Salone di Ginevra: Skoda Vision iV prefigura un futuro crossover elettrico

Alla prima grande rassegna europea delle novità automotive, Skoda espone la concept Vision iV: due motori elettrici da 306 CV, 500 km di autonomia, guida autonoma Livello 3.

Salone di Ginevra: Skoda Vision iV prefigura un futuro crossover elettrico

di Francesco Giorgi

05 Marzo 2019

A fianco del nuovo “small SUV” Kamiq ed alla novità di segmento C Scala, la “new entry” Skoda rivolta alla mobilità del futuro e svelata al pubblico del Salone di Ginevra 2019 (qui la nostra panoramica sulla rassegna) si chiama Vision iV: una prefigurazione di veicolo crossover di intonazione marcatamente sportiva, allestita sulla ormai nota piattaforma modulare MEB-Modularer Elektrische Baukasten. Già annunciata dai vertici del marchio di Mlada Boleslav la futura definizione di un veicolo di serie derivato dal prototipo. Potrebbe trattarsi di un programma a breve termine, tenuto conto della pianificazione di una prossima lineup di modelli a propulsione elettrificata che prenderà il via, già nel presente 2019, con il debutto sul mercato di Skoda Superb Plug-in Hybrid e Citigo elettrica.

A questo proposito, contestualmente al vernissage di Skoda Vision iV a Ginevra 2019 (qui un nostro approfondimento sulle novità elettriche ed ibride presenti al PalExpo), i “piani alti” del marchio boemo annunciano lo sviluppo di sistemi di sistemi di ricarica “privata” (wallbox) dedicati, nonché della carta Skoda e.Charge, dedicata agli “elettro-automobilisti” che potranno (similmente a quanto attuato da Audi con il recentissimo SUV elettrico e-tron) disporre di un accesso unificato alle colonnine di ricarica in tutta Europa.

Immagine sportiva, fari Matrix Led, ruote alte

Simpaticamente dinamica, nell’analisi dei “render” ufficiali messi a disposizione da Skoda alla vigilia della première di Ginevra 2019, l’impostazione del corpo vettura di Skoda Vision iV riassume caratteristiche evolutive rispetto alla più recente proposta stilistica di Mlada Boleslav, dall’autunno 2017 passata sotto la “matita” del nuovo responsabile Design Oliver Stefani, ed insieme coerenti con l’attuale discorso di stile. Ciò si avverte, ad esempio, nella forma dei gruppi ottici posteriori (che riprende, evolvendolo, il coraggioso disegno di quelli attuali), e per converso nell’inedito layout del “volume” anteriore, nel quale un “filo” a Led orizzontale taglia la calandra a metà e si incarica di unire la fanaleria Matrix Led. Del tutto nuove anche le ampie prese d’aria inferiori. Elementi maggiormente in rilievo alle fiancate sono i grandi cerchi da 22” (la misura attualmente utilizzata dal nuovo Kodiaq RS), impreziositi dal monogramma illuminato e sottolineati da ampi passaruota, nonché l’assenza di specchi retrovisori esterni, qui sostituiti dal sistema di piccole telecamere con visione a display nell’abitacolo. La tinta carrozzeria utilizzata è in Ultra Yellow. Queste le dimensioni indicate da Skoda: lunghezza 4,66 m, larghezza 1,92 m, altezza 1,61 m e 2.760 mm di passo.

Abitacolo: curata nelle rifiniture, evolve il layout di Vision E

All’interno, Skoda Vision iV rappresenta una evoluzione del progetto realizzato con Vision E: ambiente “minimal” e particolarmente spazioso in virtù dell’assenza del tunnel centrale e della contestuale adozione di numerosi vani portaoggetti. Come già espresso dal precedente prototipo, anche per Vision iV gli stilisti Skoda hanno fatto ricorso a soluzioni di rivestimento e di abitabilità up-to-date: materiali di rifinitura 3D che si ispira al disegno dei cristalli per la zona superiore della pannelleria, e impiego di pelle scamosciata “Ultrasuede” con dettagli in legno di betulla opacizzato per la parte inferiore; i sedili anteriori sono dotati di comando di rotazione. Inedito il disegno “quadrangolare” del volante multifunzione con comandi di controllo delle modalità di guida autonoma Livello 3 integrati (l’inserimento di questo programma consente la possibilità di fare ruotare i sedili anteriori). Il modulo infotainment, progettato su un sistema di connettività 5G con comandi gestuali e vocali, pur mantenendo il dispositivo di controllo touch. Il sistema di ricarica per i device portatili si avvale di un sistema wireless, collocato all’interno di una “nicchia” nella consolle centrale. La capacità del vano bagagli, nel normale assetto di marcia, è di 500 litri.

Alimentazione: due motori elettrici e 500 km di autonomia

Il modulo powertrain di Skoda Vision iV prevede due motori elettrici – uno collegato all’avantreno, il secondo diretto sul retrotreno, ed alimentati da batterie agli ioni di litio da 83 kWh -, in modo da fornire trazione integrale senza che sia necessario adottare un albero di trasmissione. La potenza complessiva di sistema è nell’ordine di 306 CV, ripartita in funzione delle esigenze. L’autonomia indicata raggiunge 500 km secondo il nuovo ciclo WLTP: l’80% di energia – facendo ricorso a sistemi di carica rapida – richiede 30 minuti. Questi i valori prestazionali comunicati: velocità massima 180 km/h, 5”9 nello scatto da 0 a 100 km/h e ripresa 80-120 km/h in meno di 4 secondi.

Tutto su: Skoda, Salone di Ginevra