Fca Heritage: la storia ad Automotoretrò 2020

Accanto ad alcuni dei modelli più rappresentativi nella storia di Alfa Romeo, Fiat e Lancia, anche il nuovo servizio ricambi “Heritage Parts”.

Torna la “tre giorni” di Lingotto Fiere dedicata agli appassionati di motori. È Automotoretrò 2020, giunto quest’anno all’edizione numero 38, e nuovamente in abbinata ad Automotoracing, evento parallelo interamente rivolto al motorsport. La kermesse, che lo scorso anno fece segnare un nuovo record di visitatori (più di 73.000 presenze, cifra che confermò il precedente consuntivo di oltre 67.000 visitatori 2018) e, unitamente al migliaio di espositori provenienti da diversi Paesi europei ad animare la “tre giorni” di Torino, la dice lunga sul ruolo sempre più “centrale” che il comparto del motorismo storico occupa nel quotidiano collettivo, aprirà i battenti giovedì 30 gennaio, per concludersi domenica 2 febbraio.

Dal 1910 al 1980: la grande storia di Torino e Milano

Nelle vesti di “padroni di casa”, i marchi che fanno capo ad Fca; e, nello specifico, il reparto Fca Heritage specializzato nella tutela e nella valorizzazione del patrimonio storico Abarth, Alfa Romeo, Fiat e Lancia.

Fra le “testimoni del tempo” che faranno bella mostra di se, i riflettori sono fin da queste ore puntati su tre modelli appartenenti ad altrettante epoche della motorizzazione: gli albori, la prima gioventù e la concretizzazione di una nuova modernità. Si tratta, in rigoroso ordine alfabetico, della “veterana” A.L.F.A. 24 HP del 1910 carrozzata Castagna (ovvero “la mamma di tutte le Alfa”, essendo stata il primo modello del marchio scaturito dall’accordo tra il cavaliere Ugo Stella e il progettista piacentino Giuseppe Merosi), attualmente esposta nei locali del Museo Storico Alfa Romeo di Arese – La macchina del tempo; di una Alfa Romeo 6C 1500 SS del 1928 (anch’essa custodita al Museo Storico di Arese e dall’invidiabile palmarès: è la vettura vincitrice dell’edizione 2019 della Mille Miglia, ed in precedenza aveva trionfato in altre due edizioni della “Freccia Rossa”, cioè nel 2005 e nel 2007, nonché in altrettante occasioni alla Mille Millas Sport in Argentina nel 2007 e 2008) ed una popolarissima “neo quarantenne”: un esemplare di Fiat Panda 30 del 1980.

La nuova linea di ricambi originali per auto storiche

Accanto alla produzione “d’antan”, Fca Heritage si prepara ad esporre alla rassegna di Lingotto Fiere i primi ricambi che inaugurano la linea “Heritage Parts” dedicata alle vetture storiche e prodotta da Fiat-Chrysler Automobiles in collaborazione con Mopar. La nuova lineup si apre… con un grande classico: i paraurti (anteriore e posteriore) della leggendaria Lancia Delta HF Integrale. Ad Automotoretrò 2020, andranno ad equipaggiare vettura sperimentale degli anni 90 appartenente alla collezione storica di FCA Heritage ed attualmente in restauro presso le Officine Classiche.

Storia e presente si danno la mano

L’esposizione Fca ad Automotoretrò 2020 si completerà con una passerella di modelli che appartengono all’attuale produzione: un esemplare di Alfa Romeo Giulia nella nuova declinazione-restyling 2020, ed una Fiat Panda Trussardi, variante glamour firmata da uno dei grandi nomi della moda italiana celebre nel mondo e che, idealmente, raccoglie il testimone dalla “popolare” Fiat Panda prima serie che ad inizio marzo festeggerà i quarant’anni dall’esordio che avvenne al Salone di Ginevra 1980. Evidente, in questo senso, la “liaison” fra i modelli del passato e l’attuale lineup: un “fil rouge” che viene a sua volta raccontato attraverso un percorso concettuale ad hoc allestito presso il Mirafiori Motor Village – la dealership di Torino ubicata nello storico stabilimento Fiat nato nel 1939 – che racconta il mondo di FCA Heritage e l’ampia gamma di attività e servizi offerti dal Dipartimento.

Automotoretrò 2016 Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Fiat 500X Sport: Top or Not?

Altri contenuti