Nuova Opel Astra 2020: caratteristiche e dettagli del restyling

Aggiornata più “sotto” e “dentro” che “fuori”, la lineup di segmento C si rinnova in attesa della prossima generazione: nel frattempo, ecco i motori Euro 6d ed un ampio ventaglio di novità hi-tech.

Una evoluzione di sostanza per Opel Astra nella nuova configurazione “Model Year 2020”: in attesa di assistere al debutto della nuova generazione progettata sulla piattaforma EMP2, che vedremo dal 2021 e nei giorni scorsi confermata dai vertici del marchio tedesco due anni fa entrato nell’orbita PSA Groupe (qui la nostra anticipazione) e sarà assemblata nelle linee di montaggio di Russelsheim, in queste ore i riflettori del marchio del “Fulmine” vengono puntati sulla nuova edizione-restyling, che sarà ordinabile a partire da settembre – nelle prossime settimane, dunque, se ne conosceranno prezzi e allestimenti, i quali tuttavia non dovrebbero essere troppo distanti dall’attuale listino che parte da 18.450 euro per la declinazione 1.0 turbo 90 CV – e mette in evidenza una serie di aggiornamenti più marcati “sotto” che “fuori”. Ovvero: un facelift essenziale negli elementi relativamente al corpo vettura, e per converso un più articolato ventaglio di novità nell’impostazione aerodinamica, nelle tecnologie di motorizzazione in ossequio ai futuri standard di omologazione, nell’engineering di telaio e trasmissione e nel ricorso ai sistemi di controllo ottico ed infotainment di ultima generazione.

Nello specifico, il restyling della “segmento C” di Russelsheim (in produzione dal 1991: con l’arrivo della nuova generazione, che verrà svelata nel 2021, Opel Astra celebrerà quindi i trent’anni dal debutto sul mercato quale “erede” della storica Opel Kadett) si concretizza, nello stile del corpo vettura, nell’adozione di alcuni dei dettagli recentemente portati in dote dalla produzione Opel, segnatamente i crossover e SUV Opel Crossland X e Grandland X: ci si riferisce, in particolare, alla nuova e più elaborata calandra anteriore, impreziosita dal fregio cromato orizzontale che accompagna il monogramma del “Fulmine” e raccorda i gruppi ottici anteriori, nonché alla zona inferiore del paraurti. Sempre a proposito di fanaleria, Opel Astra 2020 conferma il ricorso alla tecnologia di illuminazione IntelliLux Matrix Led, che debuttò quattro anni fa proprio a bordo della attuale generazione di Opel Astra (alla quale venne assegnato il riconoscimento di European Car of the Year 2016).

Opel Astra 2020: un ampio aggiornamento aerodinamico

Nel complesso, come si accennava, le novità estetiche per Opel Astra 2020 (berlina cinque porte e Sports Tourer) presentano un upgrade piuttosto moderato nell’estetica. Per converso, le “big news” riguardano un sostanzioso aggiornamento tecnologico, a cominciare da un’aerodinamica più raffinata (progetto del resto funzionale alla ricerca di ulteriore ottimizzazione del rendimento complessivo della vettura), che su Opel Astra cinque porte e Sports Tourer 2020 si concretizza nell’adozione di due nuove alette (shutter) a comando di apertura e chiusura automatico, dietro la mascherina, un nuovo rivestimento inferiore per il vano motore utile a migliorare il coefficiente di resistenza aerodinamica riducendo la turbolenza, i bracci dell’assale posteriore a forma di deflettore. A sua volta, indica Opel, la dinamica telaio di Opel Astra ha ottenuto un ulteriore sviluppo, incentrato sull’impiego di nuovi ammortizzatori, a tutto vantaggio del comfort di marcia per conducente e passeggeri; a richiesta, Opel Astra 2020 potrà essere equipaggiata con una soluzione di telaio più sportiva (ammortizzatori irrigiditi, rapportatura più diretta per lo sterzo e retrotreno a parallelogramma di Watt). Dati alla mano, comunicano i tecnici di Russelsheim, Opel Astra 2020 in configurazione berlina cinque porte dichiara un coefficiente di penetrazione aerodinamica (Cx) di 0,26, valore che pone la rinnovata “segmento C” tedesca ai vertici nella propria categoria; ancora meglio (per via del corpo vettura station wagon, che aiuta il flusso dell’aria nella zona posteriore del veicolo) la resa aerodinamica di Opel Astra 2020 Sports Tourer: soltanto 0,26 di Cx.

“Grazie all’eccellente aerodinamica della vettura e alla nuova generazione di motori e trasmissioni siamo riusciti a ridurre le emissioni di CO2 fino al 19% – invita a considerare Christian Müller, managing director della Divisione Engineering di Opel – Si tratta di un enorme passo in avanti a vantaggio dei nostri clienti, che avranno costi di esercizio inferiori. Grazie a questi dati Astra si posiziona al vertice del proprio segmento”.

Motorizzazioni: rispetta già i futuri standard Euro 6d

Sotto il cofano, Opel Astra 2020 presenta due unità motrici a benzina (una delle quali tutta nuova) ed una turbodiesel. Nel dettaglio, l’offerta dei motori a benzina contempla il 1.2 turbo a tre cilindri di origine PSA – a sostituire i precedenti 1.0 e 1.5 dell’”epoca-General Motors” –, abbinato al cambio manuale a sei rapporti, proposto su tre livelli di potenza (110 CV, 130 CV e 145 CV) e valori di coppia massima che vanno da 195 a 236 Nm; e sul 1.4 da 145 CV con cambio automatico CVT a sette rapporti. Questi i valori relativi a consumi ed emissioni (ciclo WLTP) comunicati da Opel: da 5,2 a 5,5 litri di benzina per 100 km e da 127 a 120 g/km di CO2 per il 1.2; da 5,7 a 5,9 l/100 km e da 136 a 132 g/km di CO2 per il 1.4.

Sul fronte turbodiesel, Opel Astra 2020 si affida alle unità 1.5 tre cilindri (anch’esse di origine PSA) con cambio manuale a sei rapporti o (1.5 122 CV) automatico a nove rapporti, potenza di 105 e 122 CV e 260-300 Nm di coppia massima e consumi ed emissioni nell’ordine di 4.4-4,7 litri di gasolio per 100 km e 124-117 g/km di CO2 (1.5 105 e 122 CV con cambio manuale) e 4,9-5,3 l/100 km e 139-130 g/km (1.5 122 CV cambio automatico). Rispetto al modello attuale che si prepara ad essere sostituito, i dati relativi ai consumi di carburante e alle emissioni di CO2 per Opel Astra 2020 benzina riportano una riduzione di oltre il 5%, di circa il 19% e di circa il 15%; per Opel Astra 2020 turbodiesel, i “tagli” risultano ridotti fino, rispettivamente, al 17% ed al 10%. Tutte le nuove unità motrici sono in regola con la normativa Euro 6d, che entrerà in vigore il 1 gennaio 2021: si tratta, quindi, di una delle prime applicazioni del nuovo standard in materia di emissioni.

Gli equipaggiamenti hi-tech

All’interno, l’abitacolo di Opel Astra 2020 mette in evidenza una nuova strumentazione parzialmente digitale (dettaglio che venne inaugurato, recentemente, a bordo della rinnovata “alto di gamma” Opel Insignia): il layout del quadro strumenti prevede un display centrale per la visualizzazione del tachimetro digitale ed indicatori analogici ai due lati; accanto ad esso, il nuovo modulo infotainment con schermo touch da 8” per il controllo delle funzionalità di navigazione (attraverso i sistemi Multimedia Radio, Multimedia Navi e Multimedia Navi Pro, quest’ultimo, anch’esso “ereditato” da Insignia, rappresenta la versione-top di gamma: fra le dotazioni esclusive, lo schermo touch a colori da 8” ed i comandi vocali) e dei servizi multimediali, compatibili con gli standard Apple CarPlay ed Android Auto. Fra le dotazioni a richiesta: il parabrezza riscaldabile a filamenti pressoché invisibili, un sofisticato impianto audio Bose con amplificatore digitale che memorizza fino ad otto profili utente e sette altoparlanti tra cui un subwoofer RichBass sotto il cofano.

Opel Astra 2020: le dotazioni ADAS

Oltre ai gruppi ottici IntelliLux Matrix Led, Opel Astra “Model Year 2020” (“Fortemente digitalizzata”, annuncia Opel, indicando una nuova e più piccola telecamera anteriore che ora riconosce anche i pedoni ed è in grado di elaborare un numero più elevato di segnali stradali; ed una nuova telecamera posteriore, disponibile in abbinamento all’infotainment-top Multimedia Navi Pro) dispone di un ampio ventaglio di sistemi di ausilio attivo alla guida e sicurezza: l’offerta, indica Opel, comprende Cruise Control attivo, indicatore della distanza di sicurezza, l’allerta collisione con frenata autonoma d’emergenza, riconoscimento dei cartelli stradali e mantenimento della corsia di marcia.

Opel Astra e Opel Astra Sports Tourer 2020: prime immagini ufficiali Vedi tutte le immagini
Altri contenuti