Honda Civic Type R: il restyling al Tokyo Auto Salon 2020

Upgrade più funzionale che estetico per la hatchback da sparo giapponese: sviluppa sempre 306 CV ma riceve le principali novità a livello di telaio.

Il 2020 di Honda si inaugura all’insegna della caratterizzazione “spinta” del suo modello più venduto, oltre che dalla carriera produttiva più lunga: si tratta di Honda Civic, sotto i riflettori del colosso giapponese nella nuova declinazione-restyling per Type R. Un aggiornamento che segue in linea retta gli “upgrade” recentemente rivolti a Civic e Civic Si, e che mette in evidenza una serie di novità estetiche “di dettaglio”, e contestualmente un più marcato re-engineering che interessa le performance di telaio ed il ricorso ai sistemi di sicurezza attiva. La novità viene svelata in questi giorni, insieme ad un leggero rinnovamento di immagine anche per la supercoupé ibrida Honda Nsx, al Tokyo Auto Salon 2020 (rassegna da non confondersi con il Tokyo Auto Show: se quest’ultimo riguarda le novità di mercato “generaliste”, il “Salon” è dedicato al mondo delle elaborazioni, delle personalizzazioni e degli accessori speciali: un po’, per intenderci, come avviene oltreoceano con il SEMA di Las Vegas), che apre oggi – venerdì 10 gennaio – al grande pubblico, e resterà in cartellone per l’intero weekend.

Corpo vettura: un leggero facelift

Fedelmente al “nuovo corso” operato per la “capofamiglia” Civic, improntato più ad attualizzare gli atout di qualità costruttiva ed all’aggiornamento delle tecnologie di bordo, anche per la declinazione sportiva Civic Type R il “refresh” estetico è piuttosto limitato: gli stilisti giapponesi hanno messo mano soltanto alla forma del paraurti anteriore, adesso provvisto di prese d’aria “maggiorate”, e della griglia lievemente aumentata (modifiche improntate ad un più deciso “family feeling” con i modelli di nuova produzione Honda). Da segnalare il debutto di una nuova tinta carrozzeria “Boost Blue” fornita in esclusiva per la berlina-hatchback ad alte prestazioni. Relativamente all’impostazione dell’abitacolo, ci si attendono – sulla base di quanto annunciato da Honda – un volante di nuovo disegno e che potrà altresì essere ordinato con rivestimento in Alcantara per la corona, ed una nuova leva del cambio, più corta e dalle manovre di innesto ancora più brevi.

Telaio, freni e modalità di guida

Al fine di offrire agli appassionati una guida ancora più reattiva, lo studio di restyling per Honda Civic Type R 2020 ha comportato l’adozione di nuovi elementi elastici (boccole posteriori più rigide che aiutano a migliorare l’aderenza del veicolo, nuove sospensioni anteriori indirizzate ad uno sterzo più diretto) ed il ricorso ad un impianto frenante maggiorato, composto da nuovi dischi freno e pastiglie ancora più performanti. Resta peraltro invariato il modulo di tre modalità di guida – “Comfort”, “Sport”,”+R” – che, a seconda del programma selezionato, incide sulla risposta di acceleratore e sterzo e sulle sospensioni.

Motore: c’è il nuovo Active Sound Control

Altresì confermata è l’unità motrice, peraltro più che sufficiente – anche in virtù degli aggiornamenti alle dinamiche telaio – ad entusiasmare il guidatore più smaliziato: sotto il cofano, Honda Civic Type R 2020 mantiene il performante 2.0 benzina turbocompresso da 320 CV (valore riferito alla produzione europea) di potenza massima ed una forza motrice da 400 Nm di coppia massima, abbinato al cambio manuale a sei velocità con rapportatura ad hoc ed al differenziale a slittamento limitato. Anche per la meccatronica, in ogni caso, i tecnici Honda hanno progettato una novità: l’Active Sound Control, che adegua il “suono” percepito all’interno della vettura in funzione della modalità di guida selezionata dal conducente.

Sistemi ADAS: le novità

A bordo di Honda Civic Type R 2020 debutta, ed a seconda dei mercati di destinazione, la “suite” di dispositivi di ausilio attivo alla guida Honda Sensing, della quale fanno parte, fra gli altri, Cruise Control adattivo con mantenimento della distanza a bassa velocità e sistema intelligente di controllo della velocità di crociera, sistema di monitoraggio  del traffico in avvicinamento e informazioni sull’angolo cieco mediante radar collocati sul lato posteriore del veicolo e che avvertono il conducente della presenza di altre vetture durante la retromarcia, sistema di mantenimento della corsia di marcia e frenata autonoma d’emergenza con sensori di riduzione eventuale impatto, sistema di riconoscimento segnaletica stradale.

Honda NSX: torna il “giallissimo” sulla coupé ibrida

Accanto a Civic Type R in edizione “Model Year 2020”, Honda espone, al Tokyo Auto Salon 2020, la supersportiva ibrida a tre motori NSX da 581 CV e 646 Nm complessivi (equipaggiata, cioè, con il V6 3.5 VTec sovralimentata a sistema twin-turbo abbinato a tre motori elettrici: uno da 48 CV collocato, posteriormente, fra unità a benzina e cambio 9DCT doppia frizione a nove rapporti; gli altri due, da 37 CV ciascuno, collocati in corrispondenza delle ruote anteriori) arricchita con una nuova verniciatura esterna in tinta “Indy Yellow Pearl II”: una nuance simbolo per la produzione più sportiva di Honda, essendo già stata in passato utilizzata sulla lineup NSX ed S2000 in Europa.

Honda Civic Type-R: la prova su strada Vedi tutte le immagini
Altri contenuti