Nuovi pedaggi: no al Gra, sì ai caselli Anas

Chi circolerà sul raccordo anulare di Roma non dovrà pagare pedaggio. Aumento, invece, sui 4 caselli autostradali attorno alla città

La prima notizia è che non ci saranno i caselli sul raccordo anulare che circonda Roma. La seconda è che cambieranno le tariffe sui raccordi autostradali gestiti dall'Anas attorno a Roma, colpendo gli automobilisti che entrano in città attraverso le 4 barriere autostradali: Roma Nord (per chi proviene da Firenze), Roma Est (l'autostrada che viene da L'Aquila), Roma Sud (alla fine della Napoli-Roma) e Roma Ovest (alla fine della A12 da Civitavecchia). Esazione anche per chi utilizza i caselli di Fregene-Maccarese, Fiano Romano, Lunghezza, Settecamini e Ponte di Nona, come i pendolari che ogni mattina entrano in città.

Contrario e contrariato il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, che si è detto pronto a "sfondare i caselli con l'auto" qualora se ne costruissero di nuovi.

Pronta la pungente riposta leghista: "Sfondi pure i caselli, purché sia poi lui a ripagarli e non lo faccia con un'auto blu a carico dei cittadini". Intanto, però, è stato confermato che la decisione ministeriale non toccherà gli automobilisti che si spostano da un punto all'altro di Roma utilizzando il raccordo.

La nuove cifre per i caselli citati - in vigore dal primo luglio - parlano di un euro di supplemento per le auto e di due per i mezzi pesanti. La sovrattassa non potrà comunque superare il 25% del pedaggio attualmente dovuto.

Se vuoi aggiornamenti su NUOVI PEDAGGI: NO AL GRA, SÌ AI CASELLI ANAS inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 30 giugno 2010

Vedi anche

Ford annuncia un investimento da 1,2 miliardi di dollari per gli Usa

Ford annuncia un investimento da 1,2 miliardi di dollari per gli Usa

Il programma rafforzerà gli impianti di produzione Suv e pick-up nel Michigan, dei relativi motori e lo sviluppo di nuove tecnologie per la mobilità.

Emissioni: la stampa francese accusa Renault

Emissioni: la stampa francese accusa Renault

Un dossier che conterrebbe valori di NOx alterati pubblicato da Libération. Renault puntualizza: "Mai violato alcuna normativa".

PSA-Opel: le posizioni dei governi francese e tedesco

PSA-Opel: le posizioni dei governi francese e tedesco

La trattativa per la cessione di Opel a PSA ha attirato l'attenzione della politica e dei governi coinvolti.