Bmw Serie 1: la terza generazione verso il debutto

Tuttoavanti e profondamente aggiornata nel corpo vettura e nel telaio, la nuova “F40” si prepara a rinnovare la lineup di ingresso alla gamma del marchio bavarese. Tutti i dettagli.

Bisognerà abituarsi al mutamento di indirizzo tecnologico gradualmente messo in campo da Bmw riguardo ai propri modelli di fascia medio-bassa: con la terza generazione di Bmw Serie 1, svelata in anteprima assoluta nelle scorse ore, il big player bavarese dà un definitivo colpo di spugna all’engineering che da sempre ne ha caratterizzato l’impostazione dei sistemi motore-trasmissione, vale a dire trazione posteriore e motore trasversale. Il che, dal punto di vista dell’estetica, ha comportato soluzioni di linee piuttosto personali, ovvero cofani lunghi e abitacoli arretrati.

Tutto questo non sarà più così: lo sviluppo dei piani di elettrificazione e dei sistemi di guida assistita, che necessitano di grandi stanziamenti economici; e, conseguentemente, l’urgenza di ottimizzare le proprie risorse industriali in un’ottica di economia di larga scala portano alla riorganizzazione dei progetti.

Nuova Bmw Serie 1: è pronta al debutto

Ed ecco Bmw Serie 1 2019: la terza serie della fortunata “segmento C” (dinastia che prese il via nel 2004, con il debutto della gamma E87, proseguì nel 2011 con la successiva F20, e ora si prepara al lancio della nuova versione), da tempo oggetto di studi e test (qui un nostro approfondimento di inizio 2018) verrà presentata ufficialmente a Monaco di Baviera il 25 giugno, per debuttare subito dopo in fase commerciale. Il suo ingresso nelle concessionarie italiane è previsto per il prossimo ottobre.

Bmw Serie 1: gli allestimenti della terza generazione

Già definita la lineup di configurazioni. Bmw Serie 1 2019 si articola su sei allestimenti: “base”, con cerchi da 16”, climatizzatore automatico e corona volante rivestita in pelle; Advantage, equipaggiata con cerchi in lega da 16”, sensori di parcheggio anteriori e posteriori, sedile passeggero anteriore regolabile in altezza e Cruise Control con frenata autonoma d’emergenza; Business, comprendente fra gli altri specchi retrovisori esterni ripiegabili e riscaldabili a comando elettrico, strumentazione digitale Bmw Live Cockpit Plus e specchio centrale con schermatura anti-abbagliamento; Sport, la cui dotazione aggiunge i battitacco in alluminio, paraurti dedicati, cerchi in lega da 17”, volante sportivo “M”, sedili semi-anatomici con cuciture a contrasto ed illuminazione interna “ambient” a Led; Luxury, che comprende dettagli corpo vettura in alluminio ad effetto satinato, rivestimenti in pelle “Dakota” in nero e particolari abitacolo “Nice”; ed MSport, che porta in dote assetto ribassato di 10 mm e provvisto di taratura sportiva, cerchi da 17” o 18” a seconda della singola variante di modello, verniciatura esterna nel classico Alpine White, e paraurti sportivi. Più avanti, dunque, ne verranno dettagliati i e tutti gli equipaggiamenti, eccezion fatta per le due varianti M135i (declinazione high performance da 306 CV e trazione integrale xDrive) e Serie 1 allestita con una linea di accessori Bmw Performance Parts realizzati ad hoc e già anticipati contestualmente all’anteprima di gamma.

Bmw Serie 1: nuove linee funzionali all’abitabilità

Le “big news” che accompagnano la nuova generazione di Bmw Serie 1 (codificata F40) sono molteplici, ad iniziare dall’adozione della nuova piattaforma modulare Faar, tecnologia evolutiva della precedente Ukl (primo esempio di pianale progettato per gruppi propulsori a trazione anteriore e motore trasversale) che già costituisce l’”ossatura” delle attuali Bmw X1, Bmw X2 e Bmw Serie 2 Active Tourer, nonché della più recente lineup MINI. Sul nuovo pianale modulare Faar, gli uffici tecnici di Monaco di Baviera hanno progettato una vettura profondamente aggiornata, più simile nell’impostazione alle “tuttoavanti” già in produzione anziché alla precedente Serie 1 F20. Ciò risulta evidente già nell’impostazione del volume anteriore, che si caratterizza per un cofano sensibilmente accorciato e più alto, per proseguire nel disegno di una linea di cintura più alta. Il tutto va a vantaggio della visibilità e della semplicità di manovra (il lunotto, peraltro, resta un po’ piccolo in proporzione alle nuove linee), sebbene complessivamente Bmw Serie 1 2019 arrivi ad assumere un’impostazione più “compatta”, ovvero meno slanciata, anche se gli ingombri risultano pressoché immutati (la lunghezza “fuori tutto” misura 4,31 m, la larghezza – specchi retrovisori esterni esclusi – sfiora il metro e 80, l’altezza è ora 1,43 m) pur contando su un passo più corto (2.670 mm). A guadagnarne, in ordine di versatilità di impiego, è l’abitabilità, che offre 33 mm in più, in senso longitudinale, per le gambe degli occupanti la fila posteriore di sedili, 42 mm (anteriormente) e 13 mm in più (posteriormente) in larghezza. Ed aumenta anche la capienza del vano bagagli: non moltissimo, tuttavia il bagagliaio ora offre 20 litri in più (380 l, dai precedenti 360), e – tra le funzionalità inedite – adesso rende disponibile il comando di apertura e chiusura elettrico.

Fedeli al più recente stile Bmw i dettagli del corpo vettura: “doppio rene” anteriore di più grandi dimensioni, andamento più “avvolgente” per il volume posteriore, fanaleria di nuovo disegno con gruppi ottici anteriori Full Led per le configurazioni Advantage, Business advantage, Sport, Luxury, MSport e M135i, ed a lampade alogene con luci diurne a Led per la versione “base”. A richiesta potrà essere ordinata la tecnologia adattiva per i proiettori anteriori, così come i gruppi ottici posteriori Full Led che, di serie, sono a Led.

Abitacolo all’insegna dell’hi-tech

All’interno, l’abitacolo della nuova Bmw Serie 1 F40 mette in evidenza il quadro strumenti digitale Bmw Live Cockpit (che verrà offerto a richiesta) configurabile nel layout, e lo schermo del modulo infotainment da 10.25” che si avvale del sistema operativo Bmw Operating System 7.0, con possibilità di aggiornamento online. Fedele alla “tradizionale” impostazione Bmw, recentemente tornata in auge, è la conformazione della consolle centrale (display infotainment compreso) leggermente orientata verso il conducente. Vi vengono collocati i comandi climatizzazione ed un ampio vano portaoggetti, che a richiesta può a sua volta contenere un “hub” per la ricarica wireless degli smartphone.

Bmw Serie 1 F40: le motorizzazioni

Al momento del “lancio” commerciale, la lineup Bmw Serie 1 F40 verrà declinata su versioni benzina e turbodiesel a tre cilindri ed a quattro cilindri: nel dettaglio, Bmw 118i (unità 1.5 da 140 CV di potenza e 220 Nm di coppia massima), M135i xDrive (2.0 da 306 CV e 450 Nm); 116d (1.5 da 116 CV-270 Nm), 118d (2.0 150 CV-350 Nm) e 120d xDrive (190 CV-400 Nm).

Più aggressiva con gli accessori Bmw M Performance

Non c’è Bmw senza la propria configurazione dall’indole marcatamente sportiva. Accanto alla versione alto di gamma (per valori prestazionali) M135i da 306 CV, il marchio di Monaco di Baviera illustra in anticipo la linea di accessori M Performance per la nuova Bmw Serie 1 F40: il catalogo propone cerchi da 18” e da 19” a disegni e finiture differenti, gruppi freno aumentati con pinze verniciate in rosso, appendici aerodinamiche dedicate, gusci in fibra di carbonio per gli specchi retrovisori; per l’abitacolo, si segnalano il volante sportivo “M” rivestito in Alcantara, accenti in fibra di carbonio e tappetini ad hoc.

Bmw Serie 1 F40: sarà in concessionaria a ottobre

Dopo l’anteprima del 25 giugno a Monaco di Baviera, il vernissage di Bmw Serie 1 F40 per il grande pubblico è fissato in occasione del prossimo Salone di Francoforte, che si svolgerà dal 12 al 22 settembre. Subito dopo avverrà la fase di ingresso nelle concessionarie. I prezzi comunicati da Bmw per la terza generazione di Serie 1 partono da 28.100 Euro (Bmw 118i 1.5 tre cilindri 140 CV) e da 28.800 Euro (Bmw 116d tre cilindri turbodiesel 116 CV). Per la più performante Bmw M135i, il listino parte da 47.000 Euro.

Bmw Serie 1 2019, accessori M Performance: immagini ufficiali Vedi tutte le immagini
Altri contenuti