Nuova Mercedes EQC: primo contatto con il SUV elettrico della Stella

Il primo SUV 100% elettrico targato Mercedes si presenta con un’estetica originale e convince per prestazioni e tecnologia.

Per il marchio Mercedes-Benz, il 2019 è un anno particolarmente importante perchè segna l’arrivo del nuovo SUV “EQC“, primo modello 100% elettrico della Casa della stella a tre punte, pronto ad inaugurare la nuova gamma a zero emissioni “EQ” del Costruttore tedesco che entro il 2022 verrà allargata fino a raggiungere un totale di 10 modelli. Quest’ultimo sarà un passaggio intermedio verso una scelta ecosostenibile ancora più coraggiosa, infatti la Casa di Stoccarda punterà entro il 2039 ad offrire una gamma totalmente “carbon neutral”, ovvero priva di emissioni nocive.

La nuova Mercedes EQC, oggetto di un nostro primo e approfondito contatto avvenuto ad Oslo, si presenta come un SUV di medie dimensioni, paragonabile alla GLC, sfoggiando una lunghezza pari a 476 cm, 188 cm di larghezza e 162 cm di altezza, misure che la rendono più compatta dell’Audi e-tron.

Frontale grintoso ed originale

Il frontale della vettura si discosta dall’ultimo linguaggio stilistico del brand, sfoggiando un’ampia mascherina cromata che separa i proiettori Full LED, con questi ultimi uniti da una fascia lucida a forma di “U”. Se si opta per l’allestimento “Premium” l’estetica della vettura risulta più elaborata grazie a paraurti specifici e all’adozione dei cerchi in lega da 19 pollici al posto di quelli da 18 offerti di serie. La vista posteriore è invece più tradizionale, con l’ampio portellone impreziosito da un piccolo lunotto che viene lambito nella zona inferiore da un unico e sottile gruppo ottico che si estende per tutta la larghezza.

Abitacolo spazioso e tecnologico

Entrati nell’abitacolo si scopre un ambiente spazioso capace di regalare un elevato confort a 4 passeggeri adulti, inoltre questi ultimi possono contare su un ampio vano bagaglio capace di metter a disposizione uno spazio di ben 500 litri che diventano 1650 litri abbattendo i sedili posteriori, inoltre risulta ben accessibile grazie alla ridotta altezza della soglia.

Seduti al posto di guida si apprezza immediatamente la comodità del sedile sufficientemente rigido e ricco di regolazioni elettriche con memoria, inoltre non mancano le funzioni refrigerante e riscaldante. Osservando la plancia spiccano i due ormai “classici”, si fa per dire, display da 10,25 pollici dedicati rispettivamente alla strumentazione digitale ed ampiamente settabile e al sistema di infotainment MBUX dotato di intelligenza artificiale, comandi vocali intelligenti, connettività per smartphone compatibile con i sistemi Apple CarPlay e Android Auto. Il sistema multimediale permette inoltre di controllare altre funzioni come l’impianto audio e altri sistemi di connettività capaci di identificare le colonnine di ricarica, inoltre vanta una grafica specifica per la EQC, sviluppata anche per gestire al meglio lo schema elettrico della vettura. Alcuni materiali degli interni sono criticabili, più che altro se si pensa al prezzo della vettura, ma nel complesso il livello delle finiture è molto alto, come d’altronde ci si aspetterebbe da una Mercedes. Non apprezziamo la posizione freno a mano elettronico che risulta poco visibile e non può essere azionato dal passeggero nei casi d’emergenza.

Due motori elettrici per oltre 400 CV di potenza

La ECQ è spinta da due propulsori elettrici posizionati rispettivamente nella zona anteriore e in quella posteriore e capaci di offrire una potenza complessiva di ben 408 cavalli, chiamati a spingere una massa di ben 2.495 kg. Solitamente il motore che spinge l’auto è quello anteriore, ma quando il sistema richiede la la massima potenza, o se ci sono problemi di tenuta interviene anche quello posteriore, offrendo così maggiore potenza e anche una trazione integrale.

I motori elettrici sono alimentati da un pacco batteria da 80 kWh che offre un’autonomia nel ciclo NEDC di 445 km, ma nella guida di tutti i giorni l’autonomia effettiva risulta di circa 300 km. Come accennato in precedenza, l’infotainment MBUX mette a disposizione il servizio battezzato “Mercedes Me Charge” – utilizzabile pure tramite lo smartphone – che permette di programmare il viaggio senza “ansia da ricarica”, gestendo l’autonomia delle batterie e cercando sul percorso selezionato le varie  stazioni e colonnine per il pieno di energia. A proposito di ricarica, utilizzando la rete domestica si impiegano undici ore per una carica completa, tempo che scende di tre volte se si sfrutta la wallbox Mercedes, mentre se si opta per la ricarica veloce da 1109 kW in soli 40 minuti si ottiene l’80% della carica.

Al volante della Mercedes EQC

Il test su strada effettuato al volante della ECQ nei dintorni di Oslo in un percorso ricco di curve, salite e discese, abbiamo apprezzato immediatamente il confort e la silenziosità offerta dalla meccanica 100% elettrica della vettura. Grazie ad una coppia istantanea di 760 Nm e alla potenza di oltre 400 CV, ogni volta che si schiaccia sull’acceleratore la vettura regala una spinta pazzesca ed inaspettata considerando l’importante massa. La presenza dei paddle dietro il volante permette di gestire il sistema di recupero dell’energia: azionando quello sinistro aumenta l’intensità del recupero, mentre se si preme quello destro diminuisce. I livelli azionabili sono 5, a cui si aggiungono cinque differenti settaggi di marcia denominati: Comfort, ECO, Max Range, Sport e Individual.

Prezzi

La Mercedes EQC può già essere ordinata presso gli showroom della Casa della stella, mentre le prime consegne partiranno a ottobre. Il listino prezzi parte da 76.839 euro per l’allestimento Sport, la versione premium costa invece 3.660 euro in più, infine nel periodo di lancio è disponibile ad un prezzo di circa 87mila euro la versione speciale Edition 1886.

 

Mercedes: al volante delle berline compatte Vedi tutte le immagini
Altri contenuti su Mercedes-Benz