Gumpert Nathalie First Edition: la supercar a celle di metanolo entra in produzione

536 CV, fino a 820 km con un pieno di metanolo in normale commercio, schizza a300 km/h. Il prezzo? 407.000 euro. Prime consegne nel 2021.

Dal prototipo alla realtà: ed ecco come il futuro della mobilità eco friendly si arricchisce di un ulteriore tassello. Dopo l’anteprima al Salone di Ginevra 2019, in cui aveva fatto bella mostra di sé in veste di prototipo, la supercoupé tedesca Gumpert Nathalie si prepara all’esordio sul mercato. I prezzi di vendita saranno proporzionalmente elevati: in perfetta corrispondenza con le creazioni di Roland Gumpert, già a capo della Divisione Marketing Volkswagen e Audi, fondatore della piccola factory Apollo Automobil e dal 2017 a capo del progetto che porta il suo nome associato alla start-up cinese Aiways. Del resto, la tecnologia portata in dote da Gumpert Nathalie è decisamente rivoluzionaria: si tratta della prima autovettura al mondo alimentata a celle di combustibile al metanolo. Ma andiamo con ordine.

Bye bye colonnine e stazioni di rifornimento dell’idrogeno

Con questo tipo di alimentazione, il “numero uno” di China Aiways Roland Gumpert dichiara alcuni vantaggi sostanziali: più sicurezza, maggiore economia in rapporto ai “tradizionali” carburanti ed una notevole autonomia; fattore quest’ultimo che, abbinato ad un sofisticato sistema di recupero dell’energia cinetica nelle fasi di decelerazione e di frenata, assicura al conducente una percorrenza tale da scongiurare qualsiasi rischio di rimanere “a secco”. Come si accennava, le nuove tecnologie presuppongono un adeguato sforzo finanziario da parte dei potenziali acquirenti: la supercar cino-tedesca verrà prodotta in 500 esemplari, e con prezzi a partire da 407.000 euro. Un importo non certamente alla portata di tutte le tasche. È peraltro interessante considerare la coupé Gumpert nelle innovazioni che essa porta in dote, riassumibili nell’indicazione, rilasciata dallo stesso ingegnere ed imprenditore tedesco, secondo cui la coupé Nathalie “Rappresenta la mia personale visione dell’auto elettrica: un veicolo che non si arresta quando le batterie si scaricano. E per di più che non necessiti di colonnine di ricarica né di punti di rifornimento dell’idrogeno. Questa è la vettura a celle di combustibile a metanolo: ad un anno dall’anteprima, ora siamo in grado di portarla al debutto sul mercato”.

Velocissima e sobria: 820 km con un pieno

Tecnicamente, l’impostazione powertrain si affida ad un modulo di propulsione costituito da quattro motori elettrici (schema utilizzato da gran parte dei progetti relativi a vetture elettriche ad altissime prestazioni), uno per ogni ruota; l’alimentazione – e qui c’è la parte più interessante – avviene per mezzo di una cella di combustibile da 15 kW, il cui compito consiste nella produzione di idrogeno dal metanolo, e di convertirlo a sua volta in energia elettrica che viene immagazzinata in una batteria-tampone da 178 kWh. La potenza erogata è nell’ordine di 536 CV, che consentono alla coupé zero emission prestazioni elevatissime: 300 km/h la velocità massima dichiarata, e soltanto 2”5 per lo scatto da 0 a 100 km/h. Altrettanto interessante è la parte del progetto riferita ai valori di autonomia: 820 km di percorrenza massima con un “pieno”, e soltanto tre minuti per riempire il serbatoio da 65 litri con metanolo normalmente disponibile in commercio.

Fibra di lino per la carrozzeria

La vettura che sarà presto sul mercato (le prime consegne di Nathalie First Edition sono previste nella primavera del 2021) mette in evidenza alcune novità rispetto alla concept svelata a Ginevra 2019: si segnalano, a questo proposito, le porte a perno centrale e dall’apertura “a forbice” (sistema simile a quello che solitamente utilizza Lamborghini), un nuovo disegno della parte anteriore del corpo vettura e di quella posteriore (da notare, a questo proposito, l’ampio alettone) e, per rimanere in tema eco friendly, l’adozione di nuovi materiali leggeri e sostenibili, come la fibra di lino che costituisce il 50% dei pannelli carrozzeria, al posto della costruzione interamente in fibra di carbonio utilizzata nel prototipo.

Gumpert Nathalie First Edition 2020: immagini ufficiali Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Volkswagen Touareg R ibrida plug-in

Altri contenuti