È Torino la città più eco-mobile d’Italia

Tra i criteri bike e car sharing, servizio pubblico e veicoli a basso impatto. Al secondo posto Venezia. In fondo alla classifica c'è Foggia.

Premia Torino l'indagine dell'Osservatorio sulla mobilità sostenibile in Italia di Euromobility. Il capoluogo piemontese è stato giudicato la città «più eco-mobile» del Paese, grazie a un trasporto pubblico che funziona, al miglior car sharing riscontrato nella penisola, a un valido servizio di biciclette per i cittadini e a una buona quantità di veicoli basso impatto ambientale circolanti. Punto dolente il fatto che, nonostante le condizioni e i meriti, nella città i valori di inquinamento atmosferico superino spesso i limiti.

La classifica, realizzata nella sua quinta edizione grazie al contributo di Assogasliquidi, Consorzio Ecogas e Bicincittà e con il patrocinio del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, vede ai primi posti città del nord, tranne Firenze che si piazza al 9°: sul podio ci sono Venezia (2° posto) e Milano (3°), seguono Brescia, Parma, Bologna, Padova e Bergamo. In decima posizione Genova mentre ultime per mobilità sostenibile tra le 50 città analizzate ci sono Campobasso e Foggia.

Oggetto del sondaggio sono stati i capoluoghi di Regione, i due capoluoghi delle Province autonome e le città con una popolazione superiore ai 100.000 abitanti. Oltre a car sharing, bike sharing e servizio di trasporto pubblico, tra i criteri di valutazione dell'Osservatorio sulla mobilità sostenibile ci sono la quantità di parcheggi e di auto di ultima generazione, il numero di incidenti, l'indice di mortalità, le vetture per km quadrato.

«Questo quinto rapporto ha registrato qualche passo in avanti sulla strada dell'eco mobilità» ha dichiarato Lorenzo Bertuccio, direttore scientifico di Euromobility. «Nell'ultimo anno si conferma la diffusione del bike sharing e il forte aumento delle auto a gpl e metano: oltre 7 auto su 100 sono a gas, anche se negli ultimi mesi la crescita si è arrestata a causa della mancanza degli incentivi che avevano così tanto contribuito a raggiungere questi obiettivi. E ciò a dispetto di quello che chiedono i cittadini: oltre l'85% vorrebbe che i carburanti gpl e metano costassero di meno e l'82% chiede incentivi economici per l'acquisto o la trasformazione a gas della propria automobile».

Se vuoi aggiornamenti su È TORINO LA CITTÀ PIÙ ECO-MOBILE D’ITALIA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Eleonora D'Uffizi | 21 dicembre 2011

Vedi anche

Bollo auto: sconto per chi sceglie la domiciliazione bancaria

Bollo auto: sconto per chi sceglie la domiciliazione bancaria

In Lombardia è previsto uno sconto del 10% sul bollo auto per chi sceglie la domiciliazione bancaria.

Bollo auto: chi non paga, non potrà circolare

Bollo auto: chi non paga, non potrà circolare

Emendamento PD alla Legge di Stabilità: dal 2018 i centri revisione controlleranno anche la situazione bollo. Niente collaudo per chi non pagherà.

Trump presidente USA: gli effetti sul mondo dell

Trump presidente USA: gli effetti sul mondo dell'auto

L'elezione di Donald Trump alla Casa Bianca avrà conseguenze anche sul mondo dell'auto, con particolare attenzione ad emissioni e delocalizzazione.