Seat: il nuovo maxi-SUV si chiamerà Tarraco

Il nome romano dell’odierna Tarragona identifica la nuova “Sport Utility full-size” di Seat, attesa in anteprima all’imminente Salone di Ginevra e sul mercato entro la fine di quest’anno.

Per scegliere il nome del futuro SUV, ovvero il modello chiamato ad arricchire le proposte “Sport Utility” di Martorell, viene chiamata a rapporto l’antica Roma. O meglio: è ciò che gli internauti hanno dichiarato di preferire attraverso il proprio voto: una denominazione che, per la prima volta da quando Seat utilizza le città della Spagna per l’identità dei propri modelli, rimanda ad un’epoca lontana.

Il futuro SUV di Seat, per il cui nome i vertici dell’azienda catalana nell’orbita del Gruppo VAG avevano la scorsa estate annunciato la fase finale di un concorso di idee aperto a tutti gli utenti, si chiamerà “Tarraco”, cioè l’odierna Tarragona – oggi fra i Patrimoni mondiali dell’Umanità Unesco – secondo la denominazione che i Romani, nel terzo secolo a.C., diedero alla base militare più importante della penisola iberica (dove, all’epoca, esisteva un insediamento fortificato di epoca precedente). Un nome carico di vestigia storiche, dunque: per i “piani alti” di Seat, che in queste ore confermano la denominazione dell’imminente “Sport Utility”, “Il nome ‘Tarraco’ è, come peraltro tutte le altre proposte giunte in finale, allineato ai valori Seat e rappresenta appieno la personalità del nuovo modello”. “Tarragona è, oggi, una città mediterranea nella quale si respirano cultura, spirito giovane, storia e architettura: valori nei quali Seat si identifica e che trasmette attraverso le proprie vetture”.

Dati alla mano, comunica una nota di Martorell, l’ultima fase del concorso di idee pubblico #SEATseekingName ha ricevuto 146.124 proposte da parte di altrettanti “fan” del marchio catalano provenienti da 134 Paesi nel mondo: “Tarraco” ha ottenuto il 35,52% delle preferenze (51.903 voti), davanti ad Avila (28,74% con 41.993 voti), Aranda (giunto terzo con 39.321 voti, corrispondenti al 26,91% delle preferenze) ed Alboran, votato da 12.907 partecipanti (8,83%). Una prima fase del “contest” aveva ricevuto ben 10.103 differenti proposte di luoghi della Spagna, indicate da 133.332 manifestazioni di voto giunte ai terminali dei vertici Seat da 106 Nazioni. Successivamente, ciascuna delle proposte venne vagliata da un tavolo di esperti sulla scorta di precisi criteri linguistici e giuridici, e verificata in allineamento con l’essenza del nuovo modello, mentre la Divisione Marketing di Seat organizzava dei focus group nei mercati principali e ulteriori prove ed analisi di mercato nei Paesi dove il marchio catalano è presente, fino a giungere ad una “quadratura del cerchio” con i quattro nomi finalisti, ovvero (in ordine alfabetico) Alboran, Aranda, Avila e Tarraco.

Seat Tarraco (ora possiamo ufficialmente chiamarlo con il suo nome) completerà la lineup “Sport Utility” di Martorell, dopo Ateca – rispetto alla quale si posizionerà su un gradino superiore – e Arona. Il suo arrivo su strada è fissato entro la fine di quest’anno. Nel frattempo, è possibile farsi un’idea “di massima” relativa ad un primo dettaglio estetico del futuro maxi SUV Tarraco che sarà disponibile in configurazione fino a sette posti: un primo dettaglio del corpo vettura, che illustra la parte frontale del veicolo in un gioco di ombre e luci e permette di osservare il disegno dei gruppi ottici, leggermente più “sottili”, la forma della calandra più “a trapezio” e con un particolare motivo estetico per la griglia.

“Base di partenza” sarà la piattaforma modulare Mqb (Modularer Querbaukasten), opportunamente adattata in previsione dell’impiego nel segmento SUV full-size attraverso l’impiego di una struttura che presenta un ampio ricorso ad acciai a elevata resistenza e che già equipaggia l’altrettanto recente Skoda Kodiaq e la lineup Volkswagen Tiguan. Con tutta probabilità, Seat Tarraco sarà presente al Salone di Ginevra (in programma dall’8 al 18 marzo): sarà l’occasione per conoscere il nuovo maxi SUV catalano in maniera più approfondita, anche riguardo all’impostazione powertrain.

Seat Arona: nuove immagini ufficiali Vedi tutte le immagini
Altri contenuti