Bentley Continental GT V8: 550 CV per la “baby” di Crewe

La lineup di ingresso alla gamma Bentley si aggiorna con le configurazioni-novità “Ottovù” per Continental GT: fra le tecnologie di bordo, il sistema di disattivazione cilindri. Saranno in Europa nei prossimi mesi.

Bentley amplia la gamma della propria sportiva-simbolo, nonché bestseller (circa 70.000 gli esemplari prodotti in quasi sedici anni) Continental GT. Ad un anno e mezzo dal “vernissage” della attuale terza generazione, che venne presentata al Salone di Francoforte 2017, ed a brevissima distanza dall’esposizione (Salone di Ginevra 2019) della serie speciale Continental GT Number 9 Edition by Mulliner, che verrà “tirata” in 100 unità per celebrare i cento anni dalla fondazione della factory di Crewe (l’anniversario cadrà il prossimo 10 luglio), Bentley svela in queste ore la variante V8 di Continental GT, nelle due declinazioni Coupé e Convertible: un aggiornamento, comunicano i vertici della “B Alata” in una nota descrittiva delle caratteristiche tecniche ed arricchita da una serie di immagini che ne illustrano le peculiarità al corpo vettura e nell’abitacolo, studiato per offrire agli appassionati, attraverso una nuova motorizzazione V8 4.0 biturbo, un’adeguata potenza ed una maggiore agilità di guida (rispetto alle ben conosciute varianti V12) e, nello stesso tempo, consumi ed emissioni leggermente rivisti (per quanto possa contare, alle tasche degli enthusiast che se ne possono permettere un esemplare, la “sete” di una sportiva di altissimo livello il cui prezzo di listino attuale parte da 207.000 euro). Il primo mercato di destinazione per Bentley Continental GT V8 Coupé e Convertible saranno gli USA, nei quali la “baby” di Crewe è già disponibile alle ordinazioni e dove le prime consegne sono imminenti. Successivamente (vale a dire ad inizio 2020), la nuova gamma V8 verrà proposta in Europa.

Corpo vettura e abitacolo: modifiche di dettaglio

Difficile modificare la carrozzeria della già longeva “due posti più due” di Crewe, per la quale gli stilisti Bentley hanno affrontato un corposo upgrade estetico in occasione dell’attuale terza generazione (nuova forma ai doppi proiettori ora a sezione semiellittica e differente fra gruppi esterni ed interni; fanaleria posteriore aggiornata) pur mantenendo invariato l’appeal che da oltre quindici anni rende riconoscibilissima la fortunata Gt di oltremanica, compresa la immancabile calandra “a nido d’ape” che domina la zona frontale della vettura. Le nuove V8 non fanno eccezione: tranne alcuni particolari – due coppie di terminali di scarico, cerchi da 20” in luogo di quelli da 21 adottati dalle V12; sono tuttavia presenti nella gamma degli accessori vari tipi di ruota, dal diametro fino a 22”, i monogrammi “V8” specifici -, l’impostazione del corpo vettura rimane immutata, allo stesso modo degli ingombri esterni, del resto sostanzialmente invariati anche rispetto alla precedente generazione (lunghezza 4,8 m, larghezza 2,23 m, altezza 1,4 m; sbalzi, anteriore e posteriore, ridotti). Relativamente alla variante Convertible, l’elemento principale del corpo vettura è ovviamente la capote, nella tradizionale tela multistrato e ripiegabile in 19” fino ad una velocità di 50 km/h (stesso tempo e stesso “limite di velocità” per il movimento inverso). La finitura della capote viene proposta in sette colorazioni, fra le quali una, tutta nuova, in tweed. Altrettanto nuovo, per progettazione, è il sistema scaldacollo integrato nei sedili “Comfort” riscaldabili e ventilabili, che si abbina ad un nuovo volante riscaldabile e nuovi braccioli anch’essi a temperatura regolabile a comando elettrico (le medesime funzioni sono presenti anche a bordo della variante GT V8 Coupé).

Come di consueto, il ventaglio di configurazioni disponibili per il singolo cliente viene annunciato come molto ampio: oltre a cinque differenti combinazioni per i rivestimenti abitacolo (sedili, imbottitura plancia, pannelli porta) ottenibili con varie cuciture a contrasto, il servizio personalizzazioni Mulliner offre il vasto catalogo di allestimenti “ad personam”, che consentono di trasformare gli interni della propria Continental GT in base ai gusti personali. Il layout abitacolo si completa con il modulo infotainment dotato di display touch da 12.3” a scomparsa (tecnologia che aveva fatto il proprio debutto a bordo della attuale terza generazione di Continental GT), la strumentazione digitale configurabile ed il sofisticato impianto audio da 650W e dieci altoparlanti.

Nuovo V8 con sistema disattivazione cilindri

Una Bentley a quattro cilindri? Impossibile… A parte gli scherzi, fra gli atout che la nuova Bentley Continental GT V8 porta in dote, c’è una precisa ricerca tecnologica verso l’ottimizzazione dell’efficienza termica rivolta a consumi e, soprattutto, emissioni. Per questo motivo, il nuovo “Ottovù” da 4 litri, sovralimentato con due turbocompressori Twin-scroll collocati a valle delle bancate, che eroga una potenza massima di 550 CV ed una forza motrice da 770 Nm di coppia massima, si avvale del sistema di disattivazione cilindri, ad azionamento controllato dall’elettronica di gestione: tecnicamente, nelle condizioni di lavoro a basso e medio carico, la centralina del motore disattiva quattro degli otto cilindri (ciò avviene in appena 20 millisecondi, e attraverso un sistema di smorzamento delle vibrazioni tanto al motore quanto al gruppo trasmissione, costituita dalla conosciuta trazione integrale con Torque vectoring per il trasferimento della coppia motrice fra gli assali, in modo che conducente e passeggero non avvertano alcuna differenza), per riprendere la “normale” configurazione V8 quando si richieda maggiore potenza. Dati alla mano, i valori prestazionali dichiarati per Bentley Continental GT V8 Coupé e Convertible sono all’altezza dell’immagine sportiva del marchio di Crewe, ovvero di assoluto livello: la velocità massima è di 318 km/h per entrambe le varianti; lo scatto da 0 a 100 km/h richiede, rispettivamente, 4”0 (Coupé) e 4”1 (Convertible).

Da segnalare, infine, l’adozione dell’assetto a sospensioni pneumatiche, a richiesta ottenibili con nuove barre antirollio (per avantreno e retrotreno) regolabili e che possono a loro volta far parte del modulo Bentley Dynamic Ride di controllo automatico dell’assetto e dello sterzo a seconda delle istantanee condizioni di marcia. Fra i dispositivi di ausilio attivo alla guida ADAS, Bentley Continental GT V8 prevede Active Lane Assist, Traffic Jam Assist e Park Assist.

Bentley Continental GT Convertible Bavaria Edition by Mulliner: immagini ufficiali Vedi tutte le immagini
Altri contenuti