New Stratos: la supercoupé di Manifattura Automobili Torino sbarca in UK

Appuntamento all’inizio dell’autunno nella cornice del Salon Privé: la “Bête à gagner” del 21. Secolo debutterà nel Regno Unito.

Di New Stratos molto si è parlato in tempi recenti: originariamente (2010) creata da Pininfarina come esemplare unico – su commissione dell’imprenditore tedesco e collezionista di auto storiche Michael Stoschek – su base Ferrari F430 ed a sua volta evoluzione della concept Phenomenon Stratos del 2005, è stata successivamente (dal 2018) indicata per una produzione in serie limitata dall’atelier Manifattura Automobili Torino, fondata nell’autunno del 2014 da Paolo Garella e Paolo Griot.

Venticinque esemplari, tutti “ricavati” da Ferrari F430

La “berlinetta” dalle linee dichiaratamente ispirate (come del resto il nome della vettura suggerisce) alla leggendaria “Bête à gagner” torinese disegnata da Bertone e protagonista indiscussa della scena rallystica dalla metà degli anni 70 fino al 1982 (anno di scadenza dell’omologazione in Gruppo 4) e da decenni ambito “pezzo” da collezionismo, si prepara a fare nuovamente bella mostra di se. L’appuntamento è fissato per l’inizio del prossimo autunno: precisamente dal 23 al 26 settembre, e nella cornice di Blenheim Palace, monumentale residenza di campagna situata a Woodstock (Oxfordshire), dove si terrà l’edizione 2020 del “Salon Privé”, evento internazionale dedicato alle auto storiche (e moderne, come in questo caso) di grande prestigio. New Stratos by Mat-Manifattura Automobili Torino verrà realizzata in venticinque unità, tutte “ricavate” dalla medesima architettura e meccatronica: appunto, Ferrari F430, ogni esemplare della quale riceve un ampio “capitolato” di modifiche in ordine di contenere il peso ed aumentare agilità e prestazioni su strada.

Entusiasmo dagli organizzatori e dai vertici Mat

Ad annunciare la conferma del “vernissage” oltremamanica di New Stratos sono gli stessi vertici della factory di Rivalta di Torino e gli organizzatori della manifestazione, che di fatto ospiterà il debutto di New Stratos nel Regno Unito. “Mat Stratos è una brillante reinterpretazione in chiave moderna di una ‘icona’ degli anni 70, e mette bene in evidenza la grande passione, l’abilità manuale e le competenze di engineering che hanno contribuito alla creazione di questo eccezionale omaggio – osserva David Bagley, direttore Vendite del Salon Privé – Nella progettazione del nuovo modello, Manifattura Automobili Torino ha profuso il massimo impegno per realizzare una vettura tanto autentica quanto l’originale, anche in alcuni particolari come il vano portacasco ricavato nel pannello porta. Soltanto venticinque esemplari programmati ne fatto un modello ultra-raro, e da parte nostra siamo entusiasti di potere mostrare la novità ai nostri ospiti, molti dei quali sono collezionisti di supercar in edizione limitata”. Riccardo Garella, direttore vendite e Marketing di Manifattura Automobili Torino, si dichiara “Felice ed orgoglioso di portare New Stratos per la prima volta nel Regno Unito, e per giunta in un evento di primissimo piano. Il ‘Salon Privé’ rappresenta una soluzione ideale per i nostri progetti e per l’’experience’ che intendiamo offrire sempre agli enthusiast nostri clienti”.

Programma di realizzazione articolato

L’iter di sviluppo di New Stratos, dalla pannellatura carrozzeria in fibra di carbonio, è stato piuttosto lungo: “capostipite”, come detto, fu quindici anni fa il prototipo Phenomenon Stratos (2005), alla quale, dopo cinque anni, fece seguito la “one-off” Pininfarina New Stratos, al cui sviluppo contribuì anche l’ex pilota di Formula 1 Tiago Monteiro per la definizione delle modifiche da adottare in previsione di un utilizzo su strada e tenuto conto dell’origine del modello, ovvero Ferrari F430 che anche nel progetto ripreso da Manifattura Automobili Torino funge da “donor car” e dalla quale vengono ricavati il telaio – accorciato di 200 mm nell’interasse: il passo di New Stratos misura 2.400 mm contro il 2.600 mm di F430 – e l’unità motrice, cioè il 4.3 V8 “riveduto e corretto” con l’adozione di un nuovo impianto di scarico completo (collettori e catalizzatore compresi) ed abbinato al cambio robotizzato a sei rapporti, con levette al volante, riprogrammato nella rapportatura in modo da offrire valori tecnici e prestazionali di assoluto rilievo:

  • potenza massima: 540 CV
  • coppia massima: 519 Nm
  • velocità massima dichiarata: 273 km/h
  • tempo di accelerazione da 0 a 100 km/h annunciato: 3”3.

Esposta in anteprima assoluta al Salone di Ginevra 2018 (dove era stato annunciato il prezzo di realizzazione per ogni cliente: 550.000 euro “al netto” della F430 dalla quale ricavare i componenti utili all’allestimento della vettura), New Stratos è stata poi portata nuovamente al PalExpo nell’edizione successiva (2019) in una configurazione ancora più “racing”: niente più trasmissione elettronica né levette al volante, sostituite da un cambio manuale a cinque rapporti.

New Stratos by Manifattura Automobili Torino Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Izera Cars: marchio polacco con design italiano

Altri contenuti