Cupra Tavascan: SUV coupé elettrico per Francoforte

La novità “zero emission” attesa all’IAA 2019 è uno Sport Utility full size dalle linee dinamiche, due motori elettrici, 306 CV e 450 km di autonomia.

Si chiama Tavascan la novità che Cupra presenterà ufficialmente al Salone di Francoforte 2019. E, in perfetta corrispondenza con le anticipazioni “captate” nei giorni scorsi, si tratta della prefigurazione di un veicolo di fascia SUV-coupé ed a propulsione 100% elettrica allestito su un corpo vettura dall’immagine marcatamente dinamica. “Tutto in regola”, quindi, rispetto agli stilemi ed all’impostazione hi-tech con i quali il nuovo “sub-brand” di Seat si è presentato al pubblico, all’inizio del 2018, e che viene via via ad evolversi, tanto da poter considerare come sempre più personale e distinto l’approccio di stile conferito ai progetti Cupra.

Anteprima del corpo vettura

Le linee e le tecnologie di bordo si evolvono, l’origine dei nomi rimane quella, consueta, attraverso la quale la “Casa madre” Seat si è fatta conoscere, già dagli anni 70, in ambito internazionale: ovvero “geografica”. Tavascan è, infatti, il nome di una località dei Pirenei; una scelta “in linea” con l’impostazione “Sport Utility” conferita alla concept che il brand di Martorell esporrà all’imminente IAA 2019. Base di partenza è la piattaforma modulare MEB-Modularer Elektrobaukasten che costituisce altresì l’”ossatura” della nuova lineup VW ID. che al Salone di Francoforte verrà anticipata dalla attesa ID.3 e (secondo quanto è possibile ipotizzare) dai modelli “derivati” ID.Crozz e ID.Buzz. Dimensioni piuttosto importanti – gli ingombri esterni non vengono, al momento, comunicati; è possibile attendersi misure esterne non certo “minimal”, tenuto conto che il prototipo che Cupra esporrà a Francoforte viene provvisto di ruote da ben 22” di diametro ai cerchi – ed un insieme di linee che ricorda un po’ lo stile di Lamborghini Urus, dunque decisamente dinamico, sono gli atout che sottolineano il layout estetico-funzionale di Cupra Tavascan. Il fatto di essere esclusivamente “zero emission” deve avere suggerito al centro Stile Cupra un preciso studio aerodinamico: le prese d’aria, indica a questo proposito una nota di anteprima corredata da alcune immagini “di assaggio”, sono state studiate specificamente in funzione dell’efficienza del veicolo, consentendo ai flussi di scorrere in maniera fluida sulla carrozzeria così come confluire all’interno per un ottimale raffreddamento delle batterie.

L’abitacolo: tecnologico e sportivo

Una conferma di evidente sportività si accompagna anche nell’analisi degli interni: l’abitacolo di Cupra Tavascan viene dominato da un ambiente che fa ricorso a fibra di carbonio, Alcantara e pelle per i rivestimenti (ad effetto tridimensionale) e le rifiniture, tanto dei pannelli porta quanto della plancia e dei sedili anatomici. All’insegna della versatilità di impiego, si segnala la possibilità di ruotare lo schermo integrato dentro ciascuno dei sedili verso il passeggero; e la connettività mediante smartphone e speaker. La posizione di guida si completa con un modulo di strumentazione 100% digitale con schermo da 12.3”. Le funzionalità infotainment sono controllabili mediante un display da 13”.

Powertrain: due motori elettrici da 306 CV

La ricerca hi-tech in materia di sviluppo dei gruppi di alimentazione da parte dei tecnici Cupra è ormai nota: con e-Racer, il nuovo “spin off” di Seat ha dato vita ad un personale programma di sviluppo della mobilità ostenibile in chiave high performance; è stata poi la volta di Formentor, che debutterà nel 2020 “Insieme ad altri due modelli ibridi plug-in ad alte prestazioni”, indica l’amministratore delegato di Cupra, Wayne Griffiths. Con il SUV-coupé a cinque porte Tavascan, la e-mobility in ottica stradale compie un ulteriore passo in avanti. Nello specifico, l’alimentazione studiata per Cupra Tavascan si avvale di due motori elettrici, uno per ciascun assale, in grado di erogare una potenza complessiva nell’ordine di 306 CV e, su strada, una capacità di accelerazione da 0 a 100 km/h in 6”5.

Batterie e autonomia

In termini di resa su strada, indica la nota Cupra, il prototipo Tavascan atteso all’IAA 2019 viene alimentato da un pacco batterie agli ioni di litio da 77 kWh, opportunamente collocato nel pianale del veicolo in modo da aiutare al mantenimento di un baricentro adeguatamente basso, a tutto vantaggio delle doti dinamiche e di tenuta. Riguardo all’autonomia massima, Cupra dichiara una percorrenza (ciclo WLTP) di 450 km.

Cupra Tavascan Concept: immagini ufficiali Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Cupra El Born: elettrica sportiva

Altri contenuti