine: spazio anche al motorsport con Swift Sport R1 ed alle concept con il prototipo Suzuki Misano dello IED.