Range Rover Velar 2021: caratteristiche, motori, ibrida plug-in

Il SUV di Solihull si aggiorna nell’infotainment, nella connettività e nei sistemi di alimentazione: arrivano la variante ibrida ricaricabile e la gamma di motori benzina e diesel mild-hybrid.

Ad un mese esatto dall’aggiornamento di Range Rover Evoque e Discovery Sport, Land Rover affronta l’”operazione-restyling” anche per Range Rover Velar. Il SUV di Solihull che fa leva su una marcata identità fatta di eleganza, dinamismo e personalità è al centro di un corposo “upgrade” in chiave Model Year 2021, improntato maggiormente alla “sostanza”, al comfort ed alle tecnologie di propulsione più che all’immagine, che rimane – ovviamente – riconoscibile per la caratteristica impostazione estetica e riceve un moderato facelift, quest’ultimo caratterizzato dalla disponibilità di nuove opzioni di tinta carrozzeria (fra le quali si segnalano le varianti “Lantau Bronze”, “Hakuba Silver”, “Santorini Black” ed “Eiger Grey”), nuovi cerchi da 20” e possibilità di adottare combinazioni bicolore.

Attesa anche in Italia

Già disponibile alle ordinazioni sul mercato interno (i prezzi per il Regno Unito partono da 46.110 sterline, corrispondenti a circa 50.400 euro), la nuova gamma Range Rover Velar 2021 arriverà in tempi brevi anche in Italia: più avanti verranno comunicati, in dettaglio, gli importi di vendita per il nostro mercato.

È anche ibrida ricaricabile

Nello specifico, ed in piena corrispondenza con quanto anticipato di recente per Evoque e Discovery Sport, anche Range Rover Velar adotta un sistema di alimentazione ibrido plug-in. Nella fattispecie, si  tratta della declinazione P400e Plug-in Hybrid, formata dall’abbinamento fra l’unità motrice 2.0 quattro cilindri a benzina turbocompresso da 300 CV di potenza massima ed un motore elettrico da 142 CV, a sua volta alimentato da una batteria agli ioni di litio collocata al di sotto del ripiano di carico situato nel vano bagagli. Così equipaggiata, Range Rover Velar P400e Plug-in Hybrid dichiara un’autonomia di marcia di 53 km in modalità di funzionamento 100% elettrica e poco più di 2 km di consumo di carburante a ciclo medio WLTP ogni 100 km. Chiaramente molto basse anche le emissioni di CO2: secondo gli standard Wltp, il quantitativo di diossido di carbonio emesso a ciclo medio è nell’ordine di 49 g/km.

Di seguito i principali dati tecnici di Range Rover Velar P400e Plug-in Hybrid.

  • Modulo di propulsione: motore termico 2 litri benzina turbo e motore elettrico
  • Potenza: 300 CV + 142 CV
  • Potenza complessiva: 404 CV
  • Coppia massima disponibile: 640 Nm
  • Capacità di accumulo batteria agli ioni di litio: 17,1 kWh
  • Percorrenza massima in elettrico: 53 km
  • Consumo di carburante a ciclo combinato Wltp: 2,2 litri di benzina per 100 km a batteria carica
  • Emissioni di CO2 Wltp: 49 g/km.

Valori prestazionali

  • Tempo di accelerazione da 0 a 100 km/h: 5”4.

Modalità e tempi di ricarica

  • Con Wallbox standard da 7 kW: un’ora e 40 minuti
  • Con colonnina rapida a corrente continua: 30 minuti per ottenere l’80% di energia.

La nuova gamma di propulsori mild-hybrid

L’arrivo della declinazione ibrida ricaricabile sotto il cofano di Range Rover Velar si accompagna ad ulteriori novità attese per la lineup 2021. Si tratta, nello specifico, della “famiglia” di motorizzazioni “Ingenium” e litri a sei cilindri in linea, che debuttano a bordo del SUV luxury di Solihull. Le nuove unità motrici benzina e diesel sono disponibili con tecnologia “Mhev” a 48V che si avvale del generatore-starter a cinghia BiSG funzionale all’accumulo di energia durante le fasi di decelerazione del veicolo, ed al suo immagazzinamento in una batteria agli ioni di litio a 48V di tensione, anch’essa collocata sotto il vano di carico posteriore. Compito del sistema ibrido leggero supplementare consiste nella redistribuzione dell’energia immagazzinata per fornire assistenza all’unità termica durante le fasi di accelerazione e garantire uno Start&Stop maggiormente reattivo.

Questa la “carta d’identità” dei nuovi motori Ingenium 3.0 mild-hybrid per Range Rover Velar 2021.

Benzina

  • P340: potenza massima 340 CV; coppia massima 480 Nm; sovralimentazione mediante turbocompressore a tecnologia twin scroll; distribuzione a fasatura automatica delle valvole CVVL-Continuous Variable Valve Lift
  • P400: potenza massima 400 CV; coppia massima 550 Nm; sovralimentazione mediante turbocompressore a tecnologia twin scroll; distribuzione a fasatura automatica delle valvole CVVL-Continuous Variable Valve Lift

Gasolio

  • D300: potenza massima 300 CV; coppia massima 650 Nm; tempo di accelerazione 0-100 km/h: 6”5; consumo medio ed emissioni di CO2 dichiarati: 7,4 litri di gasolio per 100 km e 194 g/km di CO2; sistema di sovralimentazione a turbocompressori sequenziali e dispositivo di post-trattamento “new gen” dei gas di scarico.

Quale modello di ingresso alla gamma Velar, viene introdotta l’unità di nuova generazione Ingenium D200 turbodiesel da 204 CV, anch’essa provvista di sistema “ibrido leggero” a 48V e, dati alla mano, dichiarata per consumi ed emissioni di rispettivamente 6,3 litri per 100 km e 165 g/km.

La trazione è integrale per tutti i modelli.

Bentornata, leva del cambio

Il nuovo allestimento di Range Rover Velar 2021 si riconosce per la presenza di un aggiornato volante multifunzione con pulsanti “intelligenti” (il re-engineering è contestuale all’adozione del sistema di aggiornamento over-the-air per i dispositivi ADAS) e per il ritorno di un selettore di velocità “fisico”. Nella fattispecie, una nuova leva del cambio che sostituisce il precedente controller “a rotella”.

Gli aggiornamenti infotainment

A bordo di Range Rover Velar 2021, le funzionalità multimediali ricevono il nuovo modulo Pivi e Pivi Pro, con grafiche di visualizzazione e funzionalità di gestione aggiornate (oltre all’upgrade over-the-air per i sistemi di ausilio attivo cui si è fatto cenno, arrivano una doppia connettività Bluetooth, l’integrazione di Spotify ed il ricorso alle App di controllo anche da remoto della gestione della ricarica e dell’autonomia per la variante ad alimentazione ibrida plug-in).  Da rilevare, inoltre, a tutto vantaggio del comfort per conducenti e passeggeri, una nuova funzione “Purity” per il climatizzatore automatico, che filtra particelle fino a PM2.5, ed un sostanziale miglioramento in termini di insonorizzazione, ottenuto in virtù dell’adozione del sistema Active Road Noise Cancellation che emette un suono “in controfase” rispetto ai rumori che provengano dall’esterno del veicolo.

Range Rover Velar 2021: immagini ufficiali Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Land Rover Defender 2.0 SD4 S: la prova su strada

Altri contenuti